Traduttore: M. Caramella
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: XIII-362 p., Brossura
  • EAN: 9788804573500
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Noanter

    13/03/2012 16:00:53

    Tra i "classici moderni", probabilmente uno dei più sopravvalutati. Slegato (non onirico), ripetitivo (non subliminale) e persino noioso (altro che manifesto di libertà). Probabilmente leggerlo in questo tempo e in questo mondo vuol dire non coglierne poesia e profonda essenza, ma è l'unica giustificazione possibile per una lettura che ho faticato tremendamente a portare a termine.

  • User Icon

    Enzo

    28/06/2010 10:08:26

    Un capolavoro senza precedenti. Ha dato il via ad un'intera epoca. Amo Kerouac esageratamente. Andate a San Francisco o a Denver tra la gente che 30 anni fa era beat, tra le librerie, le strade, i pub, e i vaialoni. Alla fine vi sentirete meglio.........

  • User Icon

    DANIELA

    15/05/2010 12:17:32

    Ne avevo sentito parlare così bene che mi aspettavo di più. Il romanzo è molto lungo ed alcune pagine sono superflue. Sarebbe stato sicuramente migliore se kerouac non si fosse fermato a descrivere nei minimi dettagli cose inutili, come le sue serate passate nei locali americani. Il libro in alcune parti è difficile da seguire perchè c'è uno scorrimento di eventi troppo veloce. Il tipo di scrittura è semplice, spicciola ed a volte elementare. Quello che Kerouac mi ha trasmesso è il non senso della vita, la sensazione di disadattamento che noi tutti abbiamo nei confronti della socieà, il non trovare il nostro posto nel mondo e la rincorsa da parte dell'uomo verso qualche cosa che nemmeno noi sappiamo che cosa è! L'insoddisfazione perenne che fa parte di ognuno di noi! Dove stiamo andando? Cosa stiamo facendo? Quale è il senso di tutto questo? Infelicità e senso di non appartenenza. è un messaggio su come sia difficile vivere in questa società e le conseguenze di una scelta di vita fuori dagli schemi. Personalmente non discuto sui valori morali e messaggistici di questo romanzo, nel quale Keruac è bravissimo e riesce a trasmettere molto bene, solo ripeto, il romanzo è troppo lungo ed alcune parti sono noiose ed inutili.

  • User Icon

    Salvo

    09/01/2010 15:26:59

    Un libro che inizialemte ho interrotto perché non riuscivo a seguirne la storia...poi mi ci sono messo su seriamente ed è un capolavoro che bisogna assolutamente leggere. Mistico, subliminale, con un invito fortissimo a vivere la vita intensamente, istante dopo istante, al di là di ciò che si possa avere in tasca. Un libro che ti induce a chiederti chi sei, cosa fai, perché lo fai. Un libro che ti apre gli occhi alla vita.

  • User Icon

    Manuel

    04/09/2009 21:51:55

    Quando mi chiedono "il tuo libro preferito?", io rispondo il solito "non si può averne uno solo di preferiti" ma il mio pensiero va sempre inevitabilmente sulla strada...

  • User Icon

    federica

    28/01/2009 15:49:40

    libro senz'altro da leggere....non si può non trovare nella libreria di tutti!!! l'ho apprezzato nonstante abbia riscontrato difficoltà nel seguire il racconto...in certe parti ho fatto fatica ad afferrare il succo degli avvenimenti.....inoltre, non so se anche ad altri è capitato, Dean mi faceva proprio antipatia!!! Cmq và letto!

  • User Icon

    francesco

    23/09/2008 00:44:56

    Libro crepuscolare,non sembra affatto propenso a dettare le linee generali di un manifesto programmatico di identificazione di un fenomeno sociale,quanto a scandagliare le sensazioni di soggetti perduti.condotto sul crinale doppio di un onirisno spinto,di un delirio ossessivo, estatico in contrasto esacerbato con la cadenza quotidiana della monotona esistenza,impastoiata di melensa finitudine.tutto e' avvolto dall'inquietudine di questi hipsters che decidono di andare a ritmi frenetici,dettati dall'angelo bruciante,l'irrequieto dean che rapisce ogni volta sal imprimendo all'esistenza di ognuno che incroci la sua strada velocita' intense.attraversano l'america da est ad ovest ,da nord a sud,non lasciano traccia,si consumano a vicenda.pasoliniano a volte,qui ci troviamo di fronte a ragazzi di vita statunitensi che si sostengono a forza di traversate continentali spasmodiche ,benzedrina ,marijuana ,sesso e jazz.la visione del cavallo notturno che fende il silenzio della giungla del sud interrompendo il sonno-sogno di sal non potrebbe evocare ,se pure in circostanze del tutto diverse,la visione della strenua attesa nel deserto dei tartari ?apologia negativa della figura femminea relegata al ruolo di oggetto di consumo ,sembra che per questi personaggi la collocazione ideale della donna sia il materasso.comunque risaltano le visioni estatiche ,le elucubrazioni deliranti,ebbri come erano di droghe,poi i viaggi interminabili,la consumazione della propria vita a non progettare niente di duraturo se non fughe continue,fino allo sfinimento fisico,per poi trovarsi catapultati nella noia di un crepuscolo metroplitano a leccarsi le ferite .autodistruttivi,lesionisti ,non curanti del pericolo,generazione di osservatori delle strade ,scrutatori delle lunghe notti di pioggia .timidi accenni di denuncia sociale nelle critiche mosse ai benpensanti dei college, irridenti, benestanti.testo da studiare ,meditare,non da afferrare e farne oggetto di venerazione.sal alla fine del viaggio si annulla nel pensiero,imitiamolo in silenzio.

  • User Icon

    Patty

    31/08/2008 11:58:17

    Il voto cosi alto e' dovuto ad un insieme di cose: innanzitutto per quello che questo libro rappresenta; grazie a questo libro e' nata una nuova epoca, un nuovo modo di vivere la vita, viverla "sulla strada" appunto, sempre alla ricerca di se' stessi e di un motivo per cui vivere. Poi sicuramente il mio giudizio si riferisce sicuramente anche al nuovo modo che ha Kerouac di scrivere e di raccontare.. E' dunque assolutissimamente da leggere!!

  • User Icon

    alessandro

    10/07/2008 16:21:23

    E'un libro icona,a volte fastidioso,a volte divertente, ma la sensazione che mi ha lasciato è un misto di inquietudine e libertà. Dico subito che il libro mi è piaciuto e che in qualche modo mi ha fatto pensare alla mia condizione di essere umano a volte asservito alla società.La Beat generation ha avuto il coraggio e la sfrontatezza di abbattere quelle barriere e quei legacci morali e bacchettoni caratterizzanti quell'epoca (anni 50) di cui parla il libro, ma si potrebbe tranquillamente fare la trasposizione ai giorni nostri. In questo libro la cosa più sorprendente sono i personaggi così moderni e così trasgressivi,soprattutto la figura di Dean(concentrato di energia/pazzia/voglia di vivere)e anche di Kerouac stesso(Sal)ma con la caratteristica di un introspezione profonda da vero scrittore . E poi la descrizione di Una America underground così sorprendentemente viva ma con tanti chiari/scuri da fare a volte impressione. E infine la descrizione dell'ultimo viaggio in Messico fatto quasi in chiave antropologica/mistica, risulta magica quanto inquietante e disperata. Un libro da leggere meglio se in viaggio come Jack Kerouac(possibilmente in moto)

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione