Categorie

Il sultano e l'isola contesa. Cipro tra eredità veneziana e potere ottomano

Vera Costantini

Editore: UTET
Anno edizione: 2009
Pagine: XI-239 p., Rilegato
  • EAN: 9788802080970
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,50

€ 23,00

Risparmi € 11,50 (50%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Joker

    29/04/2017 01.26.12

    Buon libro, non particolarmente scorrevole (né pretende di essere un romanzo) ma molto denso di informazioni: giunti alla fine si ha l'impressione di aver letto 600 pagine, anziché 200. Tutte le vicende di Cipro sono raccontate dal punto di vista ottomano, tanto che Costantinopoli viene sempre chiamata Istanbul, ma con oggettivitá e senza incensare gratuitamente, né nascondendo le atrocitá commesse dai turchi. Contrariamente ad altri storici "revisionisti" secondo cui tutto il Mediterraneo non vedeva l'ora di sottomettersi al sultano, qui scopriamo ad esempio che i contadini ciprioti erano "sordi alle sirene della propaganda ottomana" e che "l'aristocrazia cipriota non aveva certo bisogno di essere convinta a difendere il potere della Serenissima nell'isola". Per provare la bontá del suo lavoro di ricerca, la Costantini illustra le fonti e la propria metodologia, prima di narrare gli avvenimenti. Se l'esaustiva parte sul regime fiscale turco risulta un po' pesante per chi non nutra un interesse specifico, le informazioni linguistiche ad esempio riusciranno interessanti ad ogni lettore e cosí quelle su sincretismo religioso, penetrazione culturale latina, convivenza di cattolicesimo e ortodossia. Pur con qualche piccola imprecisione (Girolamo Zane ad esempio morí in prigione ma non fu condannato al carcere a vita, piuttosto era in attesa di terminare il processo), una lettura forse non leggerissima ma piacevole, particolareggiata e informativa.

Scrivi una recensione