Categorie

Vittorio Bini

Editore: Franco Angeli
Collana: Management Tools
Anno edizione: 2011
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: 296 p.
  • EAN: 9788856840612

Indice:

Introduzione
Parte I. Alcune distribuzioni preliminari
L'abbigliamento e la moda
(La moda; Il continuativo)
Il programmato
(I tempi del programmato; La continuità di produzione; Le fasi di lavoro; Il timing delle fasi di lavoro)
Il fast fashion o pronto moda
(Caratteristiche del settore; Zara e H&M; Tendenze di settore; Il caso Kor@Kor)
Parte II. Struttura generale di un'azienda di abbigliamento
Lo stile
(Caratteristiche e specificità dell'attività stilistica; Stile e operation; Il processo di creazione stilistica; Programmazione dei tempi e delle risorse dello stile; Il bilancio delle risorse dello stile)
Industrializzazione del prodotto
(Documenti di industrializzazione; Tempi e costi di produzione)
Le vendite
(Organizzazione generale; Il budget di vendita; Fissazione delle date di inizio e chiusura vendite; Analisi delle date di consegna richieste dalla clientela; Gli strumenti di vendita; I canali di vendita; Le diverse forme di vendita e la loro dinamica; Il procedimento di acquisto dei buyer; I riassortimenti; Gli articoli non sono uguali)
La previsione e l'analisi della domanda
(Previsioni su dati storici noti e ignoti; Previsioni e proiezioni; Diversità tra domanda e venduto; Livello di rischio per tipo di prodotto e cliente; Metodi di elaborazione dei budget per wholesale e retail; Elaborazione dei dati storici; Stagionalità; Depurazione da dati fuorvianti; Proiezione; Le previsioni e le proiezioni degli articoli moda; L'utilità delle previsioni del prodotto moda)
Gli acquisti
(L'MRP; L'ERP; Il JIT; Determinazione delle quantità da ordinare in base al venduto o alla scorta di magazzino; Determinazione della domanda finale su cui calcolare il fabbisogno; Trend; Stagionalità; Determinazione delle date di ordine per ordini sul venduto o per il magazzino; La caratteristiche dei fornitori; La performance dei fornitori; La valutazione dei fornitori; Determinazione del livello di fornitura adeguato; Determinazione dei quantitativi di fornitura opportuni; Quantità e frequenza degli ordini; Le informazioni al fornitore)
La produzione
(Le organizzazioni produttive; Job shop; I bilanciamenti dei tempi di produzione; Produzione a lotti; Il set up delle linee di produzione; La riduzione dei tempi di set up; Il bilanciamento delle fasi di produzione nell'abbigliamento; La produzione di massa; La produzione continua; La tecnologia di base della produzione di abbigliamento; I materiali; Il controllo dei materiali e la qualità; La determinazione del campione corretto; Il taglio; La tessitura nella maglieria; Il cucito; La programmazione del lavoro; Il controllo della produzione; La produttività; La riduzione dei tempi improduttivi; L'efficienza come prodotto delle performance; Il coordinamento dell'attività produttiva con il resto della supply chain; Quanto e quando produce; Il controllo della supply chain complessiva; Analisi delle scorte; La lentezza decisionale come ostacolo all'efficienza; L'analisi corretta delle informazioni; Il bilancio delle attività della supply chain complessiva; Aspetti organizzativi del controllo; IL caso La Perla; La programmazione di produzione. Il caso Malo)
La lean production nell'abbigliamento
(Concetti di base; La lean come coordinamento; Le lean e i servizi; Il caso Vicini-Zanotti)
Il custode service
(Funzioni principali; Aspetti di base dell'attività; L'importanza del customer service per l'assortimento del retail monomarca)
La logistica
(L'organizzazione generale del magazzino; La mappatura del magazzino; Fasi di lavoro; L'importanza dei magazzini; La programmazione dei magazzini; Il valore in stock; Il sorter; La sicurezza di magazzino; Il packaging; Le spedizioni; Il caso Guess)
Le operation nel retail
(La scelta della location; Il layout di negozio; L'esposizione e l'assortimento; La logistica e il processo di acquisto; Un caso particolare: gli outlet; Il caso Logital)
Glossario.