E Susanna non vien. Amore e sesso in Mozart

Leonetta Bentivoglio,Lidia Bramani

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2014
Pagine: 283 p., Brossura
  • EAN: 9788807491719

36° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Cinema, musica, tv, spettacolo - Musica - Stili e generi - Classica occidentale

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 8,64

€ 13,60

€ 16,00

Risparmi € 2,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberto Gondoli

    15/12/2014 20:13:31

    Un saggio su Mozart è sempre una bella notizia e una ghiotta occasione di lettura, specie se centrato sul "corpus miracoloso" costituito dalla trilogia operistica dapontiana, come giustamente lo definiscono le autrici; peccato che per le stesse autrici sia occasione per una lunga tirata sessista e classista, per la quale maschio è male, femmina è bene, aristocratico è cattivo, popolano è buono. Peccato, perché è evidente che, tra i personaggi creati dai geni Mozart-Da Ponte-Beaumarchais, le donne sono spesso più virtuose o (secondo i casi) più scaltre dei maschietti, e lo stesso si può dire per i servi al confronto dei loro padroni. Non era perciò necessario esasperarne le interpretazioni, a volte del tutto arbitrarie, come quelle su donna Anna e su Don Ottavio, fino a diventare in qualche occasione involontariamente comiche (la spiegazione proposta per la frase "da una mia serva aita" pronunciata dalla Contessa Almaviva). Una lunga dissertazione è dedicata a dimostrare come Don Giovanni sia cattivo e su quanto sia incredibile che molti trovino affascinante la sua indole eccessiva, indomita e libertaria. Il problema non si pone: il Cavaliere è certamente cattivo, tant'è che Mozart lo spedisce all'inferno! Solo che i cattivi hanno a volte un loro fascino, specie quelli letterari, il che non vuol dire naturalmente che sia possibile farne dei modelli. Peccato, perché per il resto il libro si legge bene, è ricco di riferimenti letterari, e regala molti particolari sulla vita di Mozart. E comunque sarà un libro santo e benedetto, se contribuirà a far scoprire anche a un solo uomo (o donna) la bellezza del miracolo mozartiano.

Scrivi una recensione