Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Svelare il mistero. Filosofia e narrazione a confronto - Antonio Malo - copertina

Svelare il mistero. Filosofia e narrazione a confronto

Antonio Malo

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Edusc
Anno edizione: 2021
In commercio dal: 26 febbraio 2021
Tipo: Libro universitario
Pagine: 394 p.
  • EAN: 9788883339455
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 30,00

Venduto e spedito da Libreria Bortoloso

spinner

Disponibile in 5 gg lavorativi

Solo 2 copie disponibili

+ 5,49 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 28,50

€ 30,00
(-5%)

Punti Premium: 29

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 28,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quest'opera, che rientra nell'ambito dei Cultural Studies, si sofferma su un aspetto che le teorie della narrazione spesso trascurano, ovvero il rapporto tra poetica, prassi e teoria. Il mondo della finzione è, perciò, analizzato sia nella sua costruzione poetica, sia nel suo influsso sul pubblico e sui lettori e sia nella sua apertura alla trascendenza. Il punto di collegamento fra poetica e trascendenza si trova, secondo l'autore, nel concetto di verosimiglianza, ovvero nella verità, bellezza e bontà che operano nella finzione. Essa ammette, quindi, diversi livelli di profondità: quella logica, indicata da Aristotele, che permette di introdursi nei mondi immaginari; quella metafisica della rappresentazione dell'esistenza umana; e quella gnoseologica in cui c'è il riconoscimento e il piacere estetico derivanti dalla scoperta della propria vita attraverso le vicende dei personaggi di finzione. Attraverso l'analisi di diverse opere letterarie e cinematografiche, l'autore mostra come la trascendenza sia l'autentica protagonista della finzione, mentre la riduzione postmoderna della bellezza narrativa a una sensibilità e a un'affettività autoreferenziali mostra tutta la sua contraddizione. Oltre alla sua apertura al vero, al bello e al bene, la trascendenza della finzione ha a che fare con la philia: la quasi-amicizia che si stabilisce fra l'autore/lettore e i personaggi letterari, e che porta la finzione a oltrepassare se stessa, al di là della stessa intenzione dell'autore e dell'opera. Non si tratta soltanto di una sorta di transfert emotivo con i personaggi, né di una fusione di orizzonti in grado di dare luogo a una mimesis educativa e catartica. È qualcosa di più. Qualcosa che può essere propriamente descritto come "amore", e che è alla base dell'influsso della finzione sulle nostre vite. È proprio in questo accostamento fra poetica narrativa e amicizia che si trova il contributo fondamentale di quest'opera.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali
Chiudi