Sylvia's Lovers

Sylvia's Lovers

Elizabeth Gaskell

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: StreetLib
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 441,33 KB
  • EAN: 9788892512825

€ 3,49

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

We are in November 1859 and Elizabeth Gaskell decides to spend a vacation of 15 days in Whitby, Yorkshire town. Here he began to do research on whaling, the forced conscription of sailors in the British fleets during the wars against France and the subsequent popular rebellions. From whatever comes this novel called "Sylvia's lovers". Whitby town is renamed Monkshaven, but the whole context is maintained exactly: the Abbey, the port, the farms, the sea. The writer tells again the story of humble social classes, perhaps the saddest story I have ever written, the story of Sylvia Robson and his two lovers, Charley Kinraid, a fearless harpooner and manly and Philip Hepburn, a simple shop salesman. But, as in many stories, the writer really never uniquely interpretable and events follow each other in always new twists that change more and more characters. Only the sea, in the background, with its rushing waters, remains identical to itself, with its language that speaks of eternity ...
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Elizabeth Gaskell Cover

    (Londra 1810 - Alton, Hampshire, 1865) scrittrice inglese. In alcuni suoi romanzi (Mary Barton, 1848; Nord e sud, North and South, 1855) si avverte l’eco dei problemi sociali del tempo (il conflitto tra capitale e lavoro, quello tra nord industriale e sud agricolo), che la G. affronta con partecipazione umanitaria. L’opera più nota, Cranford (1853), è uno studio di ambiente provinciale, ora lirico ora ironico. Sono da ricordare anche Ruth (1853), in difesa della parità sociale e sessuale della donna, e un’eccellente biografia di Charlotte Brontë (1857). Approfondisci
Note legali