Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Tateshi Danpei

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Harumi Mizuho
Paese: Giappone
Anno: 1962
Supporto: DVD
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 13,43

Venduto e spedito da KONKE

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (6 offerte da 8,99 €)

La storia di un uomo che si misura nell'arte della scherma.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Andrea C.

    20/01/2021 16:42:56

    Un film che racconta, attraverso le vicende di due uomini, le grandi trasformazioni in atto nel Giappone d’inizio secolo. I due protagonisti principali rappresentano, infatti, due epoche artistiche profondamente diverse. Sawada incarna il Nuovo Teatro Nazionale (Shinkokugeki), che recepisce alcuni aspetti del teatro realista occidentale; Danpei, invece, il Teatro Kabuki, simbolo di una tradizione artistica ancora apprezzata (ma per quanto?) dalle masse popolari. Per il giovane maestro “la vita è recitare”, per l’anziano coreografico “la vita è la scherma”.

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Pulp Video, 2013
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 85 min
  • Lingua audio: Giapponese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Kinuyo Tanaka Cover

    Attrice e regista giapponese. A partire dal 1924 interpreta una grande varietà di ruoli, diventando una diva del cinema muto. L'avvento del sonoro non la coglie impreparata: è infatti l'interprete di Madamu to nyobo (La signora e mia moglie, 1931) di H. Gosho, primo film sonoro giapponese. In seguito è anche la protagonista di Iznu no odoriko (La danzatrice di Izu, 1933) ancora di Gosho. Nel 1940 interpreta Naniwa onna (La donna di Naniwa) di K. Mizoguchi e inaugura una lunga collaborazione con il regista che interrompe per dedicarsi, una delle prime donne giapponesi, alla produzione e alla regia. Debutta con Koibumi (Lettera d'amore, 1953) e in seguito dirige altri cinque film senza per questo smettere di recitare. Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali