Categorie

Teatro. Il gabbiano-Il giardino dei ciliegi-Zio Vania-Tre sorelle

Anton Cechov

Curatore: G. Guerrieri
Editore: Mondadori
Collana: Oscar classici
Formato: Tascabile
Pagine: XXXIX-319 p.
  • EAN: 9788804355137
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 7,12

€ 9,50

Risparmi € 2,38 (25%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Una rassegnazione disperata, il rimpianto del passato, la vanità dell'attesa, nei quattro capolavori di Cechov: commedie distaccate, di pura conversazione, che segnano l'inizio del teatro contemporaneo.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luigi Murtas

    23/08/2011 12.43.23

    Il mio approccio con Cechov, straordinario.

  • User Icon

    francesco

    24/05/2006 19.42.06

    Una commedia molto bella. Nonostante abbia sentito dei commenti che attribuivano aggettivi tipo "noioso", oppure "semplice", devo dire che quest'opera deve essere "letta fra le righe": stamo aprlando di un quadro geniale di un'interpretazione sociologica e morale della Russia ai tempi di Checov! Una poeticità e una "filosofia" (azzarderei dire) che ti toccano nel profondo. I personaggi che rieci a precepirne l'essenza fino in fondo, e un moto sempre continuo ma fermo e quasi inattivo. Il silenzio e l'inattività dei eprsonaggi. Il terzo atto, come Stanislaskij ha scritto, l'ho un pò sudato... ma il finale!!!!

  • User Icon

    Federico

    12/03/2006 12.11.14

    Una commedia o tragedia? Eh, bella domanda. a mio avviso, sembrerebbe essere una tragicomedia cadendo più sulla commedia, grazie, naturalmente all'ironia checoviana che ogni tanto si presenta, con l'ottimismo inserito. Tuttavia, qualche nota, o meglio, una nota tragica si presenta. Almeno la più aggravante di quel momento. Il giardino dei ciliegi è un fantastico dramma, che messo in scena divinamente, potrà rendere il massimo di Checov. il finale, poi è uno dei più belli, che in tutti i drammi che ho letto, solo raramente ne ho visti: come ad esempio in casa di bambola di Ibsen.

Scrivi una recensione