Il teatro e il suo doppio

Antonin Artaud

Traduttore: G. Marchi
Curatore: G. R. Morteo, G. Neri
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2000
  • EAN: 9788806156909

14° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Storia e critica - Letteratura teatrale e drammaturghi

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 10,80

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Amida

    03/11/2017 15:10:53

    Visionario e affascinante, è un testo davvero imprescindibile non solo per chi si interessa di teatro. Illuminante la spiegazione che dà Artaud di che cos' era la peste. Poi tratta diversi temi, tra cui il teatro balinese. Mi ricorda Nietzsche per la forza con cui esprimeva le sue idee. Davvero stupendo!!!

Scrivi una recensione

Il teatro e il suo doppio è un testo che non indica come fare teatro. Qui Artaud afferma le possibilità estreme del teatro nel suo rigore pieno e necessario, attraverso un ventaglio di scritti come progetti drammatici, progetti di messa in scena, cronache drammatiche, recensioni, articoli.
Questo volume vuole presentare l'essenziale del pensiero di Artaud nelle sue applicazioni al teatro. Vi figurano oltre al testo ormai classico Il teatro e il suo doppio altri scritti che completano l'immagine del teatro in Artaud: progetti drammatici, progetti di messa in scena, cronache drammatiche, recensioni, articoli. Le idee teatrali di Artaud hanno aperto un campo di esperienze e di ricerche, intorno ad alcune rivendicazioni fondamentali: sollevazione contro la dittatura del testo, coinvolgimento del pubblico, mobilitazione di tutte le energie fisiche attive nello spettacolo e loro codificazione in un linguaggio integrale. Ma per Artaud non si tratta semplicemente di modificare l'equilibrio istituzionale del teatro e di ridefinirlo sotto forma di un nuovo «paradosso sull'attore» (o sul regista). Un testo come Il teatro e il suo doppio non appartiene agli uomini di teatro. Molto piú che un discorso precettistico su come fare teatro è un'evocazione delle possibilità estreme del teatro, di quella tentazione (o «doppio») di azione assoluta irreversibile «la crudeltà») che incombe sull'esibizione dei corpi nello spazio scenico.

Prefazione di Jacques Derrida. Nota bio-bibliografica di Guido Neri. -Teatro Alfred Jarry. -II teatro Alfred Jarry e l'ostilità pubblica. - Una pantomima. Un soggetto per la scena. - Due progetti di messa in scena. -Note critiche. -A proposito di un testo perduto. -Il teatro e il suo doppio. -Il teatro di Séraphin.