La tempesta. Testo inglese a fronte - William Shakespeare - copertina

La tempesta. Testo inglese a fronte

William Shakespeare

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: Agostino Lombardo
Editore: Feltrinelli
Edizione: 8
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 4 giugno 2014
Pagine: XI-239 p., Brossura
  • EAN: 9788807901386

20° nella classifica Bestseller di IBS Libri Classici, poesia, teatro e critica - Letteratura teatrale - Drammi di Shakespeare

Salvato in 240 liste dei desideri

€ 9,00

Venduto e spedito da La Leoniana

Solo una copia disponibile

+ 3,55 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 8,55

€ 9,00
(-5%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 8,73 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il duca di Milano, Prospero, spodestato dal fratello Antonio, regna su un'isola deserta, un mondo di creature fatate. Qui Prospero ha sconfitto la strega che vi abitava, ha liberato gli spiriti da lei imprigionati e ha sottomesso il figlio di lei, l'orribile Calibano. Dopo dodici anni trascorsi sull'isola assieme alla figlia Miranda, Pospero fa naufragare con la sua magia la nave che trasporta l'usurpatore Antonio con il suo alleato, il re di Napoli, il figlio di questi Ferdinando e il consigliere Gonzalo. Prospero tiene in pugno i naufraghi che credono distrutta l'imbarcazione e morto Ferdinando. Il giovane è salvo, incontra Miranda, se ne innamora e i due si fidanzano. Intanto Antonio si pente e si riconcilia con il fratello.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,69
di 5
Totale 13
5
10
4
2
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    pdg

    16/05/2020 14:44:25

    Mi sono appassionato a Shakespeare dopo aver visto il film La stoffa dei sogni. Non pensavo di doverlo scrivere, ma qui c'è tutto, veramente tutto e anche tutto Shakespeare. Forse è per questo che l'in-folio si apre con La tempesta, l'ultimo dei drammi romanzeschi e la più grande delle opere del Bardo. Bellissima e immortale!

  • User Icon

    Fra

    14/05/2020 18:48:49

    Un autentico capolavoro, un'opera assolutamente da leggere per godere del genio di Shakespeare per poi prendersi il tempo per riflettere su quanto letto. Imprescindibile per arricchire la propria libreria e la propria anima.

  • User Icon

    Serena

    12/05/2020 22:30:39

    Traduzione perfetta, versione economica ma ugualmente soddisfacente per esame universitario

  • User Icon

    federico

    12/05/2020 16:43:42

    di sicuro il più complesso libro si Shakespeare che ho affrontato. L'opera è permeata di una magia e da un alone di mistero che rispecchia Prospero e l'isola su cui è confinato

  • User Icon

    Laura

    11/05/2020 23:02:07

    Ho comprato questo libro per un esame universitario. La traduzione è davvero buona. L'opera è tra le più famose di Shakespeare, quindi non c'è molto da dire a riguardo. Sicuramente merita di essere letta.

  • User Icon

    clichoco

    11/05/2020 16:20:06

    I testi a fronte sono sempre tra i miei preferiti perchè leggere un autore immenso come Shakespeare focalizzandosi solo sul contenuto senza considerare la forma è come Romeo senza Giulietta, inesistente. Morte e rinascita ricorrono spesso in questo dramma in 5 atti.

  • User Icon

    Luigi

    03/05/2020 10:22:18

    Tra i testi più belli del grande drammaturgo inglese. Una favola dalla dimensione simbolica e ricca di una drammaticità coinvolgente.

  • User Icon

    Alessio

    20/03/2020 22:24:51

    "The tempest" presenta, forse, un'indagine politica meno accurata ed approfondita rispetto ad altri testi di Shakespeare, ma, combinandosi con una serie di temi esplorati con maggiori sfumature, crea un'alchimia di assoluto pregio. Il rapporto fra scienza e magia, fra padre e figlia, fra colonizzatore e colonizzato rendono quest'opera tanto affascinante quanto complessa, suggerendoci l'idea di un'incandescenza sempiterna del materiale poetico trattato: il controllo sugli agenti naturali e il rapporto di dominio sull'indifeso e marginalizzato sono tematiche più che mai attuali, spesso vissute solo superficialmente, senza mai davvero posarvi il pensiero. Attraverso tale piéce, è possibile tornare a farlo.

  • User Icon

    francescacongiulio

    31/08/2019 15:31:35

    Forse una delle messinscene più lineari e semplici del drammaturgo britannico, ma anche una delle più mitologiche e mistiche, sempre a favore dell'andamento della trama. Non mancano i rancori familiari, la triste politica ed il romanticismo più sano. Ottimi dialoghi, anche se meno impostati e più spigliati rispetto alla maggioranza degli scritti shakespeariani. Personaggi secondari come Calibano hanno lasciato di sicuro una traccia e un'ispirazione ai posteri.

  • User Icon

    n.d.

    21/07/2019 20:45:04

    Un' imperdibile favola in 5 atti, a lieto fine, che ancora una volta incorona Shakespeare assoluto e incontrastato pittore dell'animo umano. Edizione - a mio parere - mediocre che merita una scarsa sufficienza.

  • User Icon

    n.d.

    18/07/2019 19:12:55

    Bellissima storia, un capolavoro!\nTradotto molto bene!

  • User Icon

    Gianni

    11/03/2019 21:50:14

    Un libro che può sembrare "minore" rispetto a opere shakespeariane più note, eppure leggerlo contestualizzandolo nella condizione esistenziale di Shakespeare in quel momento può offrire punti di vista che rendono questa lettura molto più interessante. In ogni caso non trovo che quest'opera sia una delle migliori, ma questo si basa sul mio gusto personale (preferisco le tragedie alle commedie e ai drammi storici) e non sulla qualità effettiva del testo, che è eccellente.

  • User Icon

    Cristiano Cant

    16/10/2017 05:06:26

    Bisognerebbe tornare a Shakespeare ogni trenta libri letti. Egli è come una luna piena, un astro puntuale e incantevole che non potrà mai tradire le leggi della fedeltà verso il cielo; o ancora, come dopo viaggi lunghi e impegnativi si torna ad una casa sicura nella quale il cuore sa che potrà quietarsi da ogni fatica, come un faro a cui riferirsi dopo traversate per niente semplici. Pochissimi spiriti posseggono questa dote, Balzac, Platone, Dante, Thomas Mann, e appunto il genio di Stratford. Sia chiaro, non sono affatto amici tranquillizzanti, ma su ogni dettaglio hanno una risposta, su ogni smarrimento un consiglio, su ogni ferita una cura, insomma...su ogni tornante dell'animo l'ago della bussola non tradisce. C'è nelle loro opere una tale grandezza, uno sguardo così preciso sulla complessità della vita, su tonfi, imprecisioni, gesti, malvagità, che ogni loro rigo da solo vale un atlante, una landa infinita capace di ospitare e dar luce ad ogni minimo pensiero vissuto. Parlare della Tempesta è come ripetere il nome del proprio genitore, è un testo così mirabile che può soltanto essere onorato, perché se è vero, per dirla con Prospero (monumentale personaggio) che "siamo fatti della materia di cui son fatti i sogni, e nello spazio e nel tempo d'un sogno è racchiusa la nostra breve vita", allora la vita è un confuso, tormentato e contorto labirinto il cui centro resta comunque la poesia, cioè l'indicibile reso carne, ossa, lacrime e carezza. Il faro, appunto. Opera sontuosa, dove l'acqua e la magia si danno la mano in un gioco di desideri, sfide, comandi le cui parole sono il sublime stesso; opera di magnifico scavo politico, di riflessione sul potere, sul sotterfugio e la slealtà. L'isola piena di rumori, suoni, avvisi, è una continua risorsa di sorprese, un'elegia di vertigini in cui la natura trova la sua voce, il vento mostra le sue fauci e le pieghe del divino si tolgono di dosso molti veli. Prospero è un Amleto finalmente vendicato. Maiuscolo capolavoro.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente
  • William Shakespeare Cover

    Nacque da John, guantaio e piccolo proprietario terriero e da Mary Arden, di famiglia socialmente più elevata di quella del marito. Terzo di otto fratelli, studiò nella scuola di Stratford, che dovette forse abbandonare per sopravvenute ristrettezze economiche. A 18 anni si sposò con la venticinquenne Anne Hathaway da cui ebbe subito la prima figlia Susan, causa delle affrettate nozze, e nel 1585 i due gemelli Judith e Hamnet, morto poi nel 1596. Fino al 1592 non ci sono notizie attendibili; certo è che a questa data aveva ormai lasciato famiglia e paese natio per trasferirsi a Londra, dove era in contatto con l’ambiente degli University Wits. Nel periodo della peste (1593-94) scrisse due opere poetiche dedicate al duca di Southampton:... Approfondisci
Note legali