Tempo d'estate

Summertime

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Summertime
Regia: David Lean
Paese: Stati Uniti
Anno: 1955
Supporto: DVD
Salvato in 19 liste dei desideri

€ 16,00

Venduto e spedito da Juke Box

Solo 1 prodotto disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 11,89 €)

Jane Hudson, una signorina americana non più giovane, giunge a Venezia per un periodo di ferie. In quell'ambiente pieno di gioia, di sole e di amore, sente dolorosamente la propria solitudine. La sera, seduta in piazza S. Marco, lo sguardo di uno sconosciuto, le riesce molesto e la costringe ad andarsene. Il giorno seguente entra da un antiquario e si vede davanti l'uomo della sera prima, il signor Renato che le manifesta la sua simpatia invitandola ad un appuntamento in piazza S. Marco. Qui l'ora tarda, l'ambiente, la musica, vincono le sue ultime resistenze e Jane è totalmente conquistata.
2
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Riccardo Alberti

    05/09/2020 11:36:53

    Ecco un film che non vale un fico secco per il ricorso piuttosto banale a stereotipi triti e consunti sul 'genio italico': città d'arte, zuccheroso romanticismo d'antan, languide passioni extraconiugali in puro gusto stilnovistico, latin lovers affascinanti, inevitabilmente ballerini e canterini, ma sempre frivoli, più adatti ad un flirt estivo che ad un'autentica storia d'amore. E tuttavia la pellicola si lascia guardare con un certo piacere per la magnifica rappresentazione degli scorci di una Venezia fiammeggiante e fasulla nel Technicolor patinato della fotografia di Jack Hildyard. Lean rappresenta la città con luminosi toni estivi (e non con quelli consueti, autunnali, decadenti e malinconici, di «Anonimo veneziano» e «Morte a Venezia»), offrendo un'incantevole sequela di cartoline per turisti, ambientate fra calli e canali, sestieri e ponti ad arco in marmo, case popolari dai colori sgargianti e i sontuosi palazzi rinascimentali del Canal Grande, già resi immortali da Tintoretto, Guardi e Canaletto. Una Katharine Hepburn leggermente appassita, ma che conserva memoria della passata, nervosa, sofisticata bellezza, ci regala l'ennesima impeccabile rappresentazione, mentre Brazzi, seduttore dal fascino italico, maschio e brizzolato, appare, come al solito, imbalsamato e vagamente sfasato con le scene che interpreta. Superflua la figura del monello scalzo in versione lagunare che vorrebbe ricalcare analoghi personaggi di scugnizzi, lazzari e sciuscià partenopei, ma risulta solo posticcio. La musica in punta di violino di Cicognini, che sottolinea ogni singola scena, ripropone in maniera un po' stereotipata il classico repertorio romantico italiano, dall'operistica al melodico, ma alla fine risulta irrimediabilmente stucchevole e anche un poco deprimente.

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: A & R Productions, 2011
  • Distribuzione: A & R Productions
  • Durata: 100 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo);Spagnolo (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Formato Schermo: 1,37:1
  • Area0
  • Contenuti: manifesto originale: locandine; foto; trailers
  • Katharine Hepburn Cover

    Propr. K. Houghton H., attrice statunitense. Alta, magra, le lunghe gambe slanciate, lo stupendo volto coperto di lentiggini, proviene da una famiglia progressista e anticonformista, il padre medico famoso, la madre plurilaureata e con un passato da suffragetta militante. Frequenta il college, ma sin da giovanissima la sua aspirazione è diventare attrice. Dopo un non brillante esordio in teatro, il cinema si rivela presto il suo autentico universo. Evita l'apprendistato esordendo da protagonista in Febbre di vivere (1932) di G. Cukor. L'anno seguente ottiene il suo primo Oscar per l'interpretazione in Gloria del mattino (1933) di L. Sherman, nelle vesti di una ingenua e sfortunata attrice di teatro in cerca di scrittura. Dopo alcuni film di routine, tra i quali Amore tzigano (1934) di R. Wallace,... Approfondisci
  • Rossano Brazzi Cover

    Attore italiano. Fascinoso attor giovane a teatro dalla fine degli anni '30, interpreta sul grande schermo l'aristocratico protagonista di Noi vivi - Addio Kira (1942), kolossal in costume di G. Alessandrini ambientato all'epoca della Rivoluzione d'ottobre. Il suo aspetto seduttivo e latino lo porta a Hollywood, dove lavora al fianco di A. Gardner in La contessa scalza (1954) di J.L. Mankiewicz e di K. Hepburn in Tempo d'estate (1955) di D. Lean. Conclusa l'avventura americana, dopo altri cinque film e svariati telefilm, non sorretto da eclettiche doti recitative, ritorna sui set italiani in ruoli di contorno e in alcuni B-horror nostrani come Terror! Il castello delle donne maledette (1973) di R. Oliver e Fotogrammi mortali (1995) di A. Festa. Approfondisci
Note legali