Terapia di coppia per amanti

Diego De Silva

Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 maggio 2017
Pagine: 280 p., Brossura
  • EAN: 9788806234058
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,75

€ 12,50

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Daniela

    22/09/2018 17:02:33

    Per essere la mia prima lettura di De Silva mi ha convinto. I punti di vista dei personaggi a volte spiazzano, ma poi convincono. Una scrittura leggera e divertente, a volte surreale, ma molto vera. Consigliato con colonna sonora

  • User Icon

    Ariane

    21/09/2018 10:30:24

    Questo libro non è stata una perdita né di tempo né un grande rimorso; tuttavia probabilmente, come nella vita di tutti i giorni, le mie aspettative erano troppo alte e col senno di poi non avrebbe costituito un travolgente rimpianto. I pregi: questo libro avrebbe potuto scriverlo solo un napoletano. L'autoindulgenza alla scanzonatura, una peculiare tendenza all'aforisma e un sapido languore mediterraneo di scarpariello pervadono quest'opera a due voci. De Silva è stato capace nel descrivere e caratterizzare entrambi i personaggi, ciascuno dotato di istanze e prerogative proprie. Certo, forse la dinamica della coppia rasenta il clichè (lui indeciso, riluttante a lasciare la moglie, eterno Peter Pan) e lei (amante perennemente in conflitto con il suo ruolo), ma in fondo, perché non dovrebbe essere realistico e credibile? Il maggior difetto è dal mio punto di vista la sensazione, procedendo nella lettura, che manchi sempre qualcosa e che forse il materiale a disposizione, i personaggi e le trame, potrebbero essere approfondito o meglio gestito (anche se questo è il mio primo De Silva e qui ho letto che questa sorta di stile "sospeso" sarebbe una prerogativa dell'autore). Quindi sì, non è stato un grande amore né un passionale amante, ma una dilettevole e per me nuova incursione in territorio sconosciuto.

  • User Icon

    Ida Celeste

    18/09/2018 08:42:41

    Una storia a tratti simpatica, a tratti invece piena di stereotipi. I personaggi sono irritanti, senza carattere, sempre alla ricerca di una giustificazione per i loro atteggiamenti. Nel complesso però una lettura leggera.

  • User Icon

    Matteo

    17/09/2018 23:17:46

    Dopo Vincenzo Malinconico, avvocato e marito senza successo protagonista del romanzo 'Non avevo capito niente', De Silva ci delizia nuovamente con la sua verve e la sua esuberante ironia che trova fertile terreno nel personaggio di Modesto Fracasso, musicista dall'anima blues, ma questa volta accompagnato da un'ottima spalla femminile, Viviana, che certo non manca di sarcasmo ed affilata mordacità. Una coppia veramente ben assortita, lontana anni luce da Irene e Nicola di 'Mancarsi', irritanti nella loro banalità: un duo irresistibile, a cui l'autore affida la narrazione alternandoli nell'esposizione del proprio punto di vista, esaltando così la distanza tra le differenti visioni della vita e del loro rapporto in particolare. Punto di forza del romanzo sono i dialoghi, forse in virtù dell'esperienza maturata da De Silva come sceneggiatore: estremamente realistici, poco artefatti e mai noiosi, anzi a tratti spassosi nonostante le frequenti digressioni a cui Modesto spesso si abbandona, soprattutto di carattere musicale: menzione particolare per la parafrasi di Malafemmina ed Every breath you take.

  • User Icon

    Giamba

    13/07/2018 14:08:41

    Deludente. Storia banale, poco originale, piena di stereotipi.

  • User Icon

    Martina

    26/06/2018 09:50:38

    Inizio dicendo che ho messo una stellina nella recensione perché non potevo metterne zero come questo libro merita. Terapia di coppia per amanti è il peggior libro che ho letto quest'anno. Avevo iniziato a leggerlo l'anno scorso poi l'ho abbandato e ripreso, l'ho trovato talmente pesante che ho scritto nel libro il giorno in cui ho finito di leggerlo, un'autentica liberazione. Potenzialmente sembra un libro molto interessante che indaga su cos'è l'amore, potenzialmente, invece è pieno di cliché: dal risolvere in problemi "scopando", uso questo termine poco elegante perché lo ha scelto l'autore, al psicologo che è pieno di problemi sentimentali e dovrebbe curare quelli deglu altri, il cliché per automasia sui psicologi che si trova su un'infinità di film, tra cui "L'ultimo bacio" di Gabriele Muccino e "Io, loro e Lara" di Carlo Verdone tanto per citarne qualcuno. Non mi è piaciuta neanche la scelta stilistica di narrare i capitoli alternando i pensieri di lei e di lui senza che ci fosse dialoghi tra loro. De Silva ha dato una personalissima interpretazione del capolavoro "Every Breath You Take" dei Police, che usa come colonna sonora dell'amore di Viviana e Modesto, talmente assurda e delirante che avrei bruciato volentieri il libro, così non dovevo neanche finirlo di leggere... Mi è piaciuta la patologia della "incontinenza ironica" e questa frase "Il punto non è conoscere il problema, è uscirne. È come sapere tutto sui muri che ti circondano: non è che se il misuri vieni fuori di lì." Superfluo sottolineare che ne sconsiglio la lettura e non capisco perché abbiano addirittura tratto un film, forse perché i cliché sono cliché perché funzionano, comunque io boh...

  • User Icon

    Letizia

    20/04/2018 15:01:53

    Due voci diverse, lui e lei, un po' stereotipati ma realistici. Comunque sia, amanti o coniugi, i ruoli son sempre quelli... mi sembra questo il succo. La trama non c'è, ma ci sono frasi carine, spunti per pensare.

  • User Icon

    Leonardo de Chanaz

    24/01/2018 08:17:50

    Il grande rammarico è quello di arrivare alla fine! Ho passato dei giorni allegri grazie all humor straordinario e mitragliante di De Silva. Ho regalato il libro a 5 amici, e tutti mi hanno ringraziato. Assolutamente consigliabile! È il terzo libro di De Silva che leggo, e continuerò.

  • User Icon

    n.d.

    08/01/2018 18:59:55

    si, è interessante nel modo in cui vengono descritte le situazioni

  • User Icon

    Pino

    26/09/2017 16:57:02

    Terrificante. Non c'è scampo da fidanzamenti e/o matrimoni. Si va sempre a finire li....!

  • User Icon

    Giulia

    02/09/2016 22:41:13

    PERFETTO. De Silva va letto.

  • User Icon

    Livia

    30/08/2016 22:44:09

    Sono d'accordo con Raffaella quando dice che solo chi ha vissuto una storia clandestina, può comprendere questo libro... Bello, vero ed emozionante... Magistrale il profilo caratteriale dei due protagonisti che si evince, soprattutto, dal dialogo interiore di ciascuno di loro. L'unica nota negativa: l'infinità di parentesi tonde!

  • User Icon

    raffaella

    23/05/2016 17:59:09

    Solo chi ha vissuto o sta vivendo una relazione clandestina potrà capire a fondo questo libro...bravo De Silva..hai colto nel segno...

  • User Icon

    Alessandro

    05/04/2016 16:03:57

    Un romanzo sulla vita di coppia (clandestina) ma a tratti un vero saggio sulla difficoltà di parlare e di capire gli altri,pure quelli che noi amiamo....e

  • User Icon

    valentina

    16/03/2016 09:09:18

    arrivata a pagina 80 e al millesimo sbadiglio abbandono questo libro. noia e ancora noia.

  • User Icon

    kine

    20/02/2016 19:05:06

    Lettura da ombrellone, piacevole e nn impegnativa. ... per certi versi ho trovato il libro utile.. soprattutto quando ho capito che il vero analista è il padre di lui.... personaggio utilissimo... nn chiedevo molto al libro, per questo metto voto 4...

  • User Icon

    AA69

    07/02/2016 15:39:03

    Che De Silva scriva bene, è fuori discussione... Il romanzo si legge in un niente, è divertente, ironico, allo stesso tempo leggero e profondo nelle riflessioni sulla difficoltà di comunicazione di una coppia. Sia essa ufficiale, che clandestina. Più che dialogare, tutti si parlanno addosso. Se questo libro fosse stato un quadro, il titolo sarebbe potuto essere: "l'uomo in fuga". In fuga dalla famiglia, dal dialogo, dalle responsabilità, dai problemi, dalla vita. Specie se complicata. come se ce ne fossero di semplici... Un protagonosta "calciatore", esperto in dribbling; come dribbla lui i problemi non li dribbla nessuno. Il pensiero del coniuge e di un possibile tentaivo di salvare la famiglia, non appare proprio. I coniugi, poi, sono i grandi assenti, sia agli occhi dei protagonisti, sia perchè essi stessi se ne tirano fuori a priori. Come se in gioco, ci fosse la vita di un altro. Bah. I figli sono i più saggi di tutti, dei padri e delle madri. Fanno loro paternali, richiamandoli non tanto alle responsabilità e ai loro doveri genitoriali, quanto ad un minimo di decoro. Ed ad un concetto basico basico di rispetto per l'altro. Ogni punto di riferimento viene a mancare, se la donna, madre e moglie, si rivolge allo psicologo - macchietta - non tanto per aiutare il figlio che ha subito violenza fisica e morale, quanto per convincere l'amante a "far sul serio". Come se, per far sul serio, avessimo bisogno di farcelo spiegare dallo psicologo e non da un'esigenza. Che amarezza. Chi vince, in tutta questa evanescenza di legami, è l'ironia. Che tutto smorza, attenua, lenisce. Anche lo spessore umano.

  • User Icon

    Stefania

    23/01/2016 01:04:51

    MAh.... è il primo libro di De Silva che leggo.... mi ha incuriosito il titolo e gli estretti in copertina..... idea originale, prometteva bene... ma alla fine sono rimasta abbastanza delusa..... i due protgonisti sono trattati in modo superficiale, poche emozioni, nessun senso di colpa per la famiglia ufficiale lasciata a casa, spesso consapevole! Mi viene da pensare che De Silva non abbia mai vissuto una relazione clandestina, con il suo tzunami di emozioni!!! Ripeto.... bella l'idea della terapia di coppia per amanti.... ma se uno psicologo qualunque leggesse la descrizione del terapeuta del libro e dei suoi comportamenti credo che avrebbe parecchie cosette da ridire!!!

  • User Icon

    carmen

    17/01/2016 20:41:46

    De Silva in questo libro ha messo in evidenza le difficoltà che affronta quotidianamente una coppia di amanti, inseguiti dagli sguardi curiosi della gente, condannati a rimorsi continui. Ma il finale è bellissimo, molto diverso dal triste finale de La donna di scorta. E' come se avesse dato agli amanti dei diritti che la società gli nega ed apprezzato un comportamento spesso condannato da tutti.

  • User Icon

    misselisabethbennet

    13/01/2016 18:40:14

    ..in una parola.. geniale!!! de silva non delude mai.. sebbene aspettassi con trepidazione una nuova avventura di malinconico devo dire che questo libro non ha lasciato l amaro in bocca tutt altro... uno dei migliori!!! assolutamente merita un posto nella libreria di casa!

Vedi tutte le 28 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione