La terza guerra mondiale? La verità sulle banche, Monti e l'Euro. Vol. 1

Elido Fazi

Editore: Fazi
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 280,32 KB
  • Pagine della versione a stampa: 127 p.
    • EAN: 9788864115818
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 0,99

    Venduto e spedito da IBS

    1 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    È vero che la crisi finanziaria di Wall Street del 2008 è stata peggiore di quella del 1929? Perché Andrea Camilleri ha dichiarato sabato 21 gennaio al nuovo programma di Serena Dandini su La7 che è scoppiata la terza guerra mondiale, per ora solo soft? E perché un finanziere come George Soros, uno che viene ancora oggi ricordato come “colui che spezzò la schiena alla Banca d'Inghilterra nel 1992”, dichiara che Lloyd Blankfein, il capo della Goldman Sachs, non è soltanto un uomo avido e poco illuminato, ma il “male assoluto”, come il nazismo e il comunismo? Cosa ne pensa Mario Monti, per anni consulente della Goldman Sachs? Soprattutto, possono gli Stati Uniti – che sono il paese più indebitato al mondo e il meno competitivo in assoluto se si guarda alla differenza tra importazioni e esportazioni – uscire dalla situazione economica in cui si trovano senza innescare una guerra? Perché il Presidente Obama ha firmato il 31 dicembre del 2011 una legge per punire qualunque organizzazione faccia transazioni con la Banca Centrale dell'Iran, che ha avuto l'ardire di aprire una Borsa del petrolio dove si tratta in euro e altre valute, ma non in dollari? Ecco alcuni dei i temi affrontati in questo pamphlet, scritto di getto analizzando le cause più profonde della crisi americana e di quella europea in un contesto in cui si trovano alla ribalta gli interessi di paesi come la Cina e l'India

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      jubanne

      25/07/2012 13:17:13

      Mi sarebbe piaciuto che nel libro, che premetto ho trovato interessante,si esponesse anche l'idea dell'autore su come l'attuale governo Monti dovrebbe affrontare la situazione italiana. Il tema legato alla gestione dell'immenso debito che ci affligge è figlio, anche, di politiche pseudo-espansive attuate nei decenni passati che si sono purtroppo tradotte in sprechi di risorse inimmaginabili. Gli investimenti fatti in passato si sono tradotti, in molti casi, in veri e propri write off, perchè sono stati finanziati progetti inutili, ridondanti, a costi non giustificabili e che, soprattutto, non sono mai stati in grado di generare una reale diffusione di reddito. Al contrario, si sono generati costi a carico di molti e a beneficio di pochi. Ma queste cose le conosciamo bene. Quello che io penso è che lo sviluppo non passa solo attraverso la messa a disposizione di ulteriori soldi per sostenere l'economia improduttiva che ci ha troppe volte caratterizzato in passato. Io credo che questo paese in questo momento debba gestire un'emergenza e la scelta fatta, per quanto facilmente criticabile con il consueto populismo di cui i nostri politici sono maestri, sia stata necessaria. Il passo successivo, che richiede tempi lunghi e riforme vere, sarà, spero, quello di riforme sostanziali. Ma non le riforme, anche queste di bassa lega, di cui leggo sui giornali. Parlo di ripartire dalle regole, di ridare dignità alla cultura del lavoro, di rivedere completamente il funzionamento del mercato aprendolo a dinamiche di crescita reali. Un aspetto sul quale mi trovo totalmente d'accordo, è la assurdità della scelta fatta da parte della BCE di inondare di liquidità le banche che,in cambio, continuano l'incentuoso rapporto con i governi sottoscrivendo titoli di stato guadagnando facile. Nelle moderne economie monetarie il denaro è un bene essenziale come l'acqua e, quindi, l'unica vera via per assicurare il mantenimento di corretti equilibri è la rinascita di una finanza veramente etica.

    • User Icon

      Pietro VIRGILIO Cutensis

      24/04/2012 10:38:28

      Si può vivere nel terzo millennio senza occuparsi di Politica ed Economia ? Forse, ma conoscere almeno l'abc di quell'intrigo di spinte che agitano e condizionano il nostro benessere materiale, mi sembra importante.Elido FAZI nel suo pamphlet " La terza guerra mondiale ? - libro primo " non vuole spaventarci, ma solamente condurci per mano, alternando la Storia del nostro secolo con la sua esperienza di vita e professionale, per capire quanto sia complesso il mondo della Finanza, e quanto questo mondo fatto di banche, politici e statisti, nonché di buoni o cattivi speculatori, possa condizionarci, ma soprattutto Fazi ci insegna ad essere consapevoli ed in grado di porci responsabilmente una domanda, una sola per il nostro prossimo o remoto futuro : Che cosa accadrà quando le risorse energetiche ( petrolio ) finiranno ? Riusciranno le potenze mondiali ( sia quelle vecchie che quelle emergenti )a mettersi pacificamente d'accordo ? oppure il ricorso alle armi cruenti non sarà solo quel proliferare di piccole guerre ridotte in ambiti specifici ? Tutti ci auguriamo di non dover sostituire la locuzione a.C e d.C in a.GM e d.GM ! Certo, studiando su tutto quanto ruota intorno all'Iran - per esempio - c'è di che essere preoccupati.Quindi, per tentare di non essere totalmente ciechi è necessario almeno sapere che cosa è successo a Bretton Woods, conoscere, almeno per sommi capi, le idee di George SOROS e quelle di Tommaso Padoa SCHIOPPA, masticare ( almeno ) termini come FMI o Banca Mondiale, sapere perché è stato coniato il termine Eurodollari, che cosa è il Signoraggio, ma tanto ,tantissimo altro ancora ed avere chiaro che esiste una rivalità tra Dollaro ed Euro, che l'oro ormai da solo non rappresenta più un punto essenziale di riferimento, che lo è ora il Petrolio, ma che finirà, ed indefinitiva, avere chiaro quanto l'Universo Monetario abbia stretta relazione con la Politica e l'Economia. La lettura di queste 127 pagine aiuta a tutto questo. Grazie Fazi.-

    Scrivi una recensione