Ti voglio bene assai. Storia e (filosofia) della canzona napoletana

Luciano De Crescenzo

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
In commercio dal: 14 novembre 2017
Pagine: 135 p., Brossura
  • EAN: 9788804682431
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"È come se le canzoni fossero dei tamburi emozionali che influenzano il battito del nostro cuore. Quando siamo felici, il battito accelera e ci regala un ritmo scanzonato, quando siamo un po' tristi, invece, il battito rallenta e prende la forma di una malinconica nenia. Ci consolano, sono una specie di medicina, un antinfiammatorio dell'anima. Persino Platone e Aristotele erano convinti che l'arte della musica potesse ristabilire l'equilibrio interiore e in alcuni casi incidere sulla morale dell'individuo. lo sono stato fortunato perché sono nato a Napoli, quella che può essere considerata per definizione la città del canto. Questo libro è la prova provata che Napoli è la patria della canzone: Era de maggio, 'O sole mio, Torna a Surriento, 'O surdato 'nnaumurato, Tammuriata nera, Malafemmena... Anzi, forse in fondo Napoli stessa è una canzone." (Luciano De Crescenzo)

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 11,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Paola

    19/09/2018 10:14:47

    In questo libro si trovano tante curiosità e aneddoti sulle canzoni più famose (ma anche alcune meno conosciute) della tradizione napoletana. Ogni canzone un capitolo. Da leggere con sottofondo musicale per apprezzarlo meglio.

  • User Icon

    Federico

    01/07/2016 10:03:54

    Libro simpatico e scorrevole su un argomento insolito e curioso. Temo però che chi, come il sottoscritto, ha letto tutti i libri dell'autore non potrà fare a meno di trovarlo ripetitivo. Tornano ancora i soliti luoghi comuni su Napoli, i suoi abitanti, usanze e personaggi vari di folklore locale descritti in modo troppo esageratamente elegiaco. Meno male che i toni sono un po' meno enfatici di quello sfacciato panegirico intitolato "Ti porterà fortuna" che sembrava scritto su commissione dell'azienda autonoma di soggiorno e turismo di Napoli in cui si lasciava intendere che il Paradiso fosse un sinonimo di Napoli.

Scrivi una recensione