Tibetan Bells II

Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Celestial Harmonies
Data di pubblicazione: 21 luglio 1998
  • EAN: 0013711300529
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 23,90

Venduto e spedito da IBS

24 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
Descrizione

"Tibetan Bells II" è il risultato di anni di studio, viaggi ed esperimenti fatti da Henry Wolff e Nancy Hennings, due musicisti alla ricerca del 'suono tra gli spazi'. Affiancando elementi mai associati prima d'ora, sonorità tra loro lontane per tradizione, spazio e tempo, i due interpreti si sono avventurati nelle remote aree del suono. In questo storico album le antiche risonanze delle campane tibetane sono disposte all'interno di una cornice musicale moderna ed occidentale, dando vita ad un'inedita sintesi dei suoni di oriente ed occidente, passato e presente. La pubblicazione dell'album nel 1978 creò vero scalpore tanto da spingere il famoso compositore Philip Glass ad invitare Henry Wolff e Nancy Hennings a partecipare alle registrazioni della sua famosissima opera "Koyaanisquatsi" che ha permesso ad una vasta audience di conoscere ed apprezzare l'incantevole sonorità della campane tibetane. "Tibetan Bells II" propone esclusivamente le meravigliose melodie delle campane tibetane, strumenti utilizzati nei monasteri per riprodurre il suono dell'Om: Henry Wolff e Nancy Hennings invitano l'ascoltatore a seguirli in un viaggio alla scoperta di queste mistiche ed antiche sonorità.

Disco 1
  • 1 Continuum/Warp
  • 2 The Illusory Body
  • 3 Skybells I
  • 4 Shadow & Distances
  • 5 Skybells Ii
  • 6 The Silver Eye
  • 7 The Sword Behind The Buddha-Smile
  • 8 The Seven Sounds Of Dissolution
  • 9 Leaving The Body
  • 10 Astral Plane
  • 11 Through The Void