Salvato in 2 liste dei desideri
disponibile in 4 gg lavorativi disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Ticker, esplosione finale
6,99 €
;
DVD
Dettagli Mostra info
Ticker, esplosione finale Venditore: Vecosell + 3,90 € Spese di spedizione Solo 1 prodotto disponibile
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Vecosell
6,99 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
MASSIVE MUSIC STORE
3,74 € + 6,99 € Spedizione
Disponibile in 1 gg lavorativi Disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Vecosell
6,99 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Come Nuovo
ibs
4,25 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Vecosell
6,99 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Nuovo
ibs
4,25 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
MASSIVE MUSIC STORE
3,74 € + 6,99 € Spedizione
Disponibile in 1 gg lavorativi Disponibile in 1 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Ottima condizione
Vecosell
6,99 € + 3,90 € Spedizione
Disponibile in 4 gg lavorativi Disponibile in 4 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Ticker, esplosione finale di Albert Pyun - DVD
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Un folle terrorista minaccia di far esplodere una bomba ogni ora nel centro di Chicago. Due soli uomini possono fermarlo prima che la città venga rasa al suolo.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Ticker
Stati Uniti
2001
DVD
8024607003334

Informazioni aggiuntive

CVC - Cine Video Corporation, 2012
Terminal Video
95 min
Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 2.0 - stereo)
Italiano
1,78:1 Wide Screen
PAL Area2

Valutazioni e recensioni

2,25/5
Recensioni: 2/5
(8)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(1)
2
(1)
1
(4)
marco
Recensioni: 1/5

Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare e par proprio che il duo Seagal - Sizemore, rispettino il vecchio adagio. Pare infatti che entrambi, per quasi tutta la durata del film, siano stati colti da una strana forma di sonnolenza e mentre i terroristi fanno sul serio, facendo saltare in aria interi palazzi seminando il panico più totale, il capo della squadra di artificieri Frank Glass (Seagal appunto), gioca a fare il piccolo orologiaio con uno spaesato detective Ray (sizemore) da poco arrivato nella sezione, aiutandolo a capire come mai il grazioso movimento meccanico del suo orologetto fa i capricci. Sarà l'episodio che segnerà l'inizio di una bella amicizia e una costruttiva collaborazione in non si sa che cosa, dato che i personaggi si muovono a rilento, apparendo legati e privi di grinta. Seagal, da esperto di arti marziali si trasforma qui in mimo e le uniche mosse che si vedono con una certa frequenza sono i tic nervosi che appaiono sul suo bel faccione da duro, mentre è intento a usare con precisione chirurgica le forbicine sui cavetti dell'ordigno che ogni tanto viene trovato. Sizemore invece riesce ad apparire un tantino più convinto, mettendoci la stessa grinta che ci vuole per cacciare le farfalle col retino. Per il resto, esplosioni a manetta con i protagonisti che sembrano arrivati sul set dopo una lunga dormita dentro un sacco a pelo. Molto bravo Dennis Hopper nella parte del cattivo esaltato disposto a tutto!

Leggi di più Leggi di meno
Luigi
Recensioni: 3/5

Si, forse è piuttosto scialbo, ma non concordo del tutto con quelli che hanno dato 1 o 2, ha causa del fatto che mi piace l'azione in generale, ma una cosa è certa: Steven ha fatto di meglio negli anni '90, forse è stato l'arrivo del nuovo millennio che lo ha costretto ha fare dei film di ultima categoria (dal 2004) e a dare da lavorare alle controfigure. Per non parlare di Sizemore e mi rivolgo in particolare a romano de marco: un attore non potrà rimanere quello di sempre.X Chris: Chuck è più forte nel calcio, Steven nelle braccia.

Leggi di più Leggi di meno
Simone
Recensioni: 5/5

RISPONDO A CHRIS: è veramente difficile capire chi tra i due sia veramente il più forte...ma credo che se dovessi risponderti in base alla velocità di mosse, Chuck verrebbe battuto 10 a 0... Steven è cosi veloce nel picchiare... Per quanto riguarda il film io non sono stato per niente deluso, anzi mi è piaciuto di più rispetto a un film piuttosto deludente come THE PATRIOT, sul serio. Qui viene sottolineata la follia di un dinamitardo nel far saltare per aria palazzi, anche se probabilmente Seagal non entra in scena direttamente, ma si sa che quando il gioco si fa duro, i duri entrano in campo. Per quelli che hanno dato un voto basso a questo film è solo per odio o per invidia e come sempre non posso che invitarli a guardare qualche altro attore d'azione o addirittura cambiare genere, non so vedete voi.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

2,25/5
Recensioni: 2/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(1)
2
(1)
1
(4)

Conosci l'autore

Tom Sizemore

1964, Detroit, Michigan

Attore statunitense. Interprete imponente e sanguigno, nel 1989 è in Nato il 4 di luglio di O. Stone, regista che gli affida il primo ruolo importante nel 1994, facendogli impersonare il viscido detective Scagnetti nel controverso Assassini nati. Calato sempre nei panni del duro focoso e manesco, nel 1995 mostra il suo talento dalla forte impronta fisica in Heat - La sfida di M. Mann e Strange Days di K. Bigelow. Ormai pienamente affermato, recita per S. Spielberg in Salvate il soldato Ryan (1998) e M. Scorsese in Al di là della vita (1999), in cui offre un'interpretazione istrionica e allucinata. Si mostra a proprio agio ancora in ambientazioni militari in Pearl Harbor (2000) di M. Bay e Black Hawk Down (2001) di R. Scott, mentre nel 2003 è il protagonista dell'horror kinghiano di L.?Kasdan...

Dennis Hopper

1936, Dodge City, Kansas

Propr. D. Lee H., attore e regista statunitense. A fianco di J. Dean in Gioventù bruciata (1955) di N. Ray e in Il gigante (1956) di G. Stevens, si impone come attore con l'acido e spettacolare Il serpente di fuoco (1967) di R. Corman e come regista-attore con Easy Rider (1969), uno dei manifesti della controcultura americana. La storia dei due motociclisti hippy on the road che vengono fermati a fucilate viene assunta infatti come l'incarnazione delle paure della classe media americana. Nel 1971 dirige Fuga da Hollywood, film bizzarro, inconsueto e di nessun successo economico, tanto da alienargli per dieci anni la possibilità di girare. Il suo stile registico è spesso duro, aggressivo fino alla sgradevolezza. È il caso di Out of the Blue (1980), cronaca della sopravvivenza di una ragazza...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore