Titanic Rising - Vinile LP di Weyes Blood

Titanic Rising

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Weyes Blood
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Sub Pop
Data di pubblicazione: 5 aprile 2019
  • EAN: 0098787123210
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 21,90

Punti Premium: 22

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Edizione in vinile
Zona fantasma, parallasse, il sottosopra – c’è una lunga e ricca storia di esplorazioni degli spazi a metà, dei veli nascosti tra le cose. Nel suo ultimo album, “Titanic Rising”, Weyes Blood, aka Natalie Mering, ha delineato il suo personale universo che naviga meditabondo nei misteri della vita. Muovendosi attraverso il continuum spazio‐tempo, gioca nel ruolo di una melodica, a tratti malinconica, antropologa. La Mering stessa definisce il sound di “Titanic Rising” – scritto e registrato durante la prima metà del 2018, dopo 3 album e anni passati in tour – come a metà tra i Kinks e WWII, o come se Bob Seger avesse incontrato Enya. Le sue osservazioni si risolvono in un etereo girovagare: molto più meditativo che cinico. Per la Mering, ascoltare e pensare sono esperienze simultanee. “Ci sono influenze complicate, mitigate in melodie dal sapore nostalgico” (Weyes Blood).
Disco 1
1
A Lot's Gonna Change
2
Andromeda
3
Everyday
4
Something to Believe
5
Titanic Rising
6
Movies
7
Mirror Forever
8
Wild Time
9
Picture Me Better
10
Nearer to Thee
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Piripicchio

    18/10/2019 15:19:46

    Da Sub Pop e dalla bassista degli Jackie-O Motherfucker ci si potrebbe aspettare tutto tranne un album del genere. Canzoni orchestrate e dall'ampio respiro, con una voce femminile profonda e limpida. Un album che si sente essere influenzato da grandi musicisti (Joni Mitchell, Beach Boys, ecc) ma che sa fondere il tutto in qualcosa di personale e non manierista. C'è qualche strofa banale qua e là che stride con la grandiosità della musica, ma essere italiani ed essere in grado di tralasciare il significato delle parole e lasciarsi trasportare dalla musica ha i suoi vantaggi.

Note legali