Traduttore: A. Martini
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 6 settembre 2011
Pagine: 459 p., Brossura
  • EAN: 9788806205324
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 10,53
Descrizione
La storia di Jake Adelstein, dal 1993 al 2005 cronista di nera per lo "Yomiuri Shinbun", il più grande quotidiano del Giappone, e dal 2005 al 2007 investigatore capo del dipartimento di Stato Usa in un'indagine sul traffico di donne nel Sol Levante. Una disamina rigorosa del crimine organizzato giapponese, tra estorsioni, sfruttamento della prostituzione, collusioni con la politica. E il resoconto emozionante delle indagini che hanno portato Adelstein a incrociare le armi con uno dei più grandi boss della yakuza e a rischiare la vita (al punto di entrare per più di un anno nel programma protezione testimoni). Un libro indispensabile per comprendere l'anima nera del Giappone, ma anche per penetrare nei meccanismi più reconditi del crimine, e scoprirli vicini, a volte fin troppo simili a quelli di casa nostra.

€ 16,58

€ 19,50

Risparmi € 2,92 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    tonico

    30/10/2012 12:21:40

    Gran bel libro autobiografico che si legge volentieri. Per noi è insolito che un giornalista si faccia investigatore di crimini quali la prostituzione, usura, gioco d'azzardo, riciclaggio danaro sporcola tratta ed in particolare che indaghi sulla mafia giapponese. Bella esperienza per chi non conosce il Giappone.

Scrivi una recensione

È una strana miscela di (molti) fatti e (poca, ma significativa) fiction il volume di Adelstein sul crimine organizzato in Giappone. Ex cronista presso lo "Yomiyuri Shinbun", e successivamente collaboratore del Dipartimento di Stato americano e cronista per il "Washington Post", Adelstein racconta con un tono chandleriano le proprie esperienze in Giappone: il lavoro di giornalista della "nera", i rapporti con gli informatori e la polizia, i contatti con la yakuza, la famigerata mafia giapponese. I dettagli procedurali e la storia della yakuza appaiono diluiti nella narrativa dell'avventura personale dell'autore. E se il volume è ricco di dettagli esotici, di momenti di suspense e di osservazioni sul crimine organizzato in Sol Levante, appare tuttavia stranamente asettico e quasi reticente su una quantità di problemi e di avvenimenti. Lo stesso autore lascia intendere di saperne molto di più, e di dover trattenere alcune informazioni per salvaguardare la propria sicurezza, ed è difficile stabilire dove finisca l'amministrazione della propria immagine di aggressivo giornalista investigativo e dove cominci la reale preoccupazione per eventuali rappresaglie. E tuttavia il taglio fortemente narrativo è ciò che rende questo volume piacevole alla lettura, anche grazie a una traduzione solida e accurata. Non strettamente un poliziesco, non un saggio fatto di fredde cifre e annotazioni antropologiche, soddisferà probabilmente di più l'appassionato di noir alla ricerca del primo che non lo studioso di orientalistica alla ricerca del secondo.
Davide Mana