Stripe PDP
Salvato in 4 liste dei desideri
Tom Jones
9,72 € 18,00 €
LIBRO USATO
18,00 € 9,72 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
9,72 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
15,30 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,30 € Spedizione gratuita
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libraccio
9,72 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Tom Jones - Henry Fielding - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Dettagli

1999
Tascabile
10 febbraio 1999
2 voll., 1080 p.
9788817172653

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Sasso
Recensioni: 5/5

Satira della razionalità cui è contrapposto l’istinto naturale, il romanzo fu subito accusato di immoralità da parte dei critici. Al contrario, il libro è profondamente morale - anche troppo, verrebbe da dire con il senno di oggi - in quanto i buoni si comportano da buoni, pur sbagliando, e i cattivi da cattivi. E alla fine i buoni vengono premiati e i cattivi puniti. Il cattivo, comunque, è sempre pronto a diventare “buono” di fronte a chi mette mano al portafogli. Nonostante questa descrizione graffiante della società inglese del Settecento (il libro è del 1749), Fielding trasfonde nel romanzo una visione ottimistica: il potere è in mano ai buoni, i quali, seppure ingannati e prigionieri dei pregiudizi del tempo, una volta aperti gli occhi non possono che far trionfare la giustizia. Inoltre i cattivi sono sì molto cattivi, ma sono anche la caricatura del cattivo del romanzo tradizionale: per quanto perfidi, sono talmente inetti che si capisce subito che non riusciranno a portare a termine i loro piani. La trama anticipa molto da vicino quella dei Promessi Sposi ed in fondo l’ipocrisia del Settecento protestante inglese descritta in TOM JONES non è tanto diversa da quella del Seicento cattolico spagnolo in Italia. Al posto della Provvidenza manzoniana, qui però c’è la Natura che condiziona il destino dell’uomo fin dall’origine, né per i malvagi - che non sono grandi nel male come l’Innominato, ma un misto tra Don Rodrigo, Don Abbondio e Don Ferrante - è previsto il pentimento, se non un pentimento di facciata che salvi l’onore e le apparenze. Si tratta, ad ogni modo, di un grande romanzo, allo stesso tempo patetico e umoristico, condito da una miriade di personaggi tutti funzionali allo sviluppo della vicenda, tutti descritti con mirabile sottigliezza psicologica.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Henry Fielding

1707, Sharpham Park

Scrittore inglese. Di famiglia nobile ma non facoltosa, studiò a Eton e all'Università di Leida. Dopo un'intensa attività di commediografo, libellista e giornalista, si ritirò in campagna con la moglie che aveva sposato nel 1734; ma, dissipate in breve tempo le sue sostanze, ritornò a Londra e iniziò la carriera legale. Nel 1748 diventò giudice. Rimasto vedovo, si risposò con la cameriera della prima moglie. Nel 1752 pubblicò un periodico letterario, "The Covent-Garden Journal". Gravemente malato di gotta e idropisia, si recò a Lisbona nella speranza di un giovamento, ma vi morì due mesi dopo. Del viaggio a Lisbona resta il celebre "Diario" postumo (1755). Esordì come narratore nel 1742 con "La storia delle...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore