Torrenti di primavera. Un racconto romantico in ricordo di una grande razza

Ernest Hemingway

Traduttore: Laura Grimaldi
Editore: Mondadori
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 769,61 KB
  • Pagine della versione a stampa: 95 p.
    • EAN: 9788852019845
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 7,99

    Venduto e spedito da IBS

    8 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    Il romanzo, scritto nel 1926 a Parigi, segna la rottura dell'autore con Sherwood Anderson, uno degli scrittori che più influenzarono la sua formazione propugnando la ribellione alle regole strutturali della narrativa americana. Ma mentre Anderson non era riuscito, distrutte le regole, a costruire nelle sue opere alcun disegno coerente, Hemingway seppe trovare una nuova tecnica formale. E in questa feroce satira riecheggia grottescamente tutti i più tipici motivi andersoniani.

    Recensioni dei clienti

    Ordina per
    • User Icon

      Giovanni

      11/11/2014 15:06:51

      Più che un romanzo è solo un breve racconto, per fortuna. Personaggi strani, trama scialba, se non fosse stato scritto da Hemingway penso che non sarebbe mai stato pubblicato.

    • User Icon

      Morgana

      04/10/2008 13:48:43

      Di questo libro mi è piaciuta la tecnica narrativa. Il libro inizia a primavera, una piccola presentazione della storia e poi torna al passato, un anno prima per spiegare le storie di due uomini che si incrociano per poi ritornare al punto di partenza e darne una conclusione. A parte questo la storia è abbastanza piatta e inconsistente. Niente di che, in pratica, anche se c'è da tenere conto che questo libro è stato scritto per fare una parodia di un altro libro "riso nero" di Anderson, all'epoca amico di Hemingway. Perdibile.

    • User Icon

      XYZETA

      24/04/2007 11:37:22

      Non è certo uno dei migliori romanzi di Hemingway, anzi poteva evitare di scriverlo e risolvere in altro modo le beghe con il suo maestro; fortunatamente è un romanzo breve altrimenti non lo avrei nemmeno terminato

    Scrivi una recensione