Trasformazioni sociali e nuove consapevolezze. L'idea di un nuovo umanesimo nella modernità attuale

Erminio Gius,Manola Alfredetti

Editore: Giuffrè
Anno edizione: 2005
Pagine: XVIII-384 p.
  • EAN: 9788814118791

€ 22,80

€ 24,00

Risparmi € 1,20 (5%)

Venduto e spedito da IBS

23 punti Premium

Disponibile in 2 settimane

Quantità:
 
 
 
 

Gli autori hanno confezionato un'opera di riflessione sui maggiori processi di mutamento psicosociale che caratterizzano l'epoca attuale, i quali richiamano processi in corso non ancora pienamente riconosciuti e compresi.
Terrorismo, virtualità, precarietà, vulnerabilità, crisi valoriale, tragedie socio-ecologiche, solo per citare alcuni fenomeni trasformativi, offrono spunti di riflessione che nascono dal ripetuto confronto con l'eterogenea moltitudine di avvenimenti che si collocano nel quotidiano di milioni di persone.
Il volume intende sviscerare alcuni nodi fondamentali dello scenario odierno, al bivio di processi centripeti di globalizzazione e centrifughi di isolamento, lo strabismo tra integrazione e frammentazione, il crocevia tra continuità e discontinuità, appaiono insieme incompatibili e irrinunciabili. Affrontare tali questioni diviene fondamentale nel prospettare rinnovate cornici mentali in grado di inquadrare nuove latitudini di pensiero ed eticità nel lavoro incessante di ricerca e ritrovamento di un baricentro che ridistribuisca percezioni, pensieri, affetti attorno ad una forza di gravità conoscitiva che segni dei punti centrali e mobili capaci di travalicare le censure attuali.
Nel corso del volume prioritario risulterà non tanto il rintracciare la risposta più vera o accreditata, bensì, la ricerca della risposta più adeguata lascia spazio alla messa in questione della domanda stessa, svelando le numerose interpellanze che la complessa realtà attuale cela. Infatti, i termini stessi del dibattito sui valori, su mondialità, globalizzazione, trasformazioni sociali, interrogativi etici hanno assunto spesso un senso vago e generico che si presta a molte alterazioni. In altri casi, estremi e contrapposti, l'illusione di semplicità prodotta dall'uso di un termine unico e suggestivo, rischia di compromettere la necessaria vigilanza intellettuale. Secondo tale prospettiva il volume si prefigge l'obiettivo di rivisitare gli strumenti concettuali e conoscitivi, secondo un approccio critico, con l'obiettivo di profilare alcuni elementi critici, alla luce di rinnovate consapevolezze, utili a delineare una cornice teorica capace di conferire senso alla complessità attuale.

La prima parte del volume è dedicata agli scenari di mutamento sociale ed alla pluralità di istanze e forme di conoscenza nella quale si propone una descrizione delle trasformazioni dell'attuale modernità in relazione ad alcuni temi di notevole ricaduta sia in termini di implicazioni psicologiche che in termini di sapere più generale. La riflessione si sviluppa attraverso l'analisi di alcuni nodi centrali della tardo modernità, compresa una riflessione sullo statuto della disciplina psicologica.
La seconda parte si concentra invece sul tema dei valori in un percorso longitudinale che dall'epoca antica conduce a quella contemporanea, attraverso la geografia delle diverse discipline secondo differenti angolature. Sullo sfondo di questo percorso filosofico, scientifico, storico e psicosociale, i diversi contributi ripropongono l'articolato intreccio con aspetti disciplinari, epistemologi, etici, morali, nonché colgono quegli aspetti di definizione e ricaduta psico-sociale nei quali il valore, riferendosi e pronunciandosi anche in quegli aspetti di definizione dei loro connotati e contenuti, sembra divenuto elemento essenziale di comprensione.
La terza parte mette in evidenza temi di grande attualità che definiscono il dibattito epistemologico ed etico odierno attorno alla questione della scienza e tecnologia quale fenomeno complesso mettendo in luce l'articolazione e le sfaccettature delle differenti posizioni critiche. Il volume si chiude con una riflessione attorno alla possibilità di nuovi paradigmi di indagine che, attraverso la rivalutazione di differenti prospettive, approdino a statuti epistemici e disciplinari maggiormente comprensivi dell'uomo nelle sue variegate dimensioni esistenziali e pratiche.