Trattamento del malato di mente senza metodi costrittivi (1856)

John Conolly

Traduttore: M. Nascimbeni Leone
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1976
Tipo: Libro universitario
Pagine: XXXIX-182 p.
  • EAN: 9788806214449
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 5,27

€ 6,20

Risparmi € 0,93 (15%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Lo psichiatra inglese John Conolly (1794-1866), pubblicista e polemista con forti interessi storici e culturali, nominato nel 1839 direttore dell'ospedale di Hanwell diede inizio ad una esperienza rivoluzionaria, abolendo i tradizionali metodi di repressione fisica e psicologica. Questo coraggioso esperimento, animato da una profonda tensione intellettuale e morale, si tradusse nell'opera che qui presentiamo (1856), «manifesto» di un nuovo modo di concepire e praticare la psichiatria.Molte delle intuizioni di Conolly conservano uno stupefacente carattere di modernità: con lui il rifiuto della repressione diventa ricerca collettiva della soluzione terapeutica.Nella sua ampia introduzione, Agostino Pirella illumina in modo problematico la figura di Conolly, discutendone l'attualità e le contraddizioni: e piu in generale affronta il nodo irrisolto del ruolo e della funzione dello psichiatra nella società borghese.