La trattativa

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2014
Supporto: DVD
Salvato in 20 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 6,89 €)

Di cosa si parla quando si parla di trattativa? Delle concessioni dello Stato alla mafia in cambio della cessazione delle stragi? Di chi ha assassinato Falcone e Borsellino? Dell'eterna convivenza fra mafia e politica? Fra mafia e chiesa? Fra mafia e forze dell'ordine? O c'è anche dell'altro? Un gruppo di attori mette in scena gli episodi più rilevanti della vicenda nota come trattativa Stato mafia, impersonando mafiosi, agenti dei servizi segreti, alti ufficiali, magistrati, vittime e assassini, massoni, persone oneste e coraggiose e persone coraggiose fino a un certo punto. Così una delle vicende più intricate della nostra storia diventa un racconto appassionante.
5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    AntonioD

    19/04/2018 19:12:01

    Un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente, tuonava Indro Montanelli. Un film da vedere in famiglia e a scuola!

  • User Icon

    Mr Gaglia

    25/05/2015 22:58:23

    Transitando agevolmente da un tipo di messa in scena all'altra con degli escamotage cinematografici che non spezzano il filo del racconto, la Guzzanti passa in rassegna le anomalie di tante indagini e immagina il contenuto della famosa agenda rossa del giudice Borsellino, augurandosi che prima o poi il senso di lealtà e giustizia possa finalmente avere la meglio. Con l'ausilio di interviste a noti magistrati antimafia, a collaboratori di giustizia e a ex ministri dello stato, la regista porta in luce un labirinto di connivenze che da anni qualcuno cerca di nascondere o di insabbiare. Che Berlusconi al potere sia poi il risultato di tutto ciò è solo un dato di fatto (secondo la Guzzanti, ovviamente..); ma, mettendo da parte la sua personale antipatia nei confronti del premier (che torna ancora una volta a imitare con immutata sagacia) la Guzzanti non si accanisce "solo" nel leader della "destra" italiana, ma con lucido sguardo da documentarista si guarda intorno per scovare e denunciare atteggiamenti che non hanno alcun color politico. Il risultato è un atto di denuncia a cui ogni magistratura seria dovrebbe attingere per far luce sulle ombre (anche del proprio operato) e fornire spiegazioni al proprio mandante: il popolo. Bel docufilm. Consigliato!

  • Produzione: BiM, 2015
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 104 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Inglese
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers
  • Sabina Guzzanti Cover

    Attrice italiana. La lunga militanza nell’intrattenimento televisivo, anche in programmi dalla forte vocazione sperimentale (da Matrioska, 1987, ad Avanzi, 1991), dove ha modo di costruire un’impressionante galleria di personaggi, reali e non, spesso ben oltre i confini del grottesco, rivela un talento versatile ed eclettico del quale il cinema – a differenza del teatro – si serve in poche occasioni. Di solito impiegata in piccoli ruoli, ancorché gustosi (come in I cammelli, 1988, di G. Bertolucci), ha la possibilità di riversare il suo istrionismo camaleontico nei tredici personaggi – alcuni creati ex novo, altri mutuati dal repertorio televisivo – interpretati in quell’autentico one (wo)man show che è Troppo sole (1994) di G. Bertolucci. Nel 2002 esordisce nella regia con Bimba - È clonata... Approfondisci
  • Sabina Guzzanti Cover

    Attrice italiana. La lunga militanza nell’intrattenimento televisivo, anche in programmi dalla forte vocazione sperimentale (da Matrioska, 1987, ad Avanzi, 1991), dove ha modo di costruire un’impressionante galleria di personaggi, reali e non, spesso ben oltre i confini del grottesco, rivela un talento versatile ed eclettico del quale il cinema – a differenza del teatro – si serve in poche occasioni. Di solito impiegata in piccoli ruoli, ancorché gustosi (come in I cammelli, 1988, di G. Bertolucci), ha la possibilità di riversare il suo istrionismo camaleontico nei tredici personaggi – alcuni creati ex novo, altri mutuati dal repertorio televisivo – interpretati in quell’autentico one (wo)man show che è Troppo sole (1994) di G. Bertolucci. Nel 2002 esordisce nella regia con Bimba - È clonata... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali