La tregua - Primo Levi - copertina

La tregua

Primo Levi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Edizione: 2
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
In commercio dal: 27 gennaio 2014
Pagine: 278 p.
  • EAN: 9788806219338

nella classifica Bestseller di IBS Libri Biografie - Biografie e autobiografie - Letterati

Salvato in 321 liste dei desideri

€ 11,40

€ 12,00
(-5%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

La tregua

Primo Levi

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La tregua

Primo Levi

€ 12,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La tregua

Primo Levi

€ 12,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (15 offerte da 12,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Vincitore Premio Campiello 1963

«"La tregua", libro del ritorno, odissea dell'Europa tra guerra e pace... storia movimentata e variopinta d'una non piú sperata primavera di libertà»Italo Calvino

Giunsi a Torino... dopo trentacinque giorni di viaggio: la casa era in piedi, tutti i familiari vivi, nessuno mi aspettava.

Diario del viaggio verso la libertà dopo l'internamento nel Lager nazista, «La tregua», seguito di «Se questo è un uomo», piú che una semplice rievocazione biografica è uno straordinario romanzo picaresco. L'avventura struggente tra le rovine dell'Europa liberata – da Auschwitz, attraverso la Russia, la Romania, l'Ungheria, l'Austria, fino a Torino – si snoda in un itinerario tortuoso, punteggiato di incontri con persone appartenenti a civiltà sconosciute, e vittime della stessa guerra: da Cesare, «amico di tutto il mondo», ciarlatano, truffatore, temerario e innocente, al Moro di Venezia, il gran vecchio blasfemo che sembra uscito dall'Apocalisse, a Hurbineck, il bimbo nato ad Auschwitz, «che non aveva mai visto un albero», alle bibliche tradotte dell'Armata Rossa in disarmo. L'epopea di un'umanità ritrovata dopo il limite estremo dell'orrore e della miseria.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,72
di 5
Totale 24
5
19
4
3
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Erma

    16/05/2020 14:09:38

    Il seguito di Se questo è un uomo è un altro capolavoro. Il lungo viaggio di ritorno dal campo di concentramento al termine della guerra. Ci sono immagini indimenticabili, che si marchiano a fuoco nella memoria. Anche questo dovrebbe essere lettura obbligatoria in ogni scuola. Senza memoria siamo perduti.

  • User Icon

    vins

    13/05/2020 20:34:19

    non è bello quanto il suo capolavoro ma sempre degno dell'autore che è. consegna puntuale.

  • User Icon

    Beatrice

    12/05/2020 14:44:09

    Leggo e rileggo questo romanzo che respira umanità in ogni sua riga. L'odissea del suo ritorno a casa è costellata di incontri, di momenti solitari e di gruppo, dove c'è spazio anche per momenti divertenti, la qual cosa può apparire paradossale, ma il talento di Levi sta anche in questo. Sa dar voce a chi non ha voce: episodio di Hurbinek è oltre ogni modo uno dei più toccanti. Lettura imprescindibile per conoscere un autore sempre contemporaneo!

  • User Icon

    Elena G.

    11/05/2020 15:01:32

    Meno "avvincente" e più lento rispetto a "Se questo è un uomo" in questo libro si percepisce tutta la stanchezza e la difficoltà del viaggio di ritorno a casa dei deportati. Solitamente si racconta la vita nei campi ma mai cosa è successo dopo la liberazione. Anche questo un pezzo di vita che difficilmente possiamo dimenticare.

  • User Icon

    Reykjavik

    12/03/2020 09:05:03

    .... conoscere è necessario. Anche questo libro va assolutamente letto.

  • User Icon

    Paola

    26/01/2020 21:40:17

    Bellissimo libro che racconta il lungo viaggio di ritorno di Levi dopo la liberazione da Auschwitz.

  • User Icon

    Rutilio Baronti

    25/09/2019 16:57:49

    Primo Levi forse non è mai stato un vero scrittore (sebbene Il Sistema Periodico sia un autentico gioiello letterario) e l'attrito che gli ha impedito di arrivare a ciò forse è stata proprio la sua vita vissuta e raccontata, superbemente e in maniera struggente, nei suoi romanzi autobiografici. Questo libro racconta delle macerie dopo una sconfitta, una sconfitta globale, umana, persistente, ed il lento, doloroso, vano e surreale tentativo di tornare alla normalità, con il costante rumore di fondo dato dalla "vergogna" per essersi salvato tra tanti. Un romanzo che si dovrebbe leggere nelle scuole, e rileggere da grandi.

  • User Icon

    daria battista

    24/09/2019 12:00:17

    Da leggere assolutamente

  • User Icon

    Andrea

    20/09/2019 14:54:33

    Un libro imprescindibile di Primo Levi, al pari di "Se questo è un uomo". Dopo aver descritto le indicibili sofferenze e i disumani soprusi subiti nell'inferno dei campi, l'autore ci racconta ne "La tregua" il suo lungo peregrinare per l'Europa, in attesa di poter finalmente fare ritorno a casa, in quella parvenza di normalità che con fatica proverà a riconquistare.

  • User Icon

    Simona

    11/03/2019 08:32:39

    La tregua di Primo Levi è per me uno dei capolavori mondiali che va assolutamente letto e riletto. Spezza il cuore, fa riflettere e soffrire. Dario di viaggio a avventura struggente tra le rovine dell'Europa liberata - da Auschwitz, attraverso la Russia, la Romania, l'Ungheria, l'Austria, fino a Torino. Un percorso struggente che fa riflettere. Lo consiglio.

  • User Icon

    Tizy

    11/03/2019 06:54:32

    In questo libro, Levi, ci racconta del suo viaggio da Auschwitz a casa. Ne passa davvero tante, fermandosi in tantissimi posti. Secondo libro della trilogia (Se questo è un uomo- La tregua- I sommersi e i salvati) di Levi. Consiglio a tutti di leggere questi tre libri. Levi ci racconta le sue disavventure durante il periodo bellico. Mi domando: "perchè questi libri non vengono adottati come testi scolastici?".

  • User Icon

    valix1980

    23/01/2019 08:41:46

    Comprato insieme a "Se questo è un uomo". Non so dire quale dei due sia migliore. Libro molto bello e scrittura scorrevole. Si legge in pochi giorni.

  • User Icon

    Lisa

    11/12/2018 05:18:44

    Il toccante seguito di "Se questo è un uomo" è meno conosciuto ma altrettanto significativo. É il racconto del drammatico rientro verso casa dopo la liberazione da parte dei russi di Auschwitz. Immensa la scena dove Primo Levi si rivolge ad un prete in latino, unica lingua franca, in quel frangente, con la celebre frase "Ubi est mensa paupeorum?"

  • User Icon

    Michele

    22/09/2018 16:44:58

    Libro che tutti dovrebbero leggere. Sebbene sia meno noto di "se questo è un uomo" di cui rappresenta il seguito è però a mio avviso scritto meglio e più scorrevole data la maggiore dinamicità degli eventi. Una testimonianza imprescindibile

  • User Icon

    GD

    18/04/2018 16:02:24

    Libro bellissimo e chiarissimo. Uno dei migliori scrittori italiani del nostro 900.

  • User Icon

    Giorgio

    20/02/2018 13:34:56

    Descrive il tormentato e lungo rientro a casa dopo la liberazione dal campo di sterminio ad opera dei Russi. E’ il seguito del libro “Se questo è un uomo” che racconta la prigionia dell’autore nel Lagher, per cui è preferibile leggerlo dopo aver letto il primo, perché contiene riferimenti e collegamenti a fatti e personaggi descritti in questo. Ho trovato il libro bellissimo, scritto con capacità narrativa e descrittiva a mio giudizio uniche che rendono la lettura scorrevole, avvincente, a tratti emozionante. Consiglio a tutti la sua lettura perché aiuta a capire i fatti, le condizioni delle popolazioni e l’atmosfera che si respirava in europa nell'immediato dopoguerra poco prima dell’inizio della “guerra fredda”, periodo comunemente poco studiato e/o sorvolato da programmi scolastici e dagli insegnanti.

  • User Icon

    Fxrx

    05/07/2017 19:33:30

    Prima si studiava alle scuole medie: una riscoperta.

  • User Icon

    Fabiana

    30/06/2017 12:53:38

    Non mi sono mai soffermata a pensare a cosa è successo dopo la fine della guerra, a scuola le studiamo una dopo l'altra. Levi non mi fa impazzire come autore perché io lo trovo troppo razionale, è inquadrato ed è una dote spettacolare, ma in una testimonianza, soprattutto di guerra, io cerco il senso di frustrazione e prigionia. Ad ogni modo, il libro fa riflettere, l'ho preferito a "Se questo è un uomo", lo consiglio.

  • User Icon

    Hyeronimus52

    19/12/2015 21:45:49

    Non all'altezza, secondo me, del più sofferto "Se questo è un uomo" questo romanzo autobiografico narra, in modo avventuroso ma anche introspettivo, le vicissitudini di un gruppo di prigionieri sfuggiti alla morsa del lager di Auschwitz e desiderosi soltanto di riprendersi fisicamente e moralmente e tornare al più presto in seno alle rispettive famiglie: non sarà semplice né rapido il ritorno a casa ma, nonostante la lentezza della macchina burocratica russa, avverrà pur nella consapevolezza che quanto sofferto nel periodo di prigionia non sarà mai del tutto dimenticato

  • User Icon

    Se

    04/07/2005 17:33:53

    Ottimo...sotto tutti i punti di vista...

Vedi tutte le 24 recensioni cliente
  • Primo Levi Cover

    Nasce a Torino nella casa in cui abiterà per tutta la vita. Nell'infanzia è piuttosto cagionevole di salute e dovrà essere seguito con lezioni private alla fine delle scuole elementari. Frequenterà il Ginnasio-Liceo D'Azeglio e avrà per alcuni mesi come insegnante di italiano Cesare Pavese. Particolarmente interessato alla chimica, poco alle materie umanistiche. Terminato il liceo si iscrive alla facoltà di chimica nel 1937. Emanate nel 1938 le leggi razziali, riesce a proseguire gli studi universitari e inizia a frequentare circoli antifascisti. Nel 1942 va a Milano e lavora per la Wander, fabbrica svizzera di medicinali, dove fa ricerche di nuovi medicinali per il diabete. Qui entra in contatto con militanti antifascisti e si iscrive... Approfondisci
Note legali