copertina

Trickster Feminism

Anne Waldman

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Penguin Books
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 3,37 MB
  • EAN: 9780525504344
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 13,41

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

New from celebrated poet and performer Anne Waldman - an edgy, visionary collection that meditates on gender, existence, passion and activism

Mythopoetics, shape shifting, quantum entanglement, Anthropocene blues, litany and chance operation play inside the field of these intertwined poems, which coalesced out of months of protests with some texts penned in the streets. Anne Waldman looks to the imagination of mercurial possibility, to the spirits of the doorway and of crossroads, and to language that jolts the status quo of how one troubles gender and outwits patriarchy. She summons Tarot's Force Arcana, the passion of the suffragettes, and various messengers and heroines of historical, hermetic, and heretical stance, creating an intersectionality of lived experience: class, sexuality, race, politics all enter the din. These are experiments of survival.

  • Anne Waldman Cover

    (Millville, New Jersey, 1945) poetessa e performer statunitense. Esponente della generazione post-beat, vicina ai poeti della New York School, è stata animatrice con J. Giorno di vari progetti di poesia sonora e continua al Naropa Institute di Boulder, Colorado (? beat generation), il progetto di poetica disincarnata inaugurato con A. Ginsberg. Nella sua vasta opera: Donna che parla veloce (Fast speaking woman, 1974), la trilogia Iovis (1993), Uccidi o cura, (Kill or cure, 1994), oltre a video, registrazioni, saggi e scritti vari. Buddista e pacifista, scrive, nel verso libero beat, una poesia politica che destruttura sintassi e punteggiatura raggiungendo forme cinetiche di grande intensità; dall’incontro con l’oriente acquista un senso ciclico del tempo che interroga i confini delle identità... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali