Trii con pianoforte op.13, op.16 - Notturno

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Emilie Mayer
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: CPO
Data di pubblicazione: 1 aprile 2017
  • EAN: 0761203502929

€ 14,50

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Emilie Mayer (1812-1883): Trio in Si minore per archi e pianoforte op.16; Notturno in Re minore per violino e pianoforte op.48; Trio in Re maggiore per archi e pianoforte op.13
Una compositrice di eccezionale talento
Nata nel 1812 a Friedland, nel Mecklenburg, Emilie Mayer è autrice di una vastissima produzione che interessa un gran numero di generi musicali, un fatto che la distingue da tutte le altre compositrici attive nel XIX secolo. Influenzata dal suo maestro Carl Loewe, la Mayer studiò le opere più emblematiche di Haydn, Mozart e Beethoven, sviluppando nel contempo uno stile compositivo molto originale, che affondava le sue radici nei modelli del Classicismo viennese. Nel 1850 la Mayer tenne al Teatro di Berlino il suo primo concerto basato esclusivamente su opere di sua composizione. In particolare, la Mayer fu in grado di coronare il sogno di quasi tutte le compositrici sue contemporanee, portando avanti una lusinghiera carriera, acclamata sia dal pubblico sia dalla critica della sua epoca. La maggior parte della produzione di Emilie Mayer è costituita da opere per pianoforte. Il primo movimento del suo Trio per archi e pianoforte op. 16 è imperniato su un solo tema principale, che monopolizza tutta la sezione dello sviluppo, mentre nel Trio op.13 si mantiene aderente ai modelli classici dell’elaborazione tematica. La straordinaria libertà compositiva che caratterizza il Notturno per violino e pianoforte op. 48 – la sua ultima composizione – le consentì di allontanarsi dalle ristrettezze formali del linguaggio proprio del Classicismo viennese. In questo brano di intensa bellezza, la Mayer sviluppa un tono narrativo dall’incedere molto tranquillo, partendo dal tema principale, che viene presentato nelle prime battute in forma di corale, mentre più avanti viene riproposto da prospettive sempre nuove e con un’espressività molto accesa.
| Vedi di più >
Note legali