Il trono di spade. Libro quarto delle Cronache del ghiaccio e del fuoco. Vol. 4: Il dominio della regina-L'ombra della profezia.

George R. R. Martin

Traduttore: S. Altieri, M. Benuzzi
Editore: Mondadori
Collana: Oscar absolute
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 08/06/2016
Pagine: 851 p., Brossura
  • EAN: 9788804666875

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Saghe

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,02

€ 16,50

Risparmi € 2,48 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    18/01/2018 16:32:15

    Non c’è fine alla Guerra dei Cinque Re. Nonostante la loro apparente supremazia i Lannister sono una potenza sfinita e il sangue continua a scorrere. Il titolo del libro è sicuramente appropriato: come dei corvi i vari usurpatori si spolpano la carcassa del regno dei Targaryen, in un banchetto che non conoscerà mai fine, finché il Trono di Spade non tornerà ai suoi legittimi padroni... coloro che l’hanno forgiato. Come gli altri libri della saga anche questo non è mai pesante, score bene ed è appassionante. È un po’ meno movimentato rispetto ai capitoli precedenti, essendo leggermente più incentrato sul governo di Cercei (sul cui passato ci sono importanti rivelazioni) eppure Martin riesce a farci apprezzare ogni pagina. Nei capitoli migliori finalmente ci porta nell’assolata ed esotica Dorne, tanto simile a un pezzo di Essos trapiantato nei Sette Regni. Lancia del Sole (la fortezza col nome più bello dei Sette Regni), i Giardini dell'Acqua... tutto ha un fascino straordinario. Però si sente molto la mancanza dei personaggi migliori, Deanerys, Jon, Tyrion. Motivo per cui non d’ho il punteggio pieno. E forse tutti questi complotti potrebbero cominciano a essere un po’ eccessivi. Nella realtà c’erano ma non fino a questo punto, tranne che nell’immaginario della gente. Arya, come sua sorella, non è mai stata uno dei miei personaggi preferiti, tuttavia la sua storia è sicuramente molto intrigante, soprattutto in quest’ultimo libro. Su tutti si possono formulare varie teorie, ma quando si parla di Arya Stark ci si chiede: dove vuole arrivare l’autore? Lei costituisce un elemento imprevedibile. Perlomeno ci permette di vedere Braavos, somigliante a una versione antica e medio orientale di Venezia.

  • User Icon

    n.d.

    20/10/2017 10:55:04

    ok

Scrivi una recensione