Tutta colpa di Miguel Bosè

Sciltian Gastaldi

Editore: Fazi
Collana: Le vele
Anno edizione: 2010
Pagine: 395 p., Brossura
  • EAN: 9788864111445
Usato su Libraccio.it - € 9,45

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Angelo

    22/10/2010 09:45:19

    Sciltian Gastaldi, autore del bellissimo “Angeli da un’ala soltanto” e della raccolta di racconti brevi “Coppie” , esce, per i tipi della Fazi Editore, con un bellissimo romanzo biografico (e in parte autobiografico) sull’infanzia e giovinezza dagli anni ’70 al 2000 di un “metrosessuale” di Roma nato in una famiglia il cuo nome è tutto un programma: Chiericato. Il fratello maggiore iscritto al Movimento sociale (partito di estrema destra pre-Tangentopoli), la sorella cattolica integralista neocatecumenale, il padre savoiardo all’antica,la madre una sciroccata cantante di piano bar e giocatrice di burraco (supercomplicato gioco di carte), il nostro protagonista ha qualche problema al risvegliarsi della sua identità sessuale bi, anzi, Metrosessuale. Per fortuna lo aiutano la musica e film come il tempo delle Mele (sulla critica del quale l’Autore si diffonde forse un po’ troppo a lungo), Il vizietto, Priscilla e, last but not least, la TV degli anni Ottanta, con icone gaye, Miguel Bosè, Heather Parisi, e altri miti di un decennio non poi così terribile come lo si dipinge. Romanzo di formazione tenero e nello stesso tempo spassoso, “Tutta colpa di Miguel Bosè” è anche il romanzo di una generazione di ragazzi che hanno scoperto la propria identità negli ultimi decenni del secolo scorso.Un romanzo che è anche il nostro, dei nostri primi amori, dei nostri struggimenti, passioni, della scoperta della vita e dell’amore attraverso film e canzoni prima, e nella realtà poi. E’ un romanzo che mancava nella letteratura italiana, gaya e non. Ricco di notazioni umoristiche e di ficcanti riferimenti all’attualità, questo romanzo è una prova che, contrariamente a quanto si vorrebbe asserire da parte di qualche intellettualoide, il romanzo non è morto, anzi. “Tutta colpa di Miguel Bosè” è tutto quello che “Con le peggiori intenzioni” di Piperno voleva essere, e non è stato: un grande romanzo italiano.

Scrivi una recensione