Tutti i fiumi vanno al mare. Memorie

Elie Wiesel

Traduttore: V. Accame
Editore: Bompiani
Collana: Tascabili. Saggi
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
In commercio dal: 22 maggio 2002
Pagine: 494 p., ill.
  • EAN: 9788845251979
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,13
Descrizione
Lo scrittore ebreo di lingua francese, nato in Transilvania, fu deportato ad Auschwitz e a Buchenwald. A sessantacinque anni decise di scrivere le sue memorie e di ripercorrere la sua vita, dall'infanzia felice in una piccola cittadina dei Carpazi all'orrore dei campi di sterminio nazista dove lasciò il padre, la madre e la sorellina, fino al trasferimento in Francia, e infine negli Stati Uniti.

€ 5,13

€ 9,50

5 punti Premium

€ 8,08

€ 9,50

Risparmi € 1,42 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Paolo

    06/08/2015 13:02:37

    Bellissimo, un libro che ti resta in testa per molto tempo.

  • User Icon

    Francesca

    03/02/2004 09:35:57

    Un libro bellisssimo. Una vita dedicata alla memoria e alla speranza, nonostante tutto, nonostante, dopo 60 anni, il solo ricordo sembri terribilmente attuale. Dei "flash" di un'intimità straziante: una meravigliosa sorellina, che non si può dimenticare. E tuttavia, non c'è aggressività, rabbia, violenza: per chi vuole ascoltare, c'è dolcezza, tristezza profonda, humor ed autoironia spesso, e soprattutto speranza di poter intervenire ancora, contro l'indifefrenza.

  • User Icon

    Filippo

    08/10/2002 17:51:30

    Un libro di una noia mortale. Un'inutile, arida, interminabile e dettagliatissima sequela di nomi di amici, colleghi, giornalisti e professori per lo piu' giustamente sconosciuti. Un esempio di come un ebreo possa scrivere un libro che non potra' mai interessare chiunque non lo sia e non vi sia direttamente nominato. Un esempio di snobbistica autoghettizzazione. Infine, cosa piu' grave, un tentativo di parlare di una tragedia per non dimenticare i morti che non puo' che sortire l'esatto effetto opposto.

Scrivi una recensione