Curatore: M. Beghelli
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 1995
In commercio dal: 01/04/1995
Pagine: 684 p.
  • EAN: 9788811410621
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 25,90

€ 30,47

Risparmi € 4,57 (15%)

Venduto e spedito da IBS

26 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 


scheda di Monaco, L., L'Indice 1992, n. 1

Sono pubblicati insieme, per la prima volta in Italia, i testi propriamente operistici e tutta la produzione affine (oratori, intermezzi, "azioni" e "feste" teatrali, serenate), con l'aggiunta dell'intero dramma eroico "Thamos, re in Egitto": Mozart ne scrisse le musiche di scena e il lettore vi ritroverà legami d'atmosfera e testuali col "Flauto magico". Nella prefazione il curatore traccia rapide ma penetranti analisi sulla struttura del libretto per musica, sui problemi di edizione e di traduzione, sui generi rappresentati nei libretti mozartiani e, naturalmente, sulla trilogia dapontiana. Ogni testo, affiancato dall'eventuale traduzione, è preceduto da una completa nota informativa (circostanze della composizione, dati cronologici, primi interpreti) e seguito, quando è il caso, da un'appendice con le varianti (non sono però tradotte quelle in tedesco). L'impostazione grafica distingue con diverso allineamento i versi lirici (arie, duetti, ecc.) da quelli sciolti (recitativi) e mantiene la continuità visiva degli endecasillabi distribuiti in più battute, contrariamente a certe sciagurate edizioncine a stampa che accompagnano spesso i dischi. Viene così conservata, almeno a livello visivo, la struttura musicale del testo, salvo per i versi cantati contemporaneamente da più personaggi (in queste parti "a due", "a tre", ecc. era utile mantenere i consueti accorgimenti grafici, per esempio la parentesi quadra allungata). Si tratta di un vero e proprio "archivio" (come lo definisce Raboni) od officina mozartiana, che segna le tappe, l'evoluzione, i tentativi e gli abbandoni ("L'oca del Cairo") di questo tipo di produzione. Ma è anche un'eccezionale testimonianza di un clima e di un'epoca: vi si trova esemplarmente rappresentata la librettistica del secondo Settecento: Goldoni e Gamerra, Metastasio e Mazzolà, Petrosellini, Da Ponte e Parini: occasione unica anche solo per mettere a confronto i diversi stili.