Editore: Leone
Collana: Mistéria
Anno edizione: 2014
Pagine: 342 p., Brossura
  • EAN: 9788863931860
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 7,56

€ 10,50

€ 14,00

Risparmi € 3,50 (25%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Melody Boldini

    29/09/2017 09:40:45

    L'ULTIMA MOSSA PER TOBIA ALLIEVI. Ascolto Ravel ,mentre scrivo e rifletto.Tra la mani ho uno specchio che la mente infrange,come le pagine di questo thriller fanno con l'anima mia.Quando la potenza del logos si esprime attraverso la scelta prevalente di alveolari, "L", "S" (Lamberto,Lucrezia),quali fonemi inizianti nomi e cognomi dei personaggi di quest' "ULTIMA MOSSA",è il momento che si può solo respirare aria di raffinata genialità. Alveolari.La radice di questa parola rimanda allo specchio d'acqua,all'operosità lemniscante,il lemma d'assieme al disegno polmonare.Quando si decide di specchiarsi in un corso d'acqua finalmente cristallina,allora si respira aria pulita!Chi legge questo thriller viene proiettato con eleganza su una scacchiera d'intrighi,per uscire dai quali occorrono fonemi velari,o,meglio,è indispensabile assistere al bolero di Tobia Allievi col suo inconfondibile stile polarizzante,per individuare il colpevole celato in una rete d'indovinelli oscuri e tenebrosi,che si dissolvono solo col desiderio di non credere più alle bugie. Consonanti dolci,note raffinate,balzelli di originalità.Una pennellatadeflagrante,che sveste il RE bianco e lo svela agli occhi del lettore attento e perspicace. Allievi è nudo!Sotto i riflettori di CINQUE inimitabili STELLE! Quelle di Melody Boldini!!

  • User Icon

    L'ULTIMA MOSSA PER TOBIA ALLIEVI

    29/09/2017 07:22:34

    Ascolto Ravel,mentre scrivo e rifletto.Tra le mani ho uno specchio che la mente infrange ,come le pagine di questo thriller fanno con l'anima mia.Quando la potenza del logos si esprime attraverso la scelta prevalente di alveolari, "L", "S" (Lamberto,Lucrezia),quali fonemi inizianti nomi e cognomi dei personaggi di quest' "ULTIMA MOSSA",è il momento che si può solo respirare aria di raffinata genialità. Alveolari.La radice di questa parola rimanda allo specchio d'acqua,all'operosità lemniscante,il lemma d'assieme al disegno polmonare.Quando si decide di specchiarsi in un corso d'acqua finalmente cristallina,allora si respira aria pulita! Chi legge questo thriller viene proiettato con eleganza su una scacchiera d'intrighi,per uscire dai quali occorrono fonemi velari,o,meglio,è indispensabile assistere al bolero di Tobia Allievi col suo inconfondibile stile polarizzante,per individuare il colpevole celato in una rete d'indovinelli oscuri e tenebrosi,che si dissolvono solo col desiderio di non credere più alle bugie. Consonanti dolci,note raffinate,balzelli di originalità.Una pennellata deflagrante,che sveste il RE bianco e lo svela agli occhi del lettore attento e perspicace.Allievi è nudo!Sotto i riflettori di CINQUE inimitabili STELLE!Quelle di Melody Boldini!!

  • User Icon

    MATTEOMAREMONTI

    18/09/2017 08:42:46

    MOSSA "CINQUE STELLE" PER AMOR DI CULTURA Immaginiamo un bolero di Ravel con le parole di Mogol della canzone "L'arcobaleno" .Poi inquadriamo il mago Harry Potter con la sua bacchetta saltellante in uno degli episodi preferiti della saga cinematografica.Quindi fotogrammiamo la dirompente soavità di un cuore deluso,che porta "valigie pesanti" col "piacere infinito" di tessere, solo attraverso l'assenza,una trappola alla mistificazione stupidamente onnipresente,per far trionfare il successo e l'azzurro... "ascolta sempre solo musica vera e cerca sempre se puoi di capire!" E' questa la sintesi poetico-musicale che mi ha indotto la lettura del thriller di Alberto e Giorgio Ripa.La vicenda ruota attorno a Lamberto Cossali,che nasconde le sue lacrime sotto la maschera del RE bianco,su un palcoscenico a scacchi di eventi ,che condannano la sua ingenuità,dove non è l'assassino il camaleonte da indovinare,ma quella verità che si nasconde nel prologo,con l'ausilio di uno specchio,riflessa in quel "discorso più bello e più denso che esprime con il silenzio il suo senso".La vita è un enorme scacchiera ,come quella del thriller in oggetto.Le caselle nella vita non sono 64,ma due,come i colori agli antipodi,per antonomasia.Accarezzare con la mossa giusta il bianco è vincere! Seguire con le mosse sbagliate il nero è perdere tempo inutilmente e rimanere sconfitti!E l'ispettore Tobia Allievi con la sua geniale intraprendenza,anche stavolta,assicura il colpevole alla giustizia,dimostrando che non sempre è oro quello che luccica,tra matti,barbieri,indovinelli,aziende e intrighi psicologici da dame di veleni,dove invidia e gelosie vanno a braccetto con cattiveria e mediocrità,fino a che la "Bella Madunnina" si decide a squarciare col suo raggio di sole, l'anima buona del tempo,affinchè sveli al lettore intraprendente il signum del vocativo nell'epilogo."Il camaleonte" ,"Dietro la riflessione c'è la verità..amore mio"! Le parole più emblematiche del thriller.Matteomaremonti

  • User Icon

    CIRODESIDERI

    07/06/2017 07:14:21

    QUESTI AUTORI SONO PROPRIO IN GAMBA! A volte è meglio cominciare dalla fine,per capire come si è arrivati fin lì. Di questi autori ho letto recentemente LE ALI DELLA VENDETTA,che mi è piaciuto molto,che sarebbe il più recente che hanno scritto.Così ho deciso di acquistare anche questo "L'ULTIMA MOSSA",perchè nello scaffale dedicato a loro in libreria era il primo e la copertina mi dava un senso di finta pace,con questo re al centro in un'atmosfera di sogno e gli altri pezzi attorno su questa strana scacchiera. -Certo che questi autori sono proprio strani!-Mi son detto. Il libro,infatti,non mi dava l'idea del thriller,forse del giallo,ma neanche tanto.Mi dava l'idea ,e me la dà tuttora che l'ho finito,di un enigma intelligente,tortuoso e singolare,che si fa "cacciare" dall'altra parte della scacchiera,di fronte a due abilità imprevedibili,che denunciano una trama spesso adesa a realtà dei giorni nostri,in ambienti lavorativi,pubblici e privati che siano,ma ,in ogni caso,di comunità vaste,dove la lotta per il potere arriva a gesti e disegni malvagi,dettati da invidia,gelosia,ma ,comunque,da mediocrità e bassezza. Questo thriller è congegnato e scritto proprio come una partita a scacchi,dove i vari pezzi si scontrano continuamente sulla scacchiera della vita e dove a ricevere lo scacco matto alla fine è proprio il lettore,che si aspetta di non finire mai la lettura inevitabilmente conclusa. Il tema è ,come per l'altro thriller,l' elemento del segno grafico da interpretare,attorno al quale si snoda la partita:il camaleonte e l'indovinello.Il camaleonte è un animale cangiante.Come tutto il romanzo.Chi non ha mai fatto una partita vera con la vita,non può amarlo questo romanzo,perchè non è in grado di capirlo. E' questo il senso di thriller che ha il romanzo:l'incertezza di riuscire a parare lo scacco che gli eventi ci tessono intorno. Solo che qui,tra partite ,bugie e verità,alla fine la verità trionfa .Nella vita,a volte bisogna perdere,perchè ciò accada. SEI STELLE

  • User Icon

    manuela

    12/01/2015 00:24:37

    Libro piacevole e di facile lettura. Conferma della capacità degli autori di incuriosire con trame intriganti e per niente banali. Complimenti

  • User Icon

    maurizio

    20/12/2014 10:57:56

    ho comperato il libro attratto dal titolo, dalla copertina ma molto dalla trama.... ma sono rimasto alquanto deluso. Le dissertazioni chimiche le trovo fuori luogo...troppo specifiche con termini tecnici che solo un appassionato di chimica può apprezzare. Anche in ambito scacchistico ci si addentra un pò troppo nello specifico. Speravo di trovare uno scritto ben orchestrato per una sana lettura intorno al mondo degli scacchi (andate a vedere il film "scacco matto nel bronx") ed invece vedo questo libro come un'occasione persa. a mio avviso difficilmente consigliabile.

  • User Icon

    Andrea

    30/11/2014 14:35:34

    Dopo aver letto il primo romanzo e essere stato piacevolmente soddisfatto, la stessa cosa non è avvenuta con il secondo. Privo di suspance, nessun colpo di scena in pratica una linea retta. Il protagonista, se così lo si può definire, Allevi compare pochissimo, la spiegazione dell'atteggiamento e delle motivazioni del killer vengono date alla fine in poche righe all'interno di un articolo. Inutilmente cervellotico, ci si perde nelle mosse degli scacchi. Sulla copertina c'è scritto "thriller" non manuale del gioco degli scacchi. Infine una conclusione degna di un film della Walt Disney. Deludente!

  • User Icon

    Arkadin70

    18/11/2014 11:55:19

    Intrigante noir, dalla forte tensione emotiva che si sviluppa su più piste narrative tutte unite dal gioco degli scacchi e da famose partite del passato.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione