Ultime della notte

Petros Markaris

Traduttore: G. Loria
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 giugno 2001
Pagine: 343 p.
  • EAN: 9788845248597
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il commissario Kostas Karitos vive ad Atene, metropoli sospesa tra Oriente e Occidente, crocevia di immigrati clandestini, ex spie sovietiche e trafficanti d'organi. Karitos tenta comunque di ritagliarsi uno spazio di tranquillità personale, per dedicarsi anche ai propri problemi famigliari. Ma un efferato omicidio lo costringe a scendere in campo, scontrandosi con schegge impazzite di realtà.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

€ 6,48

€ 12,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio S.

    21/09/2018 14:07:02

    Sempre utile ed importante, per la propra formazione letteraria, conoscere gli stili e le caratteristiche dei racconti di altre nazioni. Avvicinarsi, così, all'opera di Markaris può, all'inizio, stranire e farci entrare in un mondo magari rarefatto e, a tratti, quasi irreale e onirico. La Grecia, dalle parole dell'autore, traspare attraverso le sue mille contraddizioni e i limiti, ma l'amore per questa terra, vera comprimaria, è assoluto. Favoloso il protagonista, che con la narrazione in prima persona, sospesa tra l'ironia tagliente e la serietà più cristallina, sa coinvolgere con i suoi pregi ed i suoi difetti. La trama e l'intreccio sono sicuramente raffinati e riusciti, anche se qualche calo nello sviluppo generale, soprattutto nella parte centrale, si nota. Consigliato a chi cerca un'evasione dall'Italia alla ricerca comunque di un giallo riuscito, meno a chi ama la suspance e l'azione all'americana.

  • User Icon

    lana

    20/09/2018 16:24:41

    La prima indagine del Commissario Charitos Kostas è una storia ben congegnata, un intreccio che rapisce il lettore grazie anche al protagonista, persona "normale" con problemi personali normalissimi, carnefice e vittima delle classiche miserie quotidiane umane, che non si può non prendere in simpatia proprio per la sua somiglianza con l' uomo medio. Personaggio che non riesce ad essere cinico e senza scrupoli come vorrebbe, che persegue la giustizia in un mondo che non gli piace, che adora sua figlia ed ha con sua moglie un rapporto di odio e amore, legge solo dizionari ed odia la televisione. La scrittura di Marakaris è diretta, sintetica, a tratti telegrafica. Non si perde in fronzoli tantomeno in descrizioni superflue. Va dritto al nocciolo così come prova a fare il suo protagonista. Ne esce un racconto frizzante che cattura il lettore. Solo i pensieri del Commissario si perdono in congetture o elucubrazioni più ariose. Persino i discorsi diretti sono quasi tutti secchi e concisi. Secondo me, scrivere in questa maniera e trarne un ottimo libro, significa avere talento. La trama si apre col duplice omicidio di una coppia di albanesi a cui ne segue un altro. Il caso sembra risolto rapidamente ma altri due omicidi, apparentemente non collegati a quelli degli albanesi, sconvolgono il mondo del giornalismo ateniese. Nel frattempo la trama si infittisce: compravendita di bambini e di organi, amori non corrisposti ed arrivismo si fondono per generare una trama molto avvincente. In tutto ciò sguazza il nostro Commissario Charitos che arriverà ad una soluzione tanto imprevedibile quanto indesiderata.

  • User Icon

    silvia

    14/03/2016 17:21:38

    "Ultime della notte" è il primo volume della serie di gialli di Markaris che mi riprometto di leggere, è stato scritto vent'anni fa, ma non è affatto datato. Il movente magari sarà debole e la pista politica tanto intricata da doverla rileggere per poterci veder chiaro, ma il commissario Charitos è davvero molto simpatico. Un personaggio tangibile, in carne e ossa, le sue tragicomiche vicende coniugali sono esilaranti e ricche di inattesi risvolti psicologici, lontani anni luce dal morboso maschilismo svilente di Camilleri. Lo stile è colloquiale e diretto, volutamente senza pretese, fin troppo sbrigativo nell'ultima parte del romanzo.

  • User Icon

    Massimo F.

    18/01/2016 10:40:13

    Dopo tanta Scandinavia, un bel thriller mediterraneo: un giallo "classico", molto lineare nello stile e nello sviluppo narrativo, pur dovendo gestire l'intreccio di due storie parallele. Originale l'ambientazione, anche se inizialmente non è facilissimo per il lettore identificare i personaggi, caratterizzati da nomi non proprio familiari. Piacevole.

  • User Icon

    Andrea

    15/12/2015 09:19:44

    Primo romanzo che leggo dell'autore. Il protagonista è un personaggio particolare e interessante, la trama non è per niente male e ben costruita. Un po' noiose le prime 100 pagine.

  • User Icon

    vincenzo

    03/10/2015 19:47:50

    Charitos è un bel personaggio. Matrimonio logoro, amore incondizionato per la figlia e amore/odio per il mestiere di sbirro, un pò stanco, un pò stronzo, reale. Ricorda Sarti e Montalbano e la trama è già letta, già sentita. Due gli aspetti positivi che mi hanno colpito; da un lato l'ambientazione nella Atene degli anni 70-80, vivida, evocativa; dall'altro la descrizione del rapporto tra media e Polizia, cinica e veritiera. Consigliato.

  • User Icon

    giuliog02

    17/09/2015 17:54:36

    " Ultime della notte " di Petros Markaris è un romanzo giallo con interpolazioni culturali, sociali ed ambientali, nonché citazioni sulla storia politica del recente passato greco e dei paesi ex-comunisti circostanti, interconnesse con lo svolgimento dell'indagine poliziesca. Trama intrigante e interessante dall'inizio alla fine. Sono 336 pagine che si leggono in due giorni, tanto il romanzo è ben scritto, in un crescendo di tensione fino ad un finale inaspettato. La trama verte su due storie che si incrociano. Una, quella criminale, cruda, con diramazioni esteuropee, e l'altra, intimamente greca, sul modus operandi carrieristico della giovane e bella giornalista radiotelevisiva Karaghiorghi. Una intelligente giornalista, cinicamente determinata nel raggiungimento dei suoi obiettivi personali e professionali, all'interno di un ambiente professionale connotato da scarsa eticità e da diffusa cialtroneria. I personaggi sono tutti credibili. Rapidamente ci si immedesima nel commissario Charitos, personaggio di grande spessore umano, che coinvolge il lettore nella sua operatività, inclusi i rapporti con i vertici ed i colleghi. Molto ben descritto, con ironia ed umorismo, il rapporto con la moglie Adriana. Interessanti le descrizioni sulle tecniche di corruzione. Accattivanti diverse annotazioni, ad esempio sui dialoghi delle donne e su un certo mondo, " la generazione del 50 ", cioè quella delle persone il cui vocabolario non oltrepassa questo numero di parole. Editing da perfezionare, specie nella parte finale. Gran bel romanzo poliziesco, dallo stile scorrevole. E' difficile fermarsi nella lettura. Consigliato caldamente.

  • User Icon

    angelo

    21/08/2015 13:56:52

    Ingredienti: un commissario lettore di dizionari, una scia di omicidi di immigrati e giornalisti, uno slalom di indagini tra adozioni illegali, trapianti d'organi e pedofili, una soluzione al mistero più vicina di quanto previsto. Consigliato: a chi ha bisogno di una vacanza "in giallo" oltre confine, a chi lotta con fortuna e intuito contro nemici più grandi di sé.

  • User Icon

    Chiara

    18/11/2014 22:19:12

    Finalmente, dopo qualche lettura insapore, un romanzo avvincente e un autore che sa conquistare il lettore. Ho trovato l'intreccio giallo interessante, con due vicende apparentemente distinte che finiscono per confluire in un finale sorprendente. Facile simpatizzare con il commissario Charitos, personaggio realisticamente umano, ben lontano dalla perfezione. Il lettore lo conosce con i suoi pregi e difetti, i punti di forza e le debolezze. Charitos ricorda, per più di un aspetto, il caro Montalbano. Da migliorare la traduzione, si notano alcuni errori evidenti.

  • User Icon

    claudio

    02/09/2014 08:09:06

    Primo libro con protagonista il commissario Charitos. Personaggio di spessore, nonostante una carriera nella polizia non esaltante. Una famiglia alle spalle con una moglie teledipendente con cui ha frequenti lite, una figlia che studia fuori Atene, una passione per i dizionari, un capo furbo e politico: si trova coinvolto in un duplice omicidio di albanesi e di due giornaliste. Ci sono degli intrecci fra i due casi, che si dipaneranno un po' per volta sotto i nostri occhi, con un finale inaspettato.

  • User Icon

    adriana

    21/05/2013 12:28:37

    Dopo Prestiti Scaduti, carino anche questo.

  • User Icon

    Hirakis

    09/01/2013 14:00:29

    Non sono riuscito ad apprezzare il romanzo per certe allusioni alla simpatia per la dittatura dei colonnelli e per i metodi di tortura da loro usati ed anche il rapporto morboso tra moglie e marito appare poco simpatico. Spero di sbagliarmi perchè un 'alternativa agli scandinavi ed al grandissimo Montalbano ci vorrebbe

  • User Icon

    Laura

    14/09/2012 11:34:07

    Il commissario Charitos, capo della squadra omicidi, legge solo dizionari per cercare le sfumature delle parole e trovare il significato più adatto e opportuno al momento e alla situazione. Markaris ci descrive il suo mondo: il matrimonio con Adriana si basa sulle loro piccole reciproche vendette; il rapporto con il suo superiore il diplomatico e "politico" capo della polizia e quello con la stampa è sempre in tensione, il suo passato come agente carcerario nasconde le tensioni del passato prossimo della Grecia. Le indagini per l'omicidio di due giornaliste televisive lo portano a scoprire un intricato traffico di organi e di bambini in un meccanismo a scatole cinesi a cui restano estranei solo i veri responsabili. Azzeccato e sorprendente il colpo di scena finale.

  • User Icon

    daniela

    10/09/2012 12:37:29

    Come si fa a non sentirsi vicini al Commissario Charitos e alla sua famiglia? Markaris, con la sua penna graffiante e il suo linguaggio (per nulla penalizzato dalla traduzione), ci fa fare un tuffo nel clima e nelle abitudini dei suoi conterranei, che caratterizza con non poca vena ironica nel loro più umano "sanguigno"....e poco importa se l'intreccio noir è un pretesto! Vale la pena lasciarsi trasportare e coinvolgere nel racconto, che mi ha talmente divertita e assorbita da farmi acquistare e leggere d'un fiato anche "La lunga estate calda del Commissario Charitos" e "Difesa a zona".

  • User Icon

    Adriana

    28/01/2012 10:24:52

    Sono alla ricerca di un'alternativa ai gialli scandinavi e alla Vargas che però sinceramente non ho trovato qui. Il protagonista è opaco, un po' antipatico e meschino. La mia omonima è a dir poco scoraggiante ed il loro rapporto di coppia fa venir voglia di tornare single. Collaboratori insignificanti e trama abbozzolata su se stessa, noiosa e ripetitiva. Decisamente non andrò oltre.

  • User Icon

    Francesco

    09/07/2010 20:00:00

    Un libro eccezionale. Markaris riesce ad affascinare il lettore con il suo ritmo narrativo lento, ma accattivante. L’ambientazione nella città di Atene dopo la dittatura conferisce un alito di mistero al giallo rimarcando il cambiamento politico e sociale nella Grecia moderna.

  • User Icon

    Domenico P.

    06/11/2009 19:44:49

    Il commissario Charitos è un personaggio così "quotidiano" da coinvolgere subito il lettore nella sua vita, con la sua routine che si scontra con una storia coinvolgente, complessa, cruda. Sullo sfondo una città, Atene, che nei primi anni '90 era il punto di incontro degli interessi provenienti dall'Europa dell'est e dell'ovest. Un libro caldamente consigliato a tutti.

  • User Icon

    Alecs

    30/03/2008 20:41:03

    Vivo e pulsante, assolutamente greco. Tanto il romanzo (lentamete crescente), quanto il protagonista (lentamente affascinante). Da scoprire.

  • User Icon

    emiliano fabbri

    15/12/2007 00:54:20

    Markaris ha una scrittura impervia, dura, quasi cattiva, ma piena di vitalità e con un retrogusto amaro. Proprio come il suo Commissario Charitos. Il libro è scritto benissimo, in un crescente di tensione che accompagna il lettore fino ad un finale da togliere il fiato.

  • User Icon

    Art.

    18/10/2007 13:57:10

    Libro acquistato per caso come a volte capita quando si ha voglia di leggere ma non si sa esattamente cosa leggere. Si è rivelato una piacevolissima sorpresa. Buona l’ambientazione anche se Atene rimane sfocata sullo sfondo del racconto, grande spessore umano del commissario Karitos, trama intrigante e sempre interessante dall’inizio alla fine.

Vedi tutte le 38 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione