Gli ultimi giorni di Magliano

Mario Tobino

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: CVI-259 p., Brossura
  • EAN: 9788804588160
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nicola Intrevado

    29/09/2011 17:52:54

    La scienza e ancor piu' la sua storia avrebbero avuto la meglio sulle vecchie posizioni del Tobino, ( sia pure vestite di prosa elegante ), psichiatra e direttore del manicomio di Lucca. In altri termini, tutta la poesia dedicata a questi temi delle menti malate, questi racconti di fatti disperati e questi ritratti toccanti, sarebbero stati messi da parte come vecchi stracci e Basaglia da Trieste, a differenza dello scrittore da Magliano, avrebbe avuto ragione sui tanti temi di proposta della legge 180. Poiche' nulla puo' fermare le ragioni della scienza specie se ad anteporre le proprie si delaga il compito a quelle del cuore. Ma, il libro resta interessante, molto interessante, poiche' interessa leggere e riflettere il punto di vista di chi pur avendo capito e vissuto molto della vecchia psichiatria, si trova comunque a disagio, ma nella perfetta buona fede di scienza e coscienza, al cospetto del nuovo che inesorabilmente avanza. Eppure gli psicofaramaci sono degli anni '50, il vecchio Largactil, tutt' ora in auge, e' del' 52. E quindi la follia delle urla devastanti, dei deliri scompensati, e del male oscuro estremo sarebbero gia' state imprigionate dalle molecole di allora. Di li' a poco sarebbero stati classificati gli effetti collaterali di questi ultimi, anch' essi terribili e non poco, ma questo e' altro discorso che nulla toglie all' efficacia del farmaco sul sintomo, pur togliendo, tutto o quasi, alla vita del paziente intesa quale godimento della sua qualita'. Tobino quindi, scrive con il cuore, e che cuore, descrive con alta cognizione di causa, competenza di fatti e antefatti a lui noti, a lui dati e affidati in cura. Molto di cio' che dice scrivendo sarebbe stato giocoforza smentito ma, la poesia, a differenza della sua visione di parte, sarebbe rimasta intatta. Leggere per credere.

Scrivi una recensione