L' unico e insuperabile Ivan

Katherine Applegate

Traduttore: L. Baldinucci
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2012
Pagine: 281 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788804614449
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 8,10

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

  Nella nota finale l'autrice racconta la storia vera di un gorilla catturato cucciolo in Congo, rinchiuso in gabbia per ventisette anni come attrazione con altri compagni in un centro commerciale e, in seguito a un articolo sul "National Geographic" e alle proteste e lettere di bambini, trasferito nello zoo di Atlanta, che ospita il più gran numero di gorilla degli stati Uniti e dove ora vive contento e famoso per i dipinti che fa con i colori a mano. Applegate ha romanzato la vicenda inventando personaggi, situazioni e altri animali, ma senza tradire il senso della realtà. Accanto a Ivan, uno schienagrigia di 180 chili intelligente e generoso, ci sono l'elefantessa Stella, che morirà per una piaga infetta non curata, il cane randagio Bob, che dorme sulla pancia di Ivan, l'elefantina Ruby, anche lei sottratta alla famiglia massacrata e ora accolta e protetta dal possente Ivan e da Stella, di cui prenderà il posto. E ci sono umani come Julie, la bambina che passa a Ivan fogli e colori per dipingere, e come Mack il padrone, che non è cattivo ma non ha abbastanza soldi per il veterinario. Finché Ivan, che lo ha promesso a Stella prima che morisse, con l'aiuto di Julie e il suo talento di "Gorilla Artista" e "Picasso Primate", come lo ha chiamato il giornale, riuscirà a far trasferire Ruby in un grande zoo con tanti altri elefanti e anche la sua storia avrà un lieto fine. Applegate riesce a trasformare una vicenda drammatica e vergognosa (per noi) in una favola vera, poetica, commovente, che senza tante prediche, ma con la forza delle emozioni che suscita, mostra che gli umani non sono altro che grandi scimmie, come i gorilla, gli scimpanzé, gli oranghi, tutti parenti lontani e diffidenti, ma tutti accomunati, in un diverso modo di sentire e comunicare, da intelligenza, sensibilità, affetti, empatia. Da undici anni. Fernando Rotondo