Unità a Mezzogiorno. Come l'Italia ha messo assieme i pezzi

Paolo Macry

Editore: Il Mulino
Collana: Intersezioni
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 30 settembre 2012
Pagine: 155 p., Brossura
  • EAN: 9788815239907

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Storia e archeologia - Storia - Specifici eventi e argomenti - Post-colonialismo

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,48

€ 13,50

Risparmi € 2,02 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonio

    05/12/2017 20:33:07

    Libro eccellente che illustra con brillante compattezza il peculiare rapporto di interdipendenza strategica tra Nord e Sud Italia. Macry lo definisce il patto Centro-periferia, patto di scambio e di legittimazione reciproca, dove, in sostanza, si fa di necessità virtù.Credo che sia una delle chiavi di lettura più interessanti della storia italiana, anche perché ad essa sono estranei moralismi e giudizi prevenuti. Il punto è che il patto Centro-Periferia non è più sostenibile e quello che è stato un modello di sviluppo degli assetti politici e istituzionali italiani, soprattutto del periodo repubblicano, va riformulato. Ma sono almeno vent'anni che non ne veniamo a capo.

  • User Icon

    Antonio D'Agostino

    26/08/2013 13:39:50

    La prima parte ispira un certo interesse. Il capitolo conclusivo lascia aperte molte questioni. Interessante la linea interpretativa.

Scrivi una recensione

Il libro presenta una rivisitazione critica del moto risorgimentale e della successiva storia italiana. Tale ricostruzione, però, non è funzionale a una rilettura pessimista della vicenda nazionale, modulata sul ben noto canovaccio dell'antistoria dell'Italia unita alla Mack Smith. Al contrario, l'approccio prescelto fa emergere per contrasto quanto di positivo ha significato l'unificazione rispetto alla condizione della società italiana del tempo e quanto ha reso possibile nei successivi centocinquanta anni. La rinuncia a un pregiudiziale pessimismo non scade in una visione idilliaca, ma serve a un apprezzamento realistico del Risorgimento e delle sue conseguenze. La diversità meridionale emerge con caratteri assai definiti al momento della spedizione di Garibaldi. Di essa l'autore individua le diverse modalità nella Sicilia (autonomista e antinapoletana e per questo patriottica), e nel Meridione continentale (dove la spinta liberale viene metabolizzata in termini di trasformismo virtuoso). In sostanza, il crollo del regno delle due Sicilie viene spiegato come il combinato disposto dell'egemonia liberale piemontese e della fragilità strutturale del sistema di governo borbonico. La diversità meridionale viene poi seguita in un rapido schizzo di storia italiana. Anche in questo brillante excursus non c'è deprecazione moralistica, bensì un'analisi del particolarismo italiano interpretato dal punto di vista meridionale. Gli interrogativi finali sull'esaurimento del compromesso tra centro e periferia, a lungo efficace ma negli ultimi decenni diventato quasi insostenibile, rimandano alle prospettive politiche future. La ricostruzione storica incontra così l'attualità senza dare risposte sul che fare, ma offrendo un'importante traccia interpretativa. Maurizio Griffo