Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Uomini di Dio

Des hommes et des dieux

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Des hommes et des dieux
Paese: Francia
Anno: 2010
Supporto: DVD
Salvato in 25 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 7,90 €)

Un monastero in mezzo alle montagne del Maghreb negli anni 1990. Otto monaci cristiani francesi vivono in perfetta armonia con i loro fratelli musulmani. Progressivamente la situazione cambia. La violenza e il terrore integralista si propagano nella regione. Nonostante l'incombente minaccia che li circonda, i monaci decidono di restare al loro posto, costi quel che costi.
4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    vt

    27/03/2020 21:13:14

    Un film toccante, che rimane nell'anima. Una storia di fanatismo, ma anche di muto eroismo di uomini che, pur non essendo sotto i riflettori, hanno insegnato con il loro esempio che chiunque può - e deve - prendere posizione e lasciare il segno. Una storia che insegna ad avere fede, anche nelle proprie idee, e a non abbassare mai la guardia perché la malvagità dell'uomo è sempre in agguato.

  • User Icon

    Matteo

    12/12/2018 16:14:39

    Da vedere. In un momento in cui si parla di integrazione e terrorismo, il film affronta in modo lento ma rigoroso la difficoltà della convivenza fra religioni

  • User Icon

    guido

    09/12/2016 15:13:30

    Probabilmente la traduzione del titolo francese non è la migliore: è fuorviante perché pone l'accento sull'appartenenza della comunità monastica al Dio dei cristiani, mentre la narrazione tende a creare un parallelismo, un percorso comune nella vicenda corale della piccolissima comunità cristiana dentro la più grande comunità mussulmana. Un percorso senza le devastanti alterazioni e contaminazioni indotte dal proselitismo, dal connubio perverso tra confessione e politica: un percorso che evidenzia - nella prima fase - come tutti nelle parole e negli atti appartengano a una sola divinità. Un percorso - nella seconda parte - in cui gli uomini, le nuove generazioni politicizzate, separano la divinità dei mussulmani da quella dei cristiani: dimenticando cosa è religione, cosa è fede. Le due divinità si contrappongono: ed ecco perché il titolo originale suona più come 'uomini e dei', cioè la traduzione letterale. Una tragedia vera, narrata con stile secco, senza nulla concedere ad una parte piuttosto che all'altra, dove neppure le ragioni (o la mancanza di ragioni) vengono demonizzate. Ottima sceneggiatura, ottima regia e ottimo cast in cui sarebbe ingiusto affermare - anche se è vero - che Michel Lonsdale giganteggia. Un film che cristiani e mussulmani dovrebbero vedere e meditare insieme: così che il sacrificio della piccola comunità monastica possa, dopo dieci secoli di sangue, suggellare la chiusura del tempo delle crociate.

2011 - César Miglior Attore Non Protagonista Lonsdale Michael

  • Produzione: Medusa Home Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Koch Media
  • Durata: 120 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano; Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Lambert Wilson Cover

    "Attore francese. Figlio di Georges W., mostro sacro del teatro d’oltralpe, segue le orme del padre e si perfeziona a Londra. Affilato e seducente, contenuto nelle intenzioni drammatiche, predilige autori raffinati e ruoli sfumati senza vezzi divistici. Esordisce in Giulia (1977) di F. Zinnemann, che lo dirige anche nel successivo Cinque giorni, un’estate (1982). È il protagonista con B. Shields del romantico Sahara (1984) di A.V. McLaglen e lavora anche nel raffinato Il ventre dell’architetto (1987) di P. Greenaway e nelle due opere in costume Jefferson in Paris (1995) di J. Ivory e Marquise (1997) di V. Belmont. Negli anni successivi prende a frequentare anche alcune produzioni hollywoodiane, in parti secondarie: è il Merovingio in Matrix Revolutions e Matrix Reloaded (entrambi del 2003)... Approfondisci
  • Michael Lonsdale Cover

    Nome d'arte. di Alfred de Turris, attore francese. Di madre francese e padre inglese, esordisce nel 1956 sul grande schermo dopo studi di recitazione e lavori teatrali. Dotato di una faccia seriosa e assorta, spesso incorniciata da barba e baffi, con una corporatura tozza, si candida a specifici ruoli di caratterista internazionale interpretando decine di parti secondarie o da antagonista quasi sempre in sintonia e funzionali al resto del cast. In Francia lo sfruttano tra gli altri F. Truffaut in La sposa in nero (1968) e Baci rubati (1968), A. Resnais in Stavisky il grande truffatore (1974) e L. Buñuel per Il fantasma della libertà (1974). Fra le produzioni in lingua inglese si segnalano i lavori di J. Losey Galileo (1974), Una romantica donna inglese (1975) e Mr. Klein (1976). È anche l’antagonista... Approfondisci
Note legali