L' uomo che ride

Victor Hugo

Traduttore: B. Nacci
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Edizione: 6
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: XXXII-587 p., Brossura
  • EAN: 9788811361602
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
La tecnica compositiva di questo romanzo si basa su uno dei più collaudati espedienti narrativi: l'agnizione, ossia la rivelazione finale della vera identità di un personaggio. Ma Hugo ne fa qui un uso spregiudicato, dissolvendola nel momento stesso in cui la realizza. Il protagonista, infatti, non può strapparsi la "maschera" dal volto: essa è il suo volto, prefigurazione di uno smarrimento dietro il quale si nascondono la presenza del nulla, l'inconsapevole disgregazione interiore. Per i suoi chiaroscuri gotici, l'atmosfera onirica e la spiccata visionarietà, per l'incisività dei suoi personaggi, squadrati in antitesi irrisolte, per la potenza della storia, in cui gli istinti primigeni e brutali convivono fianco a fianco con una tenera, luminosa umanità, "L'uomo che ride" suscitò disagio e sconcerto al suo apparire ed è tutt'ora un romanzo molto discusso.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 12,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Luciana Loi

    19/09/2018 15:45:27

    Victor Hugo ha due prerogative. Prima mi fa girare la testa con la sua erudizione e subito dopo mi commuove. Questa storia è potente e drammatica come solo Victor Hugo poteva realizzarla. Perché lui mette lí dei piccoli esseri umani indifesi, li priva della giustizia, li circonda di asperità e li lascia andare costruendo dei personaggi di una forza narrativa e di un'etica che non potrai più dimenticare e di cui non potrai più disinnamorato.

  • User Icon

    Ludovico

    19/09/2018 13:59:54

    Basterebbe il capitolo "Satana", in cui si parla di una donna, dagli occhi eterocromi, a fare di questo libro una scelta interessante.

  • User Icon

    Nobile

    02/11/2017 21:58:50

    Echi della tragedia e della mitologia greca; disamina dettagliata della nautica e della house of Lords britannica di fine Seicento- inizio Settecento e tante, tante descrizioni

  • User Icon

    Rose Congou

    22/08/2017 10:24:15

    Per la potente capacità descrittiva di Hugo, per la sua immensa cultura, per i meravigliosi personaggi di Gwinplaine e di Ursus, considero questo libro uno dei più belli del pianeta.

  • User Icon

    angelo

    29/06/2015 14:18:45

    Ingredienti: un ragazzo deformato per farne un fenomeno da baraccone, una famiglia alternativa con cui vagare per l'Inghilterra del 1700, un colpo di scena finale per scoprire la sua vera identità, una maschera che protegge-isola-rovina il protagonista. Consigliato: a chi ama romanzi "monumentali" pieni di personaggi, digressioni, riflessioni e descrizioni, a chi cerca un quadro profondo e sublime della natura umana.

  • User Icon

    Cristiano Cant

    14/02/2015 21:23:41

    Ridondante e brusco come una rapida che trascina senza stancare, appassionante e tumultuoso come un affronto che sfida a non farsi indietro nella rissa con le pagine, potente e poetico come il tuono che scende nella penna e incanta chi scrive e chi legge nel viaggio racchiuso in un libro. Hugo è della razza degli imperfetti di genio, quegli scrittori etichettati popolari che in realtà, oltre ogni orpello e ogni formalismo ricercato, toccano l'anima dal fondo delle sue paludi alle punte più commoventi e incredibili del suo empireo. Romanzo di straripante umanità, si spazia dalla sfortuna alla disgrazia all'inatteso salvifico che sovverte ogni prospettiva e smaschera bene e male come lasciando miracolosamente in piedi la moneta. Un tutto mai stucchevole o stantio, ma prepotente e lirico in ogni muscolo di sillaba. Penso alla forza e alla grandezza di questo scrittore, alle puntate dei suoi libri aspettate con ansia nella Francia degli artigiani e dei portuali, fra le sartine, i marmisti, i carrettieri e le domestiche, dappertutto. Meravigliosa, fra le tantissime, una frase sulle donne, vera come un proiettile che passa da parte a parte: "Una donna nuda è una donna armata". Capolavoro.

  • User Icon

    Carlo

    30/10/2011 10:39:17

    Ottimo libro, lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    alberto giordano

    25/10/2011 20:18:32

    Bellissimo, poetico e toccante.

  • User Icon

    pescenaufrago

    29/01/2009 18:36:42

    Al contrario degli altri recensori, trovo la prima parte poetica, esaltante, coinvolgente come il migliore Hugo (anzi, è il migliore Hugo): certe immagini rimarranno per sempre vivide nella mia memoria. La seconda parte, invece, per me è stata più pesante. Nel complesso, comunque, un libro eccezionale, ingiustamente meno conosciuto di altri del grandissimo uomo.

  • User Icon

    Facciadaprete

    26/06/2004 23:51:07

    Un romanzo sconvolgente e bellissimo.

  • User Icon

    Mario

    15/01/2004 10:19:48

    lento? è sempre un romanzo storico...! Stupendo...!

  • User Icon

    Emanuela

    16/12/2003 11:20:30

    all'inizio un pò lento, ma poi bellissimo!

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione