Categorie
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2003
Formato: Tascabile
Pagine: 196 p.
  • EAN: 9788804510031
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 6,75

€ 9,00

Risparmi € 2,25 (25%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Allegra

    08/11/2015 01.19.07

    Adoro Agatha e voglio leggere integralmente la sua opera. L'uomo vestito di marrone non e' certamente uno dei suoi capolavori: la protagonista e' un improbabile detective e la trama piuttosto inverosimile..... Tuttavia lo stile inconfondibile di Agatha, scorrevole e frizzante, e la sua maestria nel descrivere i luoghi e delineare i personaggi mi portano a consigliarne comunque la lettura.

  • User Icon

    Holly-chan

    03/07/2013 02.12.18

    Uno dei primi romanzi di Agatha Christie, notevolmente acerbo rispetto ad altri, ma ricco di suspence e di elementi "in rodaggio" (insieme ad altri romanzi da lei scritti in quel periodo, come "Avversario Segreto" e "Il segreto di Chimneys").Elementi che verranno poi utilizzati per altri libri diventati molto più famosi ("Poirot e i Quattro" per gli intirighi di potere e l'avventura, "L'assassinio di Roger Ackroyd" per l'espediente del colpevole). Il libro secondo me è comunque coinvolgente e ben scritto, e niente affatto inverosimile per l'epoca. Trovo anche lo stile narrativo e la caratterizzazione dei personaggi molto ben curati. Infatti senza saperlo ho letto il romanzo per la prima volta in una versione censurata dell'epoca fascista (cosa ci faranno ancora in giro queste traduzioni poi?????) ed ero rimasto molto deluso dallo stile povero e sbrigativo. Quando poi mi sono accorto di questo fatto e mi sono procurato la versione integrale ho riconosciuto subito l'enorme differenza di stile, che è risultato molto più ricco, accurato e coinvolgente. Lo consiglio, soprattutto a chiunque voglia avere un quadro artistico completo dell'autrice e a chi sappia apprezzare anche una trama più avventurosa.

  • User Icon

    ferruccio

    09/09/2012 18.02.33

    La regina del giallo era tale anche nei suoi primi romanzi; un giallo avvincente e molto complesso dove tutti possono essere sospettati. Le varie vicissitudini si susseguono in maniera sempre più trascinante fino alla soluzione dell'enigma. Molto ben descritto l'ambiente geografico che fa da cornice al romanzo.

  • User Icon

    nadia

    05/07/2012 13.04.53

    Noto di andare un po' controcorrente, ma a me questo romanzo è piaciuto molto. Ci sono il mistero, la storia d'amore, l'umorismo (in alcuni momenti mi ritrovavo a sghignazzare da sola). Insomma, un buon mix che mi ha lasciato soddisfatta. Un libro della Christie che accosterei a questo è "Il mistero del treno azzurro". Entrambi consigliati.

  • User Icon

    Alessandro

    04/03/2011 17.10.54

    Romanzo al solito scorrevole e ben scritto. La trama questa volta è un po' forzata in alcuni punti, e i personaggi non sono così "caratterizzati" rispetto agli altri romanzi della christie. Vale la pena leggere il libro se, come me, si ha l'obiettivo di leggere tutti i libri della christie...altrimenti ce ne sono talmente tanti che pescare di meglio è veramente facile, anche andando a caso...

  • User Icon

    Anna

    16/02/2011 10.44.25

    E' vero, non è il migliore della serie ma è pur sempre una storia avvincente che ripropone, in chiave comunque originale, tutti gli ingredienti dei migliori gialli dell'autrice.

  • User Icon

    Powderfinger

    29/05/2009 11.26.12

    Bè, si, effettivamente "L'uomo vestito di marrone" non si può inserire tra i migliori romanzi gialli della Christie. La storia è abbastanza banale e scontata, come si capisce fin dalla Prefazione si ha la netta impressione che Agatha Christie abbia voluto creare un romanzo basandosi sull'esperienza di un viaggio che aveva fatto in Sud Africa. Gli eventi, a volte, si susseguono in maniera un po troppo lineare ma la cosa forse più negativa è dovuta alla eccessiva mancanza di spessore dei personaggi. Tutto sommato il romanzo scorre via abbastanza velocemente, la prima metà l'ho trovata a tratti piuttosto piacevole mentre la seconda molto meno. La mancanza di Hercule Poirot si fa sentire...

  • User Icon

    Simo_80

    07/02/2007 17.27.02

    Premettiamo che la Christie è sempre la Christie, ma questo romanzo ha una storia davvero sempliciona con situazioni al limite del ridicolo. Possibile che un'intera nave non si accorga che colui che prima era un prete poi si è mascherato da segretaria? Inoltre la protagonista s'imbarca in avventure che metterebbero in crisi anche 007 e ne esce sempre alla grande come nulla fosse. Darei 1, il 2 è solo perchè l'autrice non è una qualsiasi, bensì Agatha Christie.

  • User Icon

    Angelo

    19/10/2006 15.11.59

    “L’uomo vestito di marrone”, come lo definisce la stessa autrice nella sua biografia, è più un thriller che un poliziesco. Infatti in questo romanzo non si trovano i soliti e classici interrogatori ai quali Poirot e altri funzionari di polizia, ci hanno abituato, bensì azioni veloci, personaggi dinamici conditi da una certa dose di suspance. La storia non gira intorno ad un delitto ma il delitto è solo un tassello dell’intera vicenda. Inoltre non troviamo i geniali Poirot o Miss Marple, l’uno con le cellule grigie e l’altra con la profonda conoscenza del genere umano, a smascherare un assassino, ma una giovane ragazza in cerca di avventure che si trova immischiata in una pericolosa vicenda. Naturalmente volendo fare i pignoli e paragonare questa storia ai thriller di oggi, troveremmo molto da ridire su alcune azioni dei personaggi, nonché su alcuni trucchi ai quali ogni tanto la scrittrice ricorre facendo storcere un po’ il naso. Ma alla grande Agatha si perdona tutto e grazie alle sue trame e alle sue geniali soluzioni riesce a far dimenticare alcuni punti un po’ difficili da digerire. Buona lettura!

  • User Icon

    Paola

    09/09/2005 09.08.48

    Il libro è scorrevole ma la trama è davvero esile , non è certamente uno dei migliori della Christie ma lo consiglio ugualmente soprattutto ai "romanticoni" ... non ci sono Poirot e Miss Marple ma non è questo che lo rende mediocre bensì l'inverosimiglianza di alcune situazioni.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione