Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

La valle delle donne lupo - Laura Pariani - copertina

La valle delle donne lupo

Laura Pariani

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 18 ottobre 2011
Pagine: 246 p., Rilegato
  • EAN: 9788806210564
Salvato in 49 liste dei desideri

€ 18,52

€ 19,50
(-5%)

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

La valle delle donne lupo

Laura Pariani

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La valle delle donne lupo

Laura Pariani

€ 19,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La valle delle donne lupo

Laura Pariani

€ 19,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 10,60 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Come riassumere quello che nei mondi chiusi ci si aspetta da una donna? «Vivere da morta. Patire da muta. Obbedire da cieca. Amare da vergine». E che farne allora di quelle diverse che allignano nel paese come erbe cattive?

«La montagna, piú che un luogo geografico, è un’esperienza: quella di un mondo potente nella sua resistenza a certe pazze vertigini della modernità, ma assolutamente marginale». E proprio come la montagna sono marginali e potenti le figure che l’hanno abitata, e che abitano questo libro. Sono le donne lupo, capaci di «affrontare a viso aperto il grave del mondo». Sono balenghe, diverse, eccentriche, «tutte falciate dalla stessa sentenza di emarginazione, servite alla comunità per mettere in scena sempre lo stesso canovaccio». Eppure, forse proprio per questo, cariche di un’oscura forza leggendaria.
Una ricercatrice s’inoltra per le valli piemontesi facendo interviste con il suo registratore. Le hanno parlato di una donna, la Fenísia, che vive isolata nel Paese Piccolo, vicino al vecchio cimitero: è lei la memoria di quei posti. È nata nel novembre del 1928, non ha mai vissuto altrove e «il lavoro della sua famiglia è sempre stato quello del sotterramorti ». Comincia cosí il rapporto tra la scrittrice e l’anziana donna e, scabro e incalzante, si dipana il racconto di una vita da cui emergono figure femminili impossibili da dimenticare: la madre Ghitín, la nonna Malvina, la bionda cugina Grisa, «un bisquí di settebellezze», rinchiusa in manicomio per aver osato ribellarsi a un padre violento.
«Agli uomini il sudore e alle donne il dolore», la vita in valle è sempre stata durissima, specie per chi ha la sfortuna di nascere femmina.
Via via il ricordo produce un vortice di storie e un crudo sentimento di rabbia; vicende atroci vissute da ragazze e donne di ogni età, come quelle delle «balenghe », sotterrate nel prato che Fenìsia vede dalla sua cucina... una folla di fantasmi di cui può immaginare perfino l’aspetto, e a cui sente di appartenere.
Perché anche lei custodisce un segreto, e ha una convinzione: esiste «un puntino che è il posto della piú grande lucidità e della piú grande intimità con sé: lí dentro, ciascuno sa per scienza infusa, nella lingua dei segreti e dei sussurri, che la vendetta è la cosa più saggia».
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,86
di 5
Totale 7
5
6
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    LEOPOLDO ROMAN

    19/09/2017 12:20:13

    Un racconto indietro nel tempo, ambientato in una valle di montagna che potrebbe essere ovunque, su com’era considerata la donna fino a non molti anni fa: in sostanza niente. Essendo una storia, a volte appare irreale, ma si sa che molte volte la realtà supera la fantasia. Donne ricoverate nei manicomi perché non ubbidienti all’uomo, segregate, umiliate, annientate psicologicamente. Fenisia però ha resistito ed è grazie al suo racconto alla sciura lombarda che questa realtà dimenticata è stata sviscerata. Il romanzo, una volta che il lettore ha preso confidenza con molti neologismi che sono un misto di dialetto, latino e italiano, scorre piacevole e a tratti anche avvincente.

  • User Icon

    Michela

    30/10/2014 17:38:57

    Non dimenticherò facilmente la figura della Fenisia ed il suo mondo di donne intelligenti e coraggiose costrette a plasmarsi al volere maschile oppure a diventare vittime o lupe. Un libro intenso, doloroso, emozionante, che fa commuovere, ma a volte strappa anche un sorriso. Assolutamente consigliato.

  • User Icon

    Maurillo

    28/07/2012 10:14:48

    Semplicemente straordinario.

  • User Icon

    Paola

    14/05/2012 09:38:42

    Non conoscevo la scrittrice ho ascoltato una sua intervista alla radio dove presentava la valle delle donne lupo e il giorno dopo sono andata ad acquistarlo. Una storia vera, terribile, straziante, una storia piena di dolore ma anche di infinita saggezza di quella saggezza antica pagata sulla propia pelle giorno dopo giorno e il coraggio di vivere una vita come quella di Fenisia C. Donna stupenda e indimenticabile che avrei voluto come nonna e come madre. La piccola e povera Grisa devastata da un padre per il quale non si puo' provare che ribrezzo e la dolce lupacchiotta Grisa travolta dalla rabbia, invidia, ignoranza, cattiveria dei valligiani, e la scelta finale di Fenisia.... Che dire,un libro assolutamente da leggere che non si puo' dimenticare.

  • User Icon

    maria grazia

    08/05/2012 18:58:11

    Libro bellissimo e terribile. Il femminicidio attuale ha radici antiche e l'odio degli uomini nei confronti delle donne è superato soltanto in parte.

  • User Icon

    SILVA

    24/04/2012 15:25:53

    questo libro è speciale, prezioso. la vita merita libri così. lo consiglio a tutte le donne. e agli uomini intelligenti.

  • User Icon

    nadia

    04/01/2012 19:04:16

    Le mie radici "montagnine" mi hanno spinta all'acquisto di questo libro di cui ho sentito parlare su R.P. Non conoscevo Laura Pariani e sono felice di averlo fatto attraverso queste pagine che mi hanno trasmesso piacevolissime sensazioni: mi é sembrato di far parte di quella realtà e di averne conosciuto i protagonisti come se il paese del romanzo fosse quello delle mie origini, qualche decennio addietro. Molto apprezzata anche la forma. Molto, molto interessante.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
  Scrittrice raffinatissima, Laura Pariani occupa nella geografia della letteratura italiana d'oggi un posto assai preciso, che ha un suo corrispettivo all'altro capo dell'Italia solo in Maria Attanasio, ovvero è spesso magistrale narratrice di storie di minimi e dimenticati, di chi, espulso dalla società dei vincenti, appartiene alla categoria, foltissima nelle nostre lettere, dei vinti e dei dimenticati. La valle delle donne lupo suscita sin dalla prima lettura immediata e rapita ammirazione per il ritmo della frase, le illuminazioni che fissano luoghi, malesseri e personaggi, per la capacità di produrre ironia anche dalla desolazione più impervia. Alto Piemonte, saga di memorie che va dal 1928 al 2007 (ma potrebbe trattarsi anche di un remotissimo medioevo o di uno sconsolato Ottocento), Fenisia, "stria, pelamorti, la Lupa" racconta la storia sua e delle donne che ha conosciuto, chi finita per errore in manicomio, chi morta, chi condannata al matrimonio e ai figli, a un'intervistatrice milanese. In questa remota valle l'ideale per la donna è "Vivere da morta. Patire da muta. Obbedire da cieca. Amare da vergine". Fenisia, destinata sin da bambina a lavare i morti, ha visto per primi i cadaveri delle sue sorelle non sopravvissute al parto, tutte battezzate Tilde, tanto che a scuola può dire, candida: "L'altroieri la Tilde è morta per la quarta volta". Fenisia sa che "la ricordanza è un filo di capello" e che solo la memoria salva le lupe come lei dal "favolario nero delle maldicenze" di cui spesso sono artefici povere donne a danno di altre povere donne, che vivono "bagnandosi il savoairdo nelle disgrazie dell'altra". È infatti la maldicenza a condannare la tenera Grisa, cugina di Fenisia, al manicomio solo perché ha osato reagire al padre violento e perché con Fenisia ha scoperto il piacere dei corpi che i maschi della valle non insegnano. Nel regno delle "marcolfe linguacciute" dell'Alto Piemonte vige la legge della montagna e l'esilio nutre un idioletto popolare e orale, traduzione esotico-proletaria del lessico familiare della Ginzburg. Le donne di Pariani si passano la mano silenziose: "somà, sonònna, le sbinònne, le sbizie, le nonnàvole". Il racconto procede sincopato da un eterno "presèmpio", contrazione sintattica di vita e fantasia per le donne segnate dal destino di ogni femmina: "Se una non ha figli, è malveduta. Se li ha, ai tempi della gravidanza quanti mali. E nel parto, solo dolore e pericolo di vita. Per non parlare dei figli quando sono bocètti (…) Eppoi da grandicelli diventano barabba che fan disperare". La donna lupa che abita le alte valli piemontesi al confine con il Ticino non è ancora la donna che corre coi lupi di Clarissa Pinkòla Estés, ma lotta per la sua libertà su queste montagne che hanno il sapore disperato della Casa d'altri di D'Arzo: "Quand'una nasce, la famiglia è già pronta con lo stampino, come quello delle torte. Ma evidentemente qualche bambina ha una forma che non si adatta allo stampo. Per questo la pestano così tanto: perché non si rassegna, non si arrende". E allora il destino delle lupe è di essere seppellite in terra sconsacrata, nel "prato delle balenghe", dove sono quelle scambiate per ladre e uccise, le malmaritate, le diverse. Alla fine, dice Fenisia – e con lei Pariani – esistono solo due tipi di donne: pecore e lupe. Questa è una storia di lupe – di irripetibile livello stilistico ‒ che sembra venire da tempi remoti: pure, siamo così sicure che il mondo della Fenisia sia scomparso e che non sia di noi, donne moderne, che si stia ancora e sempre parlando? Antonella Cilento
  • Laura Pariani Cover

    Laureata in Filosofia della Storia a Milano, vive a Turbigo (Milano). Ha insegnato in una scuola superiore fino al 1998. Ha scritto e disegnato storie a fumetti negli anni Settanta ed esordisce come scrittrice nel 1993 con la raccolta di racconti Di corno o d'oro (pubblicata poi da Sellerio) con cui vince il Premio Grinzane Cavour e il Premio Piero Chiara. Oltre che scrittrice è anche sceneggiatrice cinematografica. Le sue opere sono state tradotte in varie lingue. Per Einaudi ha pubblicato Dio non ama i bambini (2007), Milano è una selva oscura (2010), La valle delle donne lupo (2011). Ricordiamo anche La spada e la luna. Quattordici notturni (Sellerio, 1995), Il pettine (Sellerio, 1995), Il paese delle vocali (Casagrande, 2000), La straduzione (2004, Rizzoli),... Approfondisci
Note legali