Valori dimenticati dell'Occidente

Giovanni Reale

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili. Saggi
Edizione: 2
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
In commercio dal: 24 novembre 2004
Pagine: 455 p., Brossura
  • EAN: 9788845232909
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
I "valori dimenticati" dell'Occidente provengono dai due grandi cespiti della civiltà europea: la filosofia greco-romana e la religione ebraico-cristiana. In Socrate, Platone, Aristotele e Plotino ritroviamo i concetti di cura dell'anima, assimilazione a Dio, virtù, giustizia, verità, bene e bellezza. Nell'Antico Testamento, nei Vangeli e nei grandi pensatori cristiani come Agostino ritroviamo invece i concetti di persona, amore, rivelazione e salvezza.

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luciano

    06/11/2018 08:10:49

    E' una raccolta di articoli che il filosofo ha scritto tra il 1999 e i primi anni del 2000, per l'inserto domenicale del "Sole 24 Ore". I vari temi filosofici e il pensiero dei grandi filosofi, da Platone a Cacciari, sono trattati "con uno stile trasparente e comprensibile". Scrive G. Reale: "I grandi filosofi si distinguono in due categorie: chi scrive opere assai complesse e difficili e chi scrive opere semplici e chiare, ma con pensieri non meno profondi di quelli contenuti nelle prime". E' il caso dei Neostoici romani: Seneca, Epitetto, Marco Aurelio, che snobbati dagli "addetti ai lavori" perché troppo facili, sono in realtà" i più letti e i più amati dal pubblico". Infatti, per questi filosofi la filosofia, è una cura per l'anima, " è un'arte del vivere", l'arte che si pratica per essere uomini in tutti i sensi, è fare il "mestiere dell'uomo" nel modo più conveniente. Marco Aurelio, l'imperatore filosofo, scrive questa massima. "Al mattino, quando non hai voglia di alzarti, ti sia presente questo pensiero: mi sveglio per compiere il mio mestiere di uomo". Il libro si conclude con un'intervista a Massimo Cacciari e l'autore, riferendosi al libro del filosofo "Della cosa ultima", scrive: "Il libro mi è parso bellissimo, ma difficile, molto difficile: va letto e riletto, in certi punti anche più volte...Pochi altri libri, meglio di questo di Cacciari, mi avrebbero permesso di trarre le conclusioni ai 'Valori dimenticati dell'Occidente' ". Peccato che Cacciari sia molto difficile da leggere! E' adatto "agli addetti ai lavori".

Scrivi una recensione