Vanina Vanini

Vanina Vanini

Stendhal

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Narcissus.me
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 40,02 KB
  • EAN: 9786050408164
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

This book "Vanina Vanini" is a short story published in 1829 by Stendhal. It is set in 1830 during the Risorgimento, when Italy was under Austrian control. The plot of the story is focused on the love story of a young Princess romana and a revolutionary carbonari. Vanina Vanini, nineteen-year-old daughter of a Roman Aristocrat, Don Asdrubale Vanini, is sought after by all the young Princes of Rome, but she rejects them all. Vanina discovers a secret room in the father's House. There, she sees a wounded woman lying in bed, as well as the clothes of the woman who seems to have been stabbed several times with a knife stained with blood. She realizes her father come up to the room and talk to the woman, although she cannot hear what they say. Vanina is fascinated by the mysterious woman, and when, one evening, the woman sees Vanina was born between the two a secret friendship.
  • Stendhal Cover

    Pseudonimo di Henri Beyle. A sedici anni si trasferisce a Parigi dove si impiega al ministero della Guerra. Nel 1800 raggiunge l'armata napoleonica in Italia e lavora come impiegato nell'amministrazione imperiale, viaggiando in Germania, Austria e Russia. Dopo la caduta di Napoleone si stabilisce in Italia, abitando soprattutto a Milano. Torna a Parigi nel 1821, vive collaborando a riviste con articoli di critica artistica e musicale. Dopo la rivoluzione del 1830 e l'avvento di Luigi Filippo viene nominato console a Civitavecchia. Muore a Parigi. Le sue opere principali sono: "Considerazioni sull'amore" (1822), "Il Rosso e il Nero" (1830), "La Certosa di Parma" (1839), "La Badessa di Castro" (1839), "Vita di Henry Brulard" (1890), "Ricordi d'egotismo" (1892), "Lucien Leuwen" (1894). Approfondisci
| Vedi di più >
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali