Variazioni con enigma svelato. Saggi su Elgar, Schubert e sul confine tra musica e letteratura

Eric Sams

Curatore: E. Battaglia
Editore: Analogon
Anno edizione: 2008
Pagine: 248 p., Brossura
  • EAN: 9788890313615
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 17,10

€ 18,00

Risparmi € 0,90 (5%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Dopo aver individuato e decifrato i codici nascosti nella musica di Schumann e Brahms (il risultato di quegli studi è pubblicato in questa serie in Il Tema di Clara), alla fine degli anni '60 Eric Sams predispone l'attacco al più celebre Enigma della musica e della musicologia, quello delle Variazioni di Elgar. Il musicologo e crittanalista, che era stato nel gruppo di lavoro di Bletchley Park, risolve non solo quel mistero creato ad arte da Elgar, ma decifra anche la famosa "Lettera a Dorabella", un messaggio in caratteri runici inviato dal compositore ad un'amica, che nessuno, nemmeno la destinataria, aveva mai saputo decodificare.
Qui vengono raccolti e tradotti per la prima volta tutti i saggi su Elgar, compreso un contributo sinora inedito. La seconda parte del volume riunisce i saggi su Schubert, che ci mostrano il genio musico-verbale di Sams all'opera su altri misteri della vita e della creatività artistica: la scintilla che dà origine al Lied, il rapporto tra arte e malattia.
Completano il volume saggi magistrali su grandi opere (il Knaben Wunderhorn, i Quartetti di Wolf) e su personaggi tra musica e letteratura (Hanslick, Cornelius, Mörike, Hoffmann), oltre a due brevi, ma esaustivi ritratti in memoria di due artisti allora appena scomparsi, Maria Callas e Benjamin Britten.
All'interno il link per ascoltare on-line e scaricare le Enigma Variations dirette da Edward Elgar e l' Italienische Serenade di Hugo Wolf suonata dal Quartetto d'Archi di Budapest.