La veglia inutile

Nadeem Aslam

Traduttore: D. Vezzoli
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 3 ottobre 2008
Pagine: 312 p., Brossura
  • EAN: 9788807017681
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 9,72
Descrizione
L'Afghanistan è terra di guerra, di invasori che hanno ceduto ad altri invasori, di dominatori che hanno ceduto ad altri dominatori. Nella successione di morte e violenza, di sangue, di intolleranza, l'Afghanistan è stato terra che ha pagato rimuovendo e distruggendo bellezza, tradizione, passato. Ogni volta sempre più duramente in un'ansia di cancellazione fatale. Ma la memoria resta. Qualcuno ha provato a occultare, velare, contraffare. Così accade per un enorme volto del Buddha rimasto intrappolato sotto una fabbrica di profumi, così per gli affreschi libertini che riemergono dal fango che li ha salvati, così per i libri antichi inchiodati al soffitto che ora si staccano e cadono a terra. Così accade nel microcosmo della casa di Marcus Caldwell, alle pendici delle montagne di Tora Bora. Intorno a questo microcosmo ruotano personaggi che per motivazioni diverse risalgono nel tempo a misurare identità, cercare tracce di persone scomparse, echi di promesse mozzate, indizi di sogni. Dal giovane talebano che ha imparato a sparare bambino alla ex spia americana che vive nel paese da un quarto di secolo, di tutti hanno una strada che li porta lì come a un incrocio di destini in attesa altre strade. Una formidabile tensione che arriva da lontanissimo elettrizza i personaggi catalizzati dalla casa di Marcus Caldwell. Si tratta di rintracciare dove la pietà e la speranza possano finalmente dispiegarsi per concludere l'infinito dopoguerra di un grande paese martoriato.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Clara

    18/05/2014 10:55:09

    Un libro bellissimo e al tempo stesso tristissimo; fa certamente male al cuore la descrizione della storia dell'Afganistan nell'ultimo secolo. Sembra veramente un paese in cui tutte le culture abbiano mostrato il loro aspetto peggiore, dai colonialisti inglesi, i soldati russi, quelli americani e i fondamentalisti talebani. Al tempo stesso però i protagonisti mostrano aspetti "umani" che fanno sperare (forse) in una "rincociliazione". L'unico neo per me è che in alcuni punti il libro è un po' lento; anche così comunque è un'ottima lettura.

  • User Icon

    Falco

    13/12/2010 08:56:13

    Un libro di una meravigliosa (e terribile) capacità di portarti in un mondo oscuro e imperscrutabile. Una scrittura particolare che ti racconta di profumi, colori, tramonti. La storia è di grande spessore e i personaggi portano in se tutti i lutti e le speranze dell'Afghanistan. Da leggere assolutamente.

  • User Icon

    Elena

    05/03/2009 19:58:02

    Bellissimo. Intenso. Sembra di respirare i profumi, vedere i colori di una terra a lungo martoriata dalla guerra, una cultura umiliata dal regime talebano, percepire il dolore straziante di chi ha perso le persone che amava. Indimenticabile. Un libro per palati fini. Ma non paragonatemelo al "Cacciatore di aquiloni" , pura operazione commerciale con cui nulla ha di che spartire se non la cornice afghana. Questo libro è dieci volte superiore per qualità narrativa e per la profondità e ricchezza interiore dei personaggi descritti. Spero non saremo in pochi a leggerlo...

  • User Icon

    Attilio Alessandro

    12/01/2009 07:36:58

    E' un libro bellissimo; lo consiglio a tutti coloro che hanno letto "Il cacciatore di Aquiloni". Le immagini dell'Afganistan martoriato dall'invasione russa, dai talebani, dai fondamentalisti islamici e dagli americani resteranno dietro le ciglia dei vostri occhi come sono rimaste dietro le mie. Per sempre. Un libro che meriterebbe un passaparola incessante, come il precedente di Nadeem Aslam "Mappe per amanti smarriti". Bellissima la traduzione

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione