Categorie

Bill Bass, Jon Jefferson

Traduttore: F. Paracchini, E. Rossi
Editore: Nord
Collana: Fuori collana
Anno edizione: 2004
Pagine: 394 p. , ill. , Rilegato
  • EAN: 9788842913146

Molti conoscono il bestseller di Patricia Cornwell che l'ha resa famosa, ma pochi sanno che esiste realmente. Stiamo parlando della Fabbrica dei corpi, il laboratorio fondato dall'antropologo forense americano Bill Bass in cui si studia la decomposizione umana, per riuscire a capire la razza, il sesso, l'altezza, il peso di un individuo a partire da un minimo resto del suo cadavere.
Ora un libro, scritto a quattro mani dallo stesso dottor Bass e dal giornalista e divulgatore scientifico Jon Jefferson, svela tutti i segreti di questo luogo incredibile, che dal 1980 sorge su un appezzamento boschivo in una zona collinosa del Tennessee, ultimo approdo di miseri brandelli di corpi che hanno conosciuto una tragica e macabra fine. Molti di questi morti hanno un nome e una storia grazie agli studi compiuti nella Fabbrica, che hanno permesso di stabilire, sulla base di pochi elementi concreti, l'ora e il luogo del loro decesso, come siano stati uccisi e, a volte, anche da chi. Gli amanti del thriller, gli appassionati di scienza e i patiti di storie avvincenti e delitti irrisolti, troveranno in queste pagine di che rimanere stupiti e impressionati. Storia di una vita di studi, di impegno e di lotte, intraprese dapprima per realizzare un progetto innovativo e ambizioso e in seguito per difenderlo dalle contestazioni degli abitanti del luogo che ne volevano la chiusura, il libro ci guida in una ricca galleria di incredibili e singolari casi investigativi risolti in più di venti anni di attività: dal bizzarro ritrovamento del colonnello di Shy allo smascheramento del serial killer soprannominato "L'Uomo dello zoo", dalla strage della famiglia Perry all'enigma del cadavere senza testa, dall'insetto che portò in galera un assassino all'orribile scoperta del crematorio di Tri-State. Aperto dalla prefazione di Patricia Cornwell, che in alcuni suoi libri si è direttemente ispirata all'attività del laboratorio, La vera fabbrica dei corpi è il romanzo autobiografico di un uomo che ha dedicato la sua vita per dare voce e giustizia a vittime di atroci delitti, ma è anche un libro pieno di ritmo e di suspense, che appassiona e si legge come un giallo.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    MDB

    06/10/2016 21.16.22

    Libro a metà tra il saggio autobiografico e il romanzo giallo. È capace di catturare il lettore come pochi sanno fare! L'argomento trattato è originale ,quindi (anche) per questo vale la pena leggerlo. Alla fine penserete :"Peccato sia già finito!"

  • User Icon

    zombie49

    13/05/2008 22.57.55

    Ho letto questo libro nell'edizione economica della Tea, ma vorrei mettere qui la mia recensione insieme a quella degli altri lettori. Storia vera della “Body Farm”, (impropriamente tradotto in italiano "La fabbrica dei corpi", mentre il nome inglese deriva dal fatto che il terreno su cui sorge era precedentemente parte di una fattoria di proprietà della Facoltà di Agricoltura), l’istituto dell’ Università del Tennessee dove si studia la decomposizione dei cadaveri a scopo forense. Bill Bass, direttore da 40 anni dell’istituto e docente universitario, racconta alcuni casi di medicina legale da lui studiati in modo piacevole e interessante con un gradevole tocco di humor nero e ironia, conciliando il rigore scientifico con uno stile comprensibile anche ai non addetti ai lavori, informando il lettore su cosa accade “dopo”. Le note sulla vita personale in questo caso rendono il personaggio più umano e sensibile. Jefferson è un regista autore di due interessantissimi documentari sulla “Body Farm” x National Geographic. Libro non x tutti, ma imperdibile x chi ama la scienza medica senza compiacimenti letterari e fantasiosi. Ho letto anche "Body Farm" di Patricia Cornwell, ma ho apprezzato molto di più quest'opera che il giallo di fantasia a cui pure l'istituto universitario deve la notorietà mondiale.

  • User Icon

    stefania

    03/10/2007 12.10.47

    bellissimo, non riesco a staccarmici, appena ho un minuto libero lo apro. scritto molto bene, scorrevole e a tratti ironico. bravo!

  • User Icon

    Beatrice

    29/07/2007 20.22.35

    Concordo pienamente con il giudizio espresso dagli altri lettori. Spero che l'autore non si limiti a questo libro ma continui a raccontare la sua affascinate esperienza.

  • User Icon

    deborah

    05/10/2006 18.10.45

    bellissimo libro!anche per chi(come me)non ha propriamente uno stomaco di ferro!l autore descrive le varie fasi della decomposizione con minuzia ma mai in in modo eccessivamente crudo..inoltre fa realmente riflettere sull effimeratezza del corpo!lettura consigliata

  • User Icon

    lucio

    21/05/2005 02.05.20

    una bella lettura con affermazioni scientifiche di massimo rilievo, certo ce ne sono altri piu' specifici nel settore per ogni studio, sono in una sezione investigativa e se ce fossero come bill bass, alcuni individui dovrebbere stare ben attenti prima di procedere al delitto; la realta' e piu macchinosa, comunque nel complesso direi che e una bella lettura che porta a curiosare anche altri settori forescientifici.

  • User Icon

    francesco

    11/12/2004 20.04.27

    Che dire! complimenti a un grande maestro dell'antropologia forense. Il libro è anche un bel documentario.

  • User Icon

    llwellin

    24/11/2004 18.06.54

    Bellissimo, da non perdere e assolutamente da promuovere: non è un libro conosciuto quanto merita nonostante il legame con Patricia Cornwell. Bill Bass racconta la sua vita e la sua esperienza di antropologo forsense con humor e modestia, il suo stle ricorda quello dell'uomo sorridente tante volte ritratto nel libro. E' un bel testo: la piacevolezza stilistica non sottrae nulla al rigore scientifico. E' un libro da cui non solo i "curiosi" possono imparare, il testo ha qualcosa da dire anche a chi si dedica alle scienze mediche, studenti inclusi, che forse, nel dopo Bass, guarderanno tanti "inutili dettagli" con meno pigrizia e più curiosità. La "Vera Fabbrica dei Corpi" è un ottimo libro in tutto e per tutto e, sebbene possa "stare benissimo da solo", sa fare ottimamente da spalla anche all'opera di Patricia Cornwell.

  • User Icon

    Io

    07/10/2004 17.32.03

    Splendido! Docu drama di incredibile aderenza alla realtà. C'è solo da imparare. Didattico.

  • User Icon

    Nicola Falchi

    10/09/2004 17.29.43

    Libro degno di Gil Grisson, che comunque mette in evidenza il lato umano e umile dell' antropologo forense. Infatti se non fosse per l'errore compiuto in un indagine attraverso le perizie svolte su un cadavere (non tanto fresco ma capitato, prima che al dottor Bass, ad un provetto taxidermista) non sarebbe sorta la vera fabbrica dei corpi. Storie intense che non contengono gli effetti speciali di CSI, ma che ovviamente in perfetto dettaglio scientifico esplicano il procedimento per capire l'origine di come sia avvenuta la morte di un essere umano, che viene studiata appunto coltivandola. Libro interessante, ma la traduzione e alcuni aspetti del testo lasciano desiderare, forse da attribuire alla casa editrice che ha pubblicato il libro in Italia.

  • User Icon

    NoHope4U

    31/08/2004 12.09.22

    Un diario/documentario eccezionale. La storia di un pioniere della scienza, dell'uomo che inventato l'antropologia forense. Non sempre scorrevole, ma ricco e interessante.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione