Categorie
Editore: Mondadori
Anno edizione: 1999
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788804459934
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,60

€ 8,80

Risparmi € 2,20 (25%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


scheda di Thomson, G., L'Indice 1995, n. 1
scheda pubblicata per l'edizione del 1994

Il suicidio, afferma Kant, è l'unica azione completa, l'atto 'stricto sensu' svuotato di ogni possibile contenuto patologico. Le sue conseguenze invece, come il seducente primo romanzo di Jeffrey Eugenides "Le vergini suicide" dimostra brillantemente, non sono che contenuti patologici. Dopo l'ultimo dei suicidi delle misteriose ragazze Lisbon a cui fa accenno la prima pagina, si ode un coro di uomini in lutto, senza nome, setacciare l'affollata soffitta della memoria. Una infinita lista di "reperti" svela la natura del solaio rievocativo: è un sito troppo imperfetto per reggere gli ideali fragili ed esigenti delle sorelle Lisbon che, durante le loro brevi vite, sembrano fluttuare come fantasmi mitici di donne greche impiccate. L'astuzia di Eugenides sta nel collocare i suicidi all'inizio del romanzo trasformando così ogni particolare della vita delle sorelle, anche quelli più banali, in un sinistro presagio della tragedia a venire. In questo modo il suicidio non è l'effetto ma, retroattivamente, la causa di tutto. "Le vergini suicide" è un testo saturo di meticolosità in cui i narratori elencano in modo maniacale tutti gli oggetti che li legano alle sorelle: il loro lutto diviene una forma di raccolta e consumo di prodotti seriali che, immersi nel nero di seppia del loro dolore solitario, assumono un'aura di sacralità e importanza. Paradossalmente è proprio attraverso questo tentativo di spiegare e integrare simbolicamente i suicidi che emerge la chiarezza kantiana dell'atto. Col susseguirsi di goffe teorie e generalizzazioni volte a spiegare "qual è il problema dell'America" le sorelle spente si fanno sempre più distanti, eteree, cristalline, come una stella morta che continua a brillare in un'area che è mera differenza, pura virtualità. Il finale è una coda mozzafiato di reminiscenze nabokoviane in cui i narratori chiamano ossessivamente le sorelle "perché escano dalle stanze in cui sono entrate per trovare la solitudine eterna".

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Claudio

    14/03/2016 08.31.26

    Libro di una noia mortale. Ho cercato di tenere duro, mi dispiace molto mollare un libro, ma man mano che andavo avanti mi domandavo che senso avesse perdere tempo in questo modo. Ho amato moltissimo Middlesex, ma in questo non sono veramente riuscito sa trovare alcun motivo di interesse!!! Sconsigliatissimo!!!!

  • User Icon

    Luca

    11/03/2011 22.28.35

    Bellissimo romanzo. Tema delicatissimo affrontato in maniera impeccabile. Il libro è scritto davvero bene (impressionante che sia un'opera prima) e scorre velocemente. Consigliatissimo

  • User Icon

    Guia

    06/09/2010 21.26.43

    E'una storia strana, bizzarra, ma magnetica e ben scritta. Mi è piaciuto, e lo consiglio.

  • User Icon

    Alessia

    09/11/2009 20.23.52

    L' occhio infantile segue le brevi esistenze delle sorelle Lisbon: raccoglie reperti apparentemente inutili, penetra nell'intimità troppo spesso violata di una famiglia, scopre le falde di un'intera società che con essa si scontra ed inevitabilmente in essa si riflette. Il malessere che ne traspare non è un'esclusiva delle cinque ragazze. Scorrevole, ricco nelle descrizioni, poetico. Da leggere!

  • User Icon

    gianni

    14/09/2009 09.46.25

    Io invece parlerò un po’ fuori dal coro. A me questo libro è piaciuto molto. Si legge benissimo, è scorrevolissimo. Certo, è un libro pieno di descrizioni, ma se le volessimo togliere del libro non rimarrebbe niente, e del resto il libro secondo me è notevole proprio grazie a queste preziosissime descrizioni. La storia è molto bella, certo triste (visto l’argomento) ma anche molto poetica. Della storia sappiamo tutto fino dalla prima pagina, la tensione e l’emozione è quindi tutta riposta nel come e quando e perché avvengano i suicidi. Sul perché rimangono dei dubbi, come del resto sempre in questi casi, anche se il clima familiare delle ragazze sembrerebbe una buona spinta all’azione. Il libro mi è piaciuto talmente tanto che io lo considero alla pari con l’altro romanzo di questo autore (Middlesex). Non ho visto il film che ne ha tratto la Coppola e quindi non posso parlarne, ma credo che sia sempre sbagliato fare confronti tra libro e film, sono due opere diverse che, se sono valide, devono essere in grado di reggersi sulle proprie gambe, e questo libro ci riesce benissimo. Da leggere.

  • User Icon

    blondambition

    06/09/2009 12.54.39

    Conoscere la fine del romanzo sin dal suo inizio non toglie nulla al mistero che lo avvolge fino alla sua conclusione. Originale la narrazione collettiva di un gruppo di ragazzini del vicinato non meglio identificati ma, perciò stesso, vaga e impersonale. Le descrizioni infinite di luoghi e persone sono decisamente superflue ai fini della storia oltre ad allentarne iireparabilmente la tensione. Romanzo inquietante, a tratti anche crudo, che si snoda in bilico tra il reale e l'immaginato.

  • User Icon

    Irene

    10/04/2009 19.43.10

    Non dò il massimo perchè in certi punti è troppo descrittivo, pagine intere dedicate a persone/luoghi su cui si poteva anche sorvolare. Però è molto tenero, così come viene descritto sul retro copertina. L'autore scrive con facilità e chi legge apprezza anche particolari termini "complicati" che servono a rendere in questo caso, sacra, la lettura di vergini suicide.

  • User Icon

    maurizio

    01/12/2008 01.17.08

    un racconto di cui già si conosce la fine e che, nonostante ciò, ha un incedere misterioso e seduttivo. Una scrittura bellissima, limpida e senza sbavature. Un protagonista assoluto che è il racconto stesso. Splendide le descrizioni. Degli ambienti, dei gesti, delle emozioni. Applausi.

  • User Icon

    Monica

    16/10/2008 20.54.10

    Non è il suicidio delle sorelle Lisbon a colpire in negativo: tutto sommato, loro sono eroine sospese tra la tragedia e la magia. No, è il clima del romanzo, la coralità malata, la città che esaspera in maniera paranoica (a volte quasi horror) tutti gli stereotipi dell'american way of life. Un libro pesante, difficile da leggere, improbabile. Lo sconsiglio assolutamente.

  • User Icon

    vale90

    13/10/2008 16.27.51

    La trama di questo libro mi aveva molto attirata(infatti nn do 1 solo x quello), ma sono riuscita a finire il libro molto duramente. I dialoghi sono scarsi e mal costruiti, le descrizioni interminabili e molte volte superflue, e la narrazione da parte di ragazzi imprecisati mal funzionante. In definitiva nn consiglio questo libro, ma piuttosto il film della Coppola.

  • User Icon

    maria

    27/05/2008 15.43.16

    le vergine suicide è sicuramnte un libro bellissimo ma la perfezione è solo di MIDDLESEX!non credo di aver mai letto (e ne ho letti tantissimi di libri)qualcosa di più bello. creativo immaginabile delicato ,una scrittura coinvolgente e mai ripetitiva! quindi a tutti coloro che amano leggere consiglio di avvicinarsi a questo splendido scrittore partendo proprio da Middlesex...per poterne scoprire la grandezza! il film le vergine suicide è di una noia mortale...non rende la "giusta" giustizia al libro!

  • User Icon

    lalli

    12/09/2007 11.50.07

    LIBRO MOLTO POETICO ED EVOCATIVO...NON RAGGIUNGE LE VETTE DI MIDDLESEX PERO' E' UN PIACERE DA LEGGERE!

  • User Icon

    Elisa

    01/06/2007 18.02.01

    Se del film, che a me non è piaciuto, si può solo salvare la colonna sonora e l'atmosfera opprimente che aleggia durante tutta la storia, per quanto riguarda il libro, bè è un altro discorso. Tolto il "difetto", se difetto lo vogliamo chiamare, di descrizioni che mi sono sembrate eccessive per la loro lunghezza, il resto, non dico che sia un capolavoro, ma ci è parecchio vicino. E' un libro molto facile da immaginare, il che secondo me è un gran pregio, inoltre i personaggi sono presentati con una delicatezza unica. In conclusione: film superficiale(basti pensare al finale a mio parere *terribilmente* tagliato), ma libro decisamente interessante e ben scritto. Da leggere assolutamente!

  • User Icon

    Isabella

    28/05/2007 14.36.00

    è carino, si legge con piicere. Middlesex però mi è piaciuto maggiormente. Per conoscere questo autore consiglio di partire da quel romanzo.

  • User Icon

    Daniele

    30/04/2007 15.45.32

    Non ho letto "Middlesex" ma molto probabilmente non lo leggerò perche sarò troppo influenzato da questo libro. Mi dispiace dire che sia stata una vera delusione anche perchè mi era stato consigliato e il film che ne è stato tratto è stato diretto da Sofia Coppola,della quale ho apprezzato molto "Lost in translation". Ma la trama mi sembra un po' assurda come d'altronde la narrazione. Poi il soggetto è così macabro,un po' troppo inquietante

  • User Icon

    Giulia89

    19/03/2007 21.04.03

    Molto bello... al pari del film... é incredibile come riesca a catapultarti in questo mondo di queste cinque ragazze che piano piano affievoliscono come fantasmi... la storia è molto scorrevole e in due giorni l'ho subito finito! Davvero avvincente... Ora lo ricomincio da capo per coglierne tutte le sfumature, e per studiare a fondo le caratteristiche dei personaggi, per poterne comprendere i suicidi...

  • User Icon

    sara

    07/02/2007 22.51.40

    Ottima scrittura, mai banale o crudo, ma poetico e ironico in ogni sua descrizione. Da leggere.

  • User Icon

    Carolina

    18/12/2006 18.54.21

    Stupendo e destabilizzante. Non puoi mai immaginare cosa succede in una bella casa in una periferia di una tranquilla cittadina del Michigan, e invece: cinque sorelle che si suicidano, due genitori o assenti o insopportabili, il vicinato maschile che ammira queste ragazze e ne è ossessionato. Eugenides crea un mondo sospeso fra sogno e realtà, popolato da personaggi davvero indimenticabili come Cecilia, la prima che si suicida, strana e amante di magie ed esoterismi vari; sua sorella Lux, affamata d'amore e di sesso; il padre, un tipo passivo e troppo tranquillo; Trip Fontaine, il fighetto drogato amato da tutta la scuola; la vecchia Karafilis, un'immigrata greca che ha visto gente trucidata dai turchi e che probabilmente è in contatto silenzioso con le sorelle. Sconvolgente e troppo poco conosciuto.

  • User Icon

    summer81

    06/12/2006 09.21.12

    bello!inquietante, triste, oscuro... dopo aver trovato middlesex per sbaglio non mollerò più Eugenides........

  • User Icon

    eli

    23/11/2006 21.12.50

    Dopo "Middlesex", forse il miglior libro che abbia letto negli ultimi anni, questo primo lavoro di eugenides non è stato all'altezza delle mie aspettative. Ho faticato ad arrivare alla fine.

Vedi tutte le 32 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione