Vestita di luce. Poesie 1925-67

Jaroslav Seifert

Curatore: S. Corduas
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1986
Pagine: XXIII-216 p.
  • EAN: 9788806595272
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 9,66

€ 11,36

Risparmi € 1,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiano Cant

    05/07/2017 07:41:13

    "Tu versa lacrime per colui che dubita"...Amare è il destino del poeta, l'unica gruccia con cui andare per la vita, reggendosi e reggendola, difendendosi e difendendola. Perché la poesia è un subire che ricambia con un dare, un affronto capovolto dal perdono delle parole, giacchè l'odio non fa né partire la penna né imbustare alle poste del cielo mezza lettera vera. "L'abisso sta sopra di noi" scrive Seifert, un mistero che non asciuga il dolore, un lampo che nemmeno incoraggia, ma una volta per tutte definisce una condizione. E' lì che il poeta decide e comprende se autentico poeta è: abitarla, sposarne i dilemmi, le rozze lune di traverso, la grandine che grida su un foglio, un'adunata di venti contrari. Il poeta maneggia questa confusione e ne plasma verbo dalla sua carne, ogni verso è evento e sfida oltre i recinti del finito, le costumate virgole del facile, la sordità dolosa di chi non vuole pensare: "Se al cuore si potesse dire: non correre! /Se potessi ordinargli: brucia!/ Già si spegne./ Ancora una scarpa, una mano, un anellino da cucito,/ prima che la chiave giri e si apra quella porta/ nella quale entriamo e piangiamo/ per quella tremenda bellezza/ che viene chiamata vita". Eco Rilkiana ("il bello è l'inizio del tremendo"), fiore di verità senza contrasti. Chi sente è condannato ai multipli di ogni dolore, a scale senza arrivo, spaesamenti, orrore, e a cumuli di domande come allunghi del proprio respiro. Ma è il dovere del poeta: "So bene che il poeta/ deve sempre dire più/ di ciò che sta nascosto nel rombo della parola,/ ed è la poesia". Dunque è questa la legge: più il mondo non vuole i poeti, più questi si riprodurranno, perché il disagio è il fratello della scrittura, il suo riflesso perenne. Dio lascia in bianco il suo assegno ai poeti, ma i poeti non ne approfittano, non mettono cifra, non gli serve. Gli basta quella fiducia; essa è già esito e vanto, chiamata e risorsa, premio, sorte. Un sempre protetto dalla parola. Per sempre.

Scrivi una recensione


scheda di Rastello, L., L'Indice 1986, n.10

La parabola descritta dall'evoluzione poetica di Seifert corre lungo gli ultimi sessanta anni di questo secolo; culmine fu, solo per l'occidente disinformato, il premio Nobel nel 1984, che portò fuori dalle cerchie di specialisti la voce di un poeta che molti in patria identificano con l'idea stessa della poesia (e a Praga e dintorni leggere poesie è più di uno sport nazionale, per frequenza e intensità di pratica). L'antologia di Einaudi riporta purtroppo pochi brani della stagione poetista e taglia inspiegabilmente il poema "Vestita di luce" che fu l'emblema in versi della mistica eternità di Praga e il segno della sua resistenza all'invasione nazista; colma tuttavia il vuoto paradossale lasciato dalla scoperta in età tarda (finora in Italia si avevano solo traduzioni di opere recenti e qualche passaggio in antologie) di un artista che, attraverso le molte trasformazioni della sua opera nel tempo, ha saputo coniugare la bellezza cristallina e la complessa classicità del verso (il testo originale a fronte dà la misura della varietà di soluzioni metriche ed espressive impiegate da Seifert) con l'impegno civile che ne ha fatto il simbolo della Cecoslovacchia che non si piega e, insieme, con il richiamo di una sensualità capace di "vestire di luce" anche l'asprezza e il dolore.