Categorie

Annette A. Desmarais

Editore: Jaca Book
Anno edizione: 2009
Pagine: 320 p. , Brossura
  • EAN: 9788816408777

La crisi alimentare mondiale è la più chiara dimostrazione della necessità di trovare un’alternativa al modello corporativistico di agricoltura adottato dalla maggioranza dei governi nazionali e delle istituzioni internazionali. Quali sono le cause a lungo termine di questa crisi? Esistono alternative attuabili? Questo libro affronta il problema analizzando il significato de La Vía Campesina, di gran lunga il più importante movimento rurale emerso negli ultimi anni. La Vía Campesina unisce Nord e Sud del mondo in un obiettivo comune: il rifiuto esplicito del modello neoliberista di sviluppo rurale, la radicale opposizione all’esclusione dalle politiche di sviluppo agricolo e la ferma determinazione a lavorare insieme per dare forza alla voce dei contadini e per costituire un modello alternativo di agricoltura, basato sulla sovranità alimentare. Questo movimento sta crescendo e comincia a far sentire la sua voce. La Vía Campesina ha consolidato l’unione e la solidarietà al suo interno dando un volto e un nome al nemico comune, gli attori della globalizzazione economica e della corporativizzazione dell’agricoltura. Per La Vía Campesina la lotta non è tra contadini del Sud e aziende agricole del Nord: la lotta è tra due modelli divergenti e opposti di sviluppo sociale ed economico. L’analisi delle forze che determinano le politiche alimentari ci costringe non soltanto a confrontarci con le dinamiche di potere tra le organizzazioni contadine, gli Stati, l’OMC, le corporazioni transnazionali e gli altri attori sociali, ma anche ad affrontare le relazioni di forza interne al movimento stesso. Pertanto, questo libro analizza le maggiori istanze, posizioni, strategie, azioni collettive e dinamiche interne a La Vía Campesina e così facendo mostra come l’interazione locale, nazionale e internazionale all’interno del movimento contadino sia tesa a individuare e costruire un sistema alimentare sostenibile e offre un quadro della natura e dell’estensione dell’attuale attivismo agrario, facendo emergere le questioni fondamentali di ripensamento dello sviluppo rurale.