La via maestra. L'Europa e il ruolo dell'Italia nel mondo - Giorgio Napolitano,Federico Rampini - copertina

La via maestra. L'Europa e il ruolo dell'Italia nel mondo

Giorgio Napolitano,Federico Rampini

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Mondadori
Collana: Ingrandimenti
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 1 ottobre 2013
Pagine: 125 p., Rilegato
  • EAN: 9788804632474
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 8,64

€ 16,00

Punti Premium: 16

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"L'interesse nazionale italiano e l'interesse comune europeo: è questo che, in definitiva, ha contato e conta per me più di ogni altra cosa." A parlare così è il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano; e le sue parole aiutano a comprendere meglio il suo pensiero sui principali argomenti all'ordine del giorno nel dibattito politico interno e, soprattutto, internazionale. In questa frase c'è la chiave più semplice per interpretare la funzione svolta dal capo dello Stato durante la crisi economica e istituzionale attraversata dal nostro paese e più specificamente sul piano delle relazioni tra l'Italia e il resto del mondo. Napolitano aveva intenzione di licenziare questo libro soltanto dopo aver lasciato il Quirinale: da ex presidente. L'idea era nata su sollecitazione di Federico Rampini quando Napolitano non poteva immaginare che nell'aprile 2013 sarebbe stato rieletto per un mandato non cercato e tuttavia accettato responsabilmente per senso dello Stato. Il dialogo con Rampini consente di ripercorrere le fasi salienti del settennato 2006-2013 e le idee guida dell'azione del presidente sul versante internazionale, incentrata su due scelte fondamentali di politica estera. La prima è quella del dare nuovo vigore alla prospettiva europeista. La seconda scelta è una decisa visione transatlantica. Napolitano sottolinea che valori, concezioni e impegni essenziali legano indissolubilmente l'Europa agli Stati Uniti. Un legame da salvaguardare e rinnovare malgrado ogni difficoltà.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un libro concepito in origine come un tributo al settennato di attività in Quirinale del presidente Giorgio Napolitano ma che è diventato, in seguito alla vicende politiche italiane degli ultimi mesi, una vera e propria mappa concettuale attraverso cui comprendere il pensiero politico dello statista Napolitano, ma anche il pensiero etico dell’uomo, in un percorso che lo ha visto rieletto al Quirinale per un secondo, inatteso, mandato. Una lunga e articolata intervista attraverso cui il Presidente ripercorre tutti i momenti più importanti del suo mandato, dalla prima uscita ufficiale a Ventotene il 21 maggio 2006 in occasione della celebrazioni del ventesimo anno dalla scomparsa dell’europeista Altiero Spinelli, fino al pellegrinaggio a Sant’Anna di Stazzema il 24 marzo 2013, luogo di una delle più feroci stragi naziste e momento finale del suo primo mandato di presidente. In mezzo, e oltre, la storia di un uomo che, eletto al Parlamento italiano nelle fila del PCI a 28 anni, ha vissuto in prima persona i cambiamenti epocali del vecchio secolo e la crisi sistemica del nuovo millennio.
A condurre l’intervista, incentrata principalmente sull’Europa e sul ruolo dell’Italia nel mondo, un noto giornalista e scrittore, Federico Rampini, che da sempre ha dimostrato di essere un osservatore distante e imparziale della situazione europea. Il suo sguardo critico, nella prospettiva dell’intellettuale che ha lasciato da molti anni l’Italia per vivere negli Stati Uniti e in Estremo Oriente, fa da pungolo alla narrazione del presidente Napolitano, che viene stimolato con grande intelligenza sugli argomenti caldi della politica italiana e internazionale, a cominciare dalla crisi finanziaria e politica.
Una congiuntura economica determinata dal nuovo scenario mondiale, ma anche e soprattutto una gravissima crisi istituzionale, che ha visto sgretolarsi negli anni l’idea di Stato-Nazione come l’idea di Stato-Apparato, il concetto di democrazia come quello di legittimità del potere. Una crisi che ha di fatto comportato lo svuotamento degli organi istituzionali delle proprie funzioni precipue, impedendogli di assolvere al loro ruolo imprescindibile: la determinazione dei valori e degli obiettivi cui la società è rivolta. All’interno di questo vuoto, oltre la crisi e oltre le derive populiste che stanno emergendo in tutta Europa, il presidente Napolitano, con fermezza ma anche con la sua straordinaria passione, mostra La via maestra da percorrere. È necessario pretendere, spiega il Presidente, un impegno straordinario da parte di tutti gli attori sociali, che dovranno darsi da fare non solo per uscire dalla crisi, creare lavoro e valorizzare il capitale umano, ma anche, e soprattutto, per recuperare una rinnovata consapevolezza del ruolo insostituibile dei poteri pubblici. La sfiducia dilagante da parte dei cittadini nei confronti della politica può e deve essere superata riformando gli strumenti di partecipazione democratica, i partiti e le istituzioni rappresentative. Ripercorrendo gli anni più difficili della storia istituzionale italiana, dalla crisi del 1948, quando gli schieramenti politici videro l’insorgere della guerra fredda, fino al terrorismo e la crisi petrolifera degli anni Settanta, Giorgio Napolitano rilegge la storia attuale e trova nel rilancio delle istituzioni la chiave di volta di questo oscuro periodo italiano. Bisogna recuperare, prosegue il Presidente, il ruolo alto e nobile della politica, attraverso un’effettiva dedizione all’interesse generale da parte di una classe dirigente che dovrà tornare ad essere illuminata. Un auspicio ma anche un impegno da parte dell’uomo che più si è speso in questi ultimi anni per mantenere alto il profilo istituzionale del Quirinale e per difendere i valori professati nella Carta costituzionale.

  • Giorgio Napolitano Cover

    Giorgio Napolitano (Napoli, 29 giugno 1925) è senatore di diritto e a vita quale Presidente Emerito della Repubblica. Sposato con Clio Bittoni, ha due figli, Giovanni e Giulio.Laureato in giurisprudenza nel 1947 presso l'Università di Napoli, ha aderito nel 1945 al Partito Comunista Italiano, di cui è stato militante e poi dirigente fino alla costituzione del Partito Democratico della Sinistra. Dal 1946 al 1948 ha fatto parte della segreteria del Centro Economico Italiano per il Mezzogiorno e ha partecipato attivamente al Movimento per la Rinascita del Mezzogiorno dal 1947 per oltre 10 anni.È stato eletto alla Camera dei Deputati per la prima volta nel 1953 e ne ha fatto parte – tranne che nella IV legislatura – fino al 1996. Nella VIII (dal 1981) e... Approfondisci
  • Federico Rampini Cover

    Scrittore e giornalista italiano, ha iniziato la sua attività giornalistica nel 1977 a «Città futura», settimanale della Federazione Giovanile Comunista Italiana (FGCI), di cui era segretario generale Massimo D'Alema; dal 1979 scrive per «Rinascita», giornale che deve abbandonare nel 1982 dopo avervi pubblicato un'inchiesta sulla corruzione in seno al PCI. In seguito è stato prima vicedirettore de «Il Sole 24 Ore» poi capo della redazione milanese ed in seguito inviato del quotidiano «La Repubblica» a Parigi, Bruxelles e San Francisco. Come corrispondente ha raccontato dapprima le vicende della Silicon Valley; ha lasciato poi gli Stati Uniti per aprire l'ufficio di corrispondenza di Pechino. Ha insegnato alle Università... Approfondisci
Note legali