Viaggio al termine della notte. Romanzo. Traduzione dal francese di Alex Alexis - Louis-Ferdinand Céline - copertina

Viaggio al termine della notte. Romanzo. Traduzione dal francese di Alex Alexis

Louis-Ferdinand Céline

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Corbaccio
Tipologia: Libro usato vintage
Anno edizione: 1933
  • Prodotto usato
  • Condizioni: Usato - In buone condizioni
  • EAN: 2560020267534

16° nella classifica Bestseller di IBS Libri Vintage Narrativa straniera

Salvato in 1 lista dei desideri

€ 80,00

Venduto e spedito da Galleria Gilibert

Solo 1 prodotto disponibile

+ 5,00 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO VINTAGE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In-8° (cm 13x19.5) brossura editoriale con titoli al dorso e al piatto con grafica razionalista bicroma. Pp 6 non num., 494, 2 non num. Lievi segni del tempo e d'uso ai piatti, interno fresco: più che buon esemplare, mancante della sovracoperta. Prima edizione italiana del "Voyage au bout de la nuit", uno dei capolavori della letteratura del XX secolo ("Céline è il più grande scrittore degli ultimi duemila anni", suona una celebre battuta di Charles Bukowski). Da notare la straordinaria tempestività della versione italiana, in quanto l'edizione originale francese del "Voyage" era apparsa soltanto pochi mesi prima, nel 1932. La versione dell'Alessio rimase quella di riferimento in lingua italiana sino alla più recente traduzione di Ernesto Ferrero. Collana Scrittori di tutto il mondo N° 31. Cfr. Michel David, Sulla prima traduzione italiana del " Voyage au bout de la nuit", in Opera Aperta, nn. 8-9, aprile 1967.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Louis Ferdinand Céline Cover

    Céline, Louis-Ferdinand Pseudonimo di Louis-Ferdinand Destouches, scrittore francese. Laureatosi in medicina, dal 1924 al 1928 viaggiò molto in qualità di medico e ricercatore; ritornato in Francia, entrò a far parte dell'équipe della clinica pubblica di Clichy, lavorando soprattutto per i poveri. Esordì sulla scena letteraria con Viaggio al termine della notte (1932), romanzo di disperato pessimismo e dall'eccezionale sperimentalismo linguistico e stilistico. Fecero seguito un'opera di impronta simile, Morte a credito (1936), e il pamphlet anticomunista intitolato Mea culpa (1936), scritto dopo un viaggio in Unione Sovietica. L'anno seguente fu pubblicato, suscitando grande scandalo, Bagatelle per un massacro (1937), il più violento di una... Approfondisci
Note legali