I Viceré - Federico De Roberto - copertina

I Viceré

Federico De Roberto

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Dalai Editore
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
Pagine: 700 p., Brossura
  • EAN: 9788860736628
Salvato in 17 liste dei desideri

€ 6,90

Venduto e spedito da Librisline

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

All'inizio della narrazione, a Catania nel 1855, gli Uzeda, ancora tutti borbonici tranne il duca Gaspare che simpatizza per i piemontesi, apprendono la notizia della morte della vecchia e autoritarua principessa Teresa, vedova del principe Consalvo VII, assai più temuta che amata dai figli, nonché detentrice di tutto il patrimonio di famiglia.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,33
di 5
Totale 3
5
2
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    giorgio

    08/05/2011 19:09:00

    sono alle prime 100 pagine:se un amico,ottimo lettore,e voi,non mi aveste detto che è bello,lo mllavo.tengo duro

  • User Icon

    roberto

    27/03/2011 08:34:24

    Secondo me è IL capolavoro della letteratura italiana moderna, da cui, peraltro, ha attinto a piene mani Tomasi di Lampedusa per scrivere Il Gattopardo. Un capolavoro misconosciuto, perché sgradevolmente non lascia speranze e non fa sconti a nessuno: né ai politici - parassiti e trasformisti- né al popolo - massa di manovra in balìa del potere- né soprattutto alla Chiesa. Sembra scritto oggi.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    13/09/2010 12:35:26

    Un altro capolavoro della letteratura italiana, di alto valore profetico, perchè le vicende della famiglia Uzeda rispecchiano quella caratteristica nostra, ribadita anche nel Gattopardo, per cui tutto cambia restando infine uguale.

  • Federico De Roberto Cover

    Di madre siciliana, studiò all’istituto tecnico di Catania, città nella quale dimorò quasi sempre, salvo un decennio (1888-97) fondamentale per la sua formazione, trascorso a Firenze e a Milano. Amico di Giovanni Verga e di Luigi Capuana, aderì subito al verismo; nel contempo subì però anche l’influsso dello psicologismo di Paul Bourget. L’alternanza, o la compresenza, delle due suggestioni si estese in tutta l'opera di De Roberto, determinando alcuni squilibri sia delle raccolte di novelle (La sorte, 1887; Documenti umani, 1888; Processi verbali, 1890), sia dei numerosi romanzi della giovinezza e della maturità (Ermanno Raeli, 1889; L’illusione, 1891; Spasimo, 1897; Messa di nozze, 1911).Soltanto nel capolavoro, il romanzo... Approfondisci
Note legali